Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

In arrivo la normativa Ue sulla filiera: cosa c'è nel testo dell'accordo

Cosa dice la Direttiva Europea sulla Catena di Fornitura? Cosa dovrebbero fare esattamente le aziende?

Anche se l’attuale disegno di legge è molto meno rigoroso dell’originale, è considerato una pietra miliare. Testo dell'accordo Può essere letto qui. La versione europea della legge sulla catena di fornitura impone alle aziende europee di garantire i diritti umani e gli standard ambientali lungo le loro catene di fornitura, comprese le aziende fornitrici. La legge sarà pienamente attuata solo a partire dal 2032.

Le aziende devono prima analizzare i rischi per i diritti umani tra i propri fornitori e poi eliminarli il più possibile. Ciò significa che grandi aziende come H&M, Porsche o Woolworth devono garantire attivamente che non ci siano bambini o lavoro forzato tra i loro fornitori, pagare il salario minimo e molto altro ancora.

Se si verifica un danno, le aziende devono risarcirlo e talvolta denunciarlo pubblicamente. Se condividono la responsabilità del danno, sono responsabili. Le persone colpite potranno quindi citare in giudizio le aziende nei tribunali europei per ottenere un risarcimento.

Le aziende devono inoltre istituire specifici meccanismi di reclamo e impegnarsi con gli individui e le comunità colpiti negativamente dalle loro azioni. Tuttavia, secondo la Presidenza del Consiglio belga, agli Stati membri dovrebbe essere concessa maggiore flessibilità nell’attuazione del regolamento.

Gli obblighi di dovuta diligenza dovrebbero essere monitorati dalle autorità di vigilanza di ciascuno Stato membro dell’UE. Anche le società straniere non sono esenti dalla legge. Devono nominare un rappresentante autorizzato con sede nello Stato membro dell’UE in cui operano per mantenere i contatti con le autorità di vigilanza per loro conto in relazione alla due diligence. Le aziende che non rispettano i propri obblighi potrebbero essere soggette a sanzioni fino al 5% delle vendite nette globali.

READ  Colpiti 270 dipendenti: la prossima azienda di moda è insolvente