Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Poco prima di Pasqua: Ver.di indice uno sciopero alla Kaufland e alla Lidl

Poco prima di Pasqua: Ver.di indice uno sciopero alla Kaufland e alla Lidl

Al: 28 marzo 2024 alle 8:21

Il sindacato ver.di ha indetto scioperi di avvertimento nel settore del commercio al dettaglio poco prima delle festività. Sono state colpite le principali catene di supermercati come Lidl e Kaufland. È probabile che le conseguenze per gli acquirenti siano gestibili.

Poco prima di Pasqua, il sindacato ver.di ha invitato i lavoratori del commercio al dettaglio e all'ingrosso a continuare gli scioperi di avvertimento. Oggi, Giovedì Santo, il sindacato intende concentrarsi in particolare sulle catene di supermercati come Lidl e Kaufland.

A livello nazionale sono stati indetti scioperi presso diverse centinaia di aziende del gruppo Schwarz, di cui le due società fanno parte, ha annunciato un portavoce di Verdi. Sono interessate, tra gli altri, filiali e magazzini. Ma gli scioperi di avvertimento possono verificarsi anche in altri settori. Nelle precedenti settimane di lavoro Edika e Rio avevano già scioperato.

Il commercio è pronto agli scioperi

Finora l’azione sindacale ha provocato alcuni scaffali vuoti, ma nella maggior parte dei casi non vi sono state chiusure di negozi. Stephen Harke, direttore della contrattazione collettiva presso l'Associazione tedesca del commercio (HDE), non si aspetta conseguenze importanti sui clienti a seguito dello sciopero. “Le aziende commerciali hanno dimostrato negli ultimi mesi di essere in grado di gestire bene gli scioperi”, ha affermato. Il settore si è preparato bene per i lavori di Pasqua e già prima di Natale aveva dimostrato di essere in grado di gestire gli scioperi.

Un portavoce di Kaufland ha detto riguardo agli scioperi di avvertimento: “Le filiali sono aperte normalmente e le consegne vengono effettuate. I consumatori possono fare acquisti come al solito”. Lidl non si è mostrata immediatamente disponibile per rilasciare dichiarazioni. Il giovedì prima delle lunghe vacanze di Pasqua è un giorno di vendita particolarmente importante per i rivenditori in Germania. HDE prevede un fatturato di 2,2 miliardi di euro per l'intero business pasquale. Il risultato si basa su un sondaggio rappresentativo di circa 1.000 consumatori.

READ  Briefing di mezzogiorno - Imprese e Mercati -2- | newsletter

I negoziati sulla contrattazione collettiva sul commercio sono sospesi

La contrattazione collettiva per circa cinque milioni di lavoratori del commercio al dettaglio ha fatto pochi progressi per mesi. Anche diversi scioperi di avvertimento non sono riusciti a cambiare la situazione caotica. Ver.di richiede, tra l'altro, almeno 2,50 euro aggiuntivi l'ora nel commercio al dettaglio in tutte le regioni e per un anno. Verdi ha detto che le imprese hanno continuato a rifiutare le trattative e hanno cercato di indebolire la voglia di scioperare aumentando unilateralmente i salari.

“Come datori di lavoro, quasi un anno fa abbiamo presentato un'offerta nel primo ciclo di trattative nel Baden-Württemberg e l'abbiamo migliorata altre tre volte nel corso del ciclo di contrattazioni collettive”, ha affermato Harke, direttore delle contrattazioni collettive di HDE. Questa offerta avrebbe portato ad aumenti dei salari reali, soprattutto perché l’inflazione era in calo.

Gli affari di Pasqua aiutano il commercio

Recentemente il commercio al dettaglio tedesco ha ricominciato a sentire il profumo dell'alba. L'indice sulla situazione attuale delle imprese è salito a -7,3 punti a marzo, dopo i -18,1 punti di febbraio, ha reso noto oggi l'istituto Ifo di Monaco nel suo sondaggio tra le imprese. Anche le aspettative delle imprese sono migliorate in modo significativo. Commentando gli sviluppi, Patrick Hübner, esperto dell’Ifo, ha dichiarato: “Il pessimismo che ha prevalso negli ultimi tempi sta diminuendo”. “Chiaramente il business di Pasqua è stato un punto positivo per molti rivenditori.” Il punto è che pochi rivenditori hanno intenzione di aumentare i prezzi nei prossimi mesi come hanno fatto tre anni fa.

I negozi di ferramenta e di utensileria, i commercianti di biciclette e i rivenditori di abbigliamento valutano la situazione degli affari in modo più favorevole rispetto al mese precedente. Le cose miglioravano anche per i rivenditori di prodotti alimentari. “I rivenditori possono contare sugli affari a Pasqua, soprattutto quando si tratta di dolci”, ha detto Hubner.

READ  Mirando alla neutralità climatica, Telekom supporta le aziende con soluzioni cloud, Gütsel Online, OWL live

Recentemente alcune aziende commerciali, tra cui il gruppo Schwarz con sede a Neckarsulm nel Baden-Württemberg, hanno annunciato che avrebbero aumentato i salari dei propri dipendenti. I rivenditori di generi alimentari hanno seguito la raccomandazione dell’HDE di aumentare volontariamente i salari prima dell’accordo formale di contrattazione collettiva e di compensarli successivamente con l’accordo di contrattazione collettiva.