Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ostaggio nella Striscia di Gaza: un insegnante delle Nazioni Unite tiene in braccio un bambino israeliano!  |  Politica

Ostaggio nella Striscia di Gaza: un insegnante delle Nazioni Unite tiene in braccio un bambino israeliano! | Politica

Sarebbe un incidente vergognoso che viola tutti i valori per i quali sono state fondate le Nazioni Unite.

Un ostaggio israeliano rilasciato ha detto di essere stato rinchiuso nella sua soffitta per più di 50 giorni da un insegnante dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione (UNRWA). Pertanto, l’insegnante delle Nazioni Unite stava prestando “servizio” per l’organizzazione terroristica Hamas. Lo ha riferito il giornalista Boker Almog del canale israeliano 13.

Inoltre, un altro medico è stato tenuto in ostaggio, ha scritto su Twitter. Secondo le informazioni ricevute dall’autore, i due ostaggi sono i fondatori del Tel Aviv Institute Sono un mix A proposito di bambini.

L’insegnante delle Nazioni Unite era insegnante e padre di dieci figli. Ha trattato male l’ostaggio, dandogli poco cibo e nessuna assistenza medica, pur continuando a fornire cure amorevoli alla sua famiglia.

L’autenticità di questo rapporto, che ha suscitato scalpore in Israele, non può ancora essere verificata.

Un dipendente dell’ONU rapito da Hamas?

Questa non è la prima volta che l’UNRWA (l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi) è sospettata di cooperare segretamente con Hamas.

◀ Questo è stato rivelato più volte Le scuole dell’UNRWA insegnano la propaganda dell’odio contro gli ebrei e Israele fin dalla tenera età. Nel mese di marzo l’organizzazione non governativa United Nations Monitor ha individuato 133 casi simili.

◎︎ Dopo il 7 ottobre, secondo UN Watch, almeno 20 insegnanti dell’UNRWA hanno elogiato sui social media i massacri di Hamas.

◀︎ Soprattutto, vi sono critiche fondamentali al ruolo disastroso svolto dall’UNRWA nel conflitto in Medio Oriente. Con ciò, nel 1949, le Nazioni Unite stabilirono una propria autorità per alcune centinaia di migliaia di rifugiati palestinesi (che all’epoca non si chiamavano ancora “palestinesi”).

READ  Barricate e sparatorie: tensioni nel nord del Kosovo

Ma invece di garantire che essi, come tutti gli altri rifugiati nel mondo assistiti dall’UNHCR, si stabilissero da qualche parte (gli stati arabi si sono opposti a questo), ha creato la propria definizione di “rifugiato” per i palestinesi che hanno ereditato lo status di rifugiato.

La Germania aumenta i fondi dell’UNRWA

L’UNRWA è finanziata quasi esclusivamente attraverso contributi volontari dei governi di tutto il mondo e di alcuni attori del settore privato. Con 30.000 dipendenti, è anche uno dei maggiori datori di lavoro nei territori palestinesi, dove gestisce più di 500 scuole e distribuisce aiuti umanitari.

Uno dei maggiori donatori: la Germania.

La Repubblica Federale finanzia l’UNRWA attraverso pagamenti alle organizzazioni delle Nazioni Unite e fondi dell’Unione Europea, nonché direttamente attraverso il Ministero Federale per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (BMZ) e il Ministero degli Affari Esteri.

Secondo l’UNRWA, la Germania ha versato 180 milioni di euro ai progetti delle Nazioni Unite nel 2022.

Il 24 ottobre, il ministro degli Esteri Annalena Baerbock (42, Verde) ha annunciato nel suo discorso al Consiglio di sicurezza dell’ONU: “(Stiamo) aumentando i nostri aiuti umanitari a Gaza di 50 milioni di euro, di cui 19 milioni di euro andranno all’UNRWA. “

READ  Il portavoce di Putin minaccia apertamente Selinsky di escalation

Un camion appartenente all’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA) trasporta beni umanitari a Gaza

Fotografia: Amr Abdullah Dalsh/Reuters

Rimarrà così? Un portavoce del Ministero degli Esteri ha detto alla Bild: “È assolutamente chiaro: la violenza, l’antisemitismo e la negazione del diritto di Israele ad esistere sono per noi assolutamente inaccettabili. Se le affermazioni della persona rapita si rivelassero vere, l’UNRWA dovrà trarre immediatamente le conclusioni. L’UNRWA ha costantemente assicurato a noi e agli altri donatori che l’UNRWA è pienamente impegnata nei valori delle Nazioni Unite e nei principi umanitari e mantiene una politica di tolleranza zero contro le richieste di violenza e odio da parte del suo personale.

Politico del Partito Democratico Libero: Metti alla prova l’UNRWA a Gaza

“È ora di imporre condizioni sui fondi stanziati a Gaza e, se ciò non fosse possibile, prepararsi alla fine a congelarli”, chiede il politico straniero del Partito democratico libero Frank Müller-Rosentreit (41 anni). Il fatto che il Dipartimento di Stato lo aumenterà, al contrario, è “difficile da comprendere”.

“Chi ha familiarità con questa questione sa da tempo che l’UNRWA era parte del problema, non la soluzione”, ha continuato Müller-Rosentritt, “ora è chiaro al mondo intero”.

Egli chiede: “Dopo questa guerra dobbiamo valutare correttamente l’UNRWA, come stabilito nell’accordo di coalizione governativa a semaforo, e poi trarre le necessarie conclusioni”.

I requisiti minimi dovrebbero essere: tutti coloro che lavorano per l’UNRWA devono firmare il riconoscimento del diritto di Israele ad esistere e a combattere l’antisemitismo. “E dobbiamo verificare se ciò viene attuato”, afferma il politico della FDP.

Müller-Rosentritt ritiene che anche la situazione dei profughi palestinesi debba essere studiata. È da tempo obsoleto e impedisce a milioni di palestinesi di liberarsi dall’immaturità con una prospettiva di vita.

READ  Corona: L'Italia vuole riaprire le porte ai turisti da metà maggio - in queste circostanze