Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Posa come un'azienda americana: una società di software russa lascia il codice in migliaia di app

Posa come un’azienda americana: una società di software russa lascia il codice in migliaia di app

Sostiene di essere un’azienda americana
Una società di software russa lascia il codice in migliaia di app

Google, Apple e molte autorità statunitensi hanno a lungo presunto che il produttore di software Pushwoosh fosse un’azienda americana. Ma poi ci sono dubbi. Secondo un rapporto, la società proviene dalla Russia. Il fondatore afferma di non aver mai nascosto le sue origini.

Secondo l’agenzia di stampa Reuters, migliaia di app negli store online di Apple e Google contengono codice di Pushwoosh, che afferma di essere un’azienda americana ma ha sede in Russia.

Pushwoosh fornisce assistenza per la gestione del codice e dei dati agli sviluppatori di software. Possono usarlo per creare profili delle attività online degli utenti e quindi inviare notifiche personalizzate. Tra i clienti c’era l’esercito americano, che ha smesso di usarlo a marzo per motivi di sicurezza. L’Agenzia statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ha rimosso il codice Pushwoosh dalle sue app dopo che Reuters ha sottolineato la connessione con la Russia. “Il CDC presumeva che Poochoosh fosse una compagnia dell’area di Washington, DC”, ha detto una portavoce.

Infatti, negli Stati Uniti, la società finge di essere una società americana nei documenti ufficiali e sui social media, che si dice abbia sede in California, nel Maryland o nella contea di Washington in vari momenti. Tuttavia, come evidenziato da documenti pubblicamente disponibili in Russia, la sede si trova a Novosibirsk. Vi lavorano circa 40 persone e il fatturato dell’anno scorso è stato pari a 2,4 milioni di dollari. Pushwoosh è registrato presso le autorità russe e paga le tasse in Russia.

La Russia richiede i dati degli utenti alle aziende

In passato, i funzionari in Russia hanno costretto le aziende locali a consegnare i dati degli utenti ai servizi segreti. Non vi sono indicazioni di uso improprio dei dati raccolti da Pushwoosh. “I dati raccolti da Pushwoosh sono simili a quelli che Facebook, Google o Amazon potrebbero raccogliere”, ha affermato il ricercatore di sicurezza Zack Edwards, che ha scoperto l’uso diffuso del codice dell’azienda mentre lavorava presso Internet Safety Labs. “Ma la differenza è che tutti i dati Pushwoosh negli Stati Uniti vengono inviati a server controllati da una società in Russia”.

Google e Apple hanno rifiutato di commentare specificamente Pushwoosh. Secondo gli esperti di Appfigures, l’icona dell’azienda può essere trovata su quasi 8.000 app nei loro negozi. Il fondatore di Bochoosh, Max Konev, ha dichiarato in una e-mail a Reuters a settembre che la sua azienda non aveva mai cercato di nascondere le sue radici russe. “Sono orgoglioso di essere russo e non lo nasconderò mai”, ha scritto. Dopo aver pubblicato la ricerca, la società ha chiarito in un post sul blog di non aver mai posseduto una società registrata nella Federazione Russa. Invece, Bouchouche ha esternalizzato alcuni dei compiti a una società russa a Novosibirsk. Questo contratto è stato risolto nel febbraio 2022. I dati di Pushwoosh verranno archiviati negli Stati Uniti e in Germania.

READ  Vodafone ha lanciato oggi il blocco 3G in diverse città