Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ostacoli alla consegna: ecco come le aziende cercano di evitare le difficoltà

Ostacoli alla consegna: ecco come le aziende cercano di evitare le difficoltà

Getty Images

Sempre più navi sono bloccate nei principali porti statunitensi: ciò mette a rischio la catena di approvvigionamento globale e può influire sui prezzi dei prodotti.

Per contrastare ciò, i produttori e i rivenditori di prodotti devono ripensare al loro approccio e utilizzare modi alternativi per spedire le loro merci.

In alcuni casi, questo è così costoso che le piccole imprese non possono permettersi i costi aggiuntivi e sono quindi svantaggiate rispetto alle grandi imprese.

Con sempre più grandi navi da carico bloccate nei principali porti statunitensi, la catena di approvvigionamento globale è in pericolo. Quindi le aziende sono costrette a spedire le loro merci in altri modi per evitare colli di bottiglia e relativi aumenti di prezzo. Poco prima dell’inizio di Natale, ora devono passare a strategie di consegna più costose, a partire dalle navi portarinfuse che hanno noleggiato per i prodotti trasportati in aereo e la merce in magazzino.

La scorsa settimana, il produttore di bevande Coca-Cola ha annunciato che in futuro noleggerà navi portarinfuse. Questi sono solitamente usati per trasportare carbone, ferro e grano. Un mese fa, i rivenditori Target e Costco hanno annunciato che avrebbero noleggiato le loro navi portacontainer in futuro per ottenere un maggiore controllo sul processo di consegna ed evitare ritardi. In tal modo, si sono uniti ad altre aziende come Walmart, Home Depot e Ikea.

Walmart aveva già annunciato in una conferenza stampa sul bilancio ad agosto che avrebbe noleggiato le proprie navi per prepararsi all’attività natalizia. Perché quando le grandi aziende si affidano a società di logistica più piccole, hanno meno controllo sul trasporto delle loro merci e devono comunque pagare un prezzo elevato. Anche le navi a noleggio sono più costose. Una nave che può trasportare 3.000 container da 6 metri costa in media 40.000 dollari al giorno. Secondo il Drewry World Container Index, questo prezzo è ancora al di sopra dei prezzi standard di oltre $ 20.000 USD per la spedizione di un container di 6 metri dall’Asia agli Stati Uniti.

Leggi anche

4 scenari Brexit – e cosa significano per le startup tedesche

Walmart ha anche iniziato a noleggiare navi più piccole. Poiché questi possono essere ancorati in nicchie più piccole e non troppo affollate, è necessario creare nuove capacità. Il gruppo di mobili Ikea ha anche annunciato ad agosto che avrebbe inviato merci tramite navi che aveva noleggiato e acquistato i propri container. Anche la serie DIY Home Depot ha annunciato all’inizio dell’estate di voler spedire le merci sulle proprie navi.

In aereo è molto più costoso che in mare

Il rivenditore canadese Lululemon ha detto ai suoi investitori a settembre che avrebbe aumentato la sua attenzione sul trasporto aereo. Questo per evitare di sovraccaricare le porte. Il trasporto di merci per via aerea è molto più costoso del trasporto marittimo. La spedizione via mare, che costa circa $ 195, può costare $ 1000 per via aerea.

Ted Decker, presidente e direttore operativo di Home Depot, riferisce anche che l’azienda ora trasporta “articoli più piccoli e di qualità superiore” come gli utensili elettrici. Il produttore di fitness Peloton ha anche investito $ 100 milioni in metodi di consegna alternativi per evitare lunghi tempi di attesa. E a gennaio, il rivenditore online Amazon ha acquistato undici Boeing 767 da utilizzare come aerei cargo.

Le piccole imprese sono lasciate indietro

Il risultato è che le aziende più grandi hanno maggiori probabilità di espandere il loro potere di mercato, mentre i rivenditori più piccoli che non possono permettersi metodi di consegna alternativi rimangono indietro.

“Quando si tratta di colli di bottiglia come questo, le grandi aziende vincono quasi sempre”, ha affermato Douglas Kent dell’Association for Supply Chain Management. “Le piccole aziende non hanno il capitale per stare al passo. Molte stanno già lottando per sopravvivere. Dovranno inevitabilmente trasferire costi aggiuntivi ai clienti. C’è il rischio di perdere le aziende più grandi che possono permettersi i costi stessi. “

Lisa Ramos Dossi ha tradotto questo testo dall’inglese. Puoi trovare l’originale Qui.

Leggi anche

“Pronto a spingere è esploso”: Marcus Dieckmann, CEO di Rose Bikes, sul cambiamento nel settore delle biciclette e sui lunghi tempi di consegna

READ  Perdite inferiori: guai se i tassi di interesse salgono