Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Tutti gli indicatori in rosso: i dati sui posti di lavoro inviano volatilità a Wall Street

Tutti gli indicatori in rosso: i dati sui posti di lavoro inviano volatilità a Wall Street

Tutti gli indicatori sono in rosso
I dati sul lavoro scuotono Wall Street

I dati sull’occupazione negli Stati Uniti non sono né buoni né cattivi. Il tasso di disoccupazione scende significativamente più del previsto, ma vengono creati meno posti di lavoro di quanto sperato. Questo sconcerta anche gli investitori. Quando il mercato è chiuso, tutti gli indicatori sono in rosso.

Un sorprendente aumento di posti di lavoro negli Stati Uniti a settembre ha smorzato il sentiment a Wall Street alla fine della settimana. Tuttavia, gli investitori non sono stati in grado di vedere alcun segno chiaro del percorso di politica monetaria della banca centrale, dato il simultaneo forte calo del tasso di disoccupazione. Gli indicatori statunitensi hanno oscillato da positivo a negativo e recentemente sono stati tutti in rosso.

subordinare Indice Dow Jones Ha perso 9 punti a 34.746 punti. per lui S & P-500 È diminuito dello 0,2 percento, che è la tecnologia pesante Nasdaq– Il composto è diminuito dello 0,5%.

Standard & Poor’s 500 4,390,16

Il mese scorso, negli Stati Uniti sono stati creati solo 194.000 posti di lavoro al di fuori dell’agricoltura, mentre gli economisti si aspettavano all’unanimità che sarebbero stati creati 500.000 posti di lavoro. Tuttavia, il tasso di disoccupazione è sceso più notevolmente del previsto al 4,8 percento, che è stato visto al 5,1 percento. Inoltre, i dati di agosto sono stati rivisti al rialzo.

Gli economisti si aspettavano che l’eliminazione graduale degli aiuti per l’epidemia e la riapertura delle scuole avrebbero incoraggiato più persone a lavorare. Il rapporto sul mercato del lavoro per il fornitore di servizi privato ADP, pubblicato mercoledì, è stato molto migliore del previsto.

Come sta reagendo la Federal Reserve?

Sembra dubbio che i dati presentati ora indurranno la Federal Reserve statunitense a ripensare ai suoi piani di politica monetaria. I rendimenti obbligazionari più elevati hanno indicato che il mercato non si aspettava di abbandonare i piani di riduzione.

Ryan Detrick, chief market strategist presso l’asset manager LPL Financial, ha affermato che i numeri non hanno cambiato radicalmente la posizione di partenza della Fed. È probabile che la banca centrale riduca i suoi acquisti di obbligazioni prima della fine dell’anno. “Nel complesso, questo è ancora in linea con la crescita sostenibile dell’occupazione aggregata”, ha affermato Scott Brown, capo economista di Raymond James. “Potrebbe non essere forte come speravamo, ma sta ancora mostrando segni di miglioramento”.

“Uno sguardo dietro le quinte mostra che le condizioni degli affari sono più tese di quanto suggeriscano i titoli. Con i salari annuali in aumento del 4,6% e il tasso di disoccupazione che scende al 4,8%, le condizioni aziendali sembrano essere il caso”, ha affermato Charlie Ripley, un analista presso Allianz.

Nella sua ultima riunione sui tassi di interesse di settembre, la Fed ha deciso di iniziare a ridurre i suoi acquisti di obbligazioni a novembre. Il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell ha affermato che un rapporto “decente” sull’occupazione per settembre sarebbe stato sufficiente per lui.

Lo studio sul Covid stimola Vaxart

faxart L’1,4% è diventato rosso, anche se la vaccinazione orale contro il Covid-19 dell’azienda ha ridotto la trasmissione aerea del coronavirus negli esperimenti sugli animali.

Supporto per l’acquisto di azioni Come del 2,5 per cento. La società sta acquistando la compagnia assicurativa dell’Asia Pacifico Cigna per 5,75 miliardi di dollari, seguendo la sua strategia di espansione nella regione. Cigna è aumentata leggermente dello 0,2 per cento.

Il prezzi del petrolio stretto, sostenuto da una dichiarazione del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti che non intende rilasciare riserve petrolifere del governo per frenare gli aumenti dei prezzi. Ora, è probabile che gli operatori del mercato petrolifero si concentrino nuovamente sulla carenza di offerta, ha affermato Helge Andre-Martinsen di DNB Markets. Ha affermato che la tendenza al passaggio dal gas al petrolio potrebbe far aumentare i prezzi del petrolio durante i prossimi mesi invernali. Il dollaro è sceso leggermente dopo i dati del mercato del lavoro. L’indice del dollaro è sceso dello 0,2 per cento.

READ  Panoramica di dpa-AFX: Aziende - Le principali notizie del fine settimana