Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ogni quinta azienda metallurgica è a rischio

  1. Pagina iniziale
  2. Affare

creatura:

Molte aziende dell’industria metallurgica ed elettrica hanno dovuto ridurre la loro produzione. © Jens Büttner / dpa-Zentralbild / dpa

Prima il corona, poi la carenza di materiale, e ora la guerra.. la situazione nelle industrie metallurgiche ed elettriche è ancora tesa. L’industria mette nuovamente in guardia contro il divieto del gas.

BERLINO – L’aumento dei costi dell’energia e dei materiali, nonché l’incertezza economica causata dalla guerra in Ucraina, hanno creato una notevole incertezza nel settore dei metalli e dell’elettricità.

Un’azienda su cinque del settore vede la propria esistenza a rischio a causa dell’attuale contesto economico, secondo l’attuale sondaggio aziendale condotto dall’associazione dei datori di lavoro Gesamtmetall, a disposizione di dpa.

“Gli aumenti dei costi stanno colpendo enormemente le aziende”, ha affermato Oliver Zander, direttore generale di Gesamtmetall. Questi sono ovviamente gli effetti degli aumenti dei prezzi dell’energia, degli aumenti dei prezzi dei materiali, ecc. Questo mangia attraverso”. L’80% delle aziende intervistate si considera ‘in gran parte’ colpito dall’aumento dei costi.

Interruzioni della catena di approvvigionamento e carenza di materie prime

Quasi un terzo delle aziende ha anche affermato di aver ridotto la produzione in modo significativo o di dover ancora farlo nell’anno in corso. “Ha a che fare con catene di approvvigionamento interrotte e ingorghi nei porti globali”, ha affermato Zander. La carenza di semiconduttori continua a incidere sulla produzione nell’industria automobilistica. C’è carenza di materie prime e prodotti primari.

Zander ha nuovamente avvertito del divieto del gas russo. In una situazione del genere si devono temere massicce perdite di produzione. Quasi una società su quattro presume che ci sarà un arresto completo della produzione se il gas si interrompe. “Ciò interesserà 300.000 dipendenti delle aziende che hanno partecipato al sondaggio da sole”, ha affermato Zander.

READ  L'azienda richiama i pistacchi a causa della salmonella

È probabile che anche le infrastrutture critiche, che risultano in più della metà delle aziende intervistate, siano interessate. Ciò riguarda i prodotti di tecnologia medica, nonché i prodotti per i settori dell’energia e dei trasporti o delle infrastrutture di trasporto. “Ad un certo punto le perdite di produzione avranno un impatto lì”, ha detto il presidente del sindacato.

Gli investimenti sono differiti

Secondo il sondaggio, oltre il 55% delle aziende sta posticipando o rinviando gli investimenti imminenti a causa dell’aumento dei costi. “È difficile, perché se non investi, la crescita della produzione diminuirà in seguito”, ha affermato Zander. Tutte le aziende devono affrontare un cambiamento strutturale. Richiede un investimento elevato. Se i soldi non possono più essere fatti per questo, sarà un ostacolo a lungo termine per l’intero Paese”.

Molte aziende stanno assumendo un ruolo guida nel contesto economico teso: più della metà sta cercando di espandere le proprie catene di approvvigionamento. In misura minore (14%) stanno trasferendo la produzione in Germania o in altri paesi dell’UE. Una società su cinque ha riferito che stava licenziando dipendenti.

Il tour tariffario è obbligatorio in autunno

La tempistica del rilascio del Total Metal Survey non è casuale. Lunedì, IG Metall prevede di pubblicare la sua raccomandazione per la sua prossima tornata di contrattazione collettiva nel settore dei metalli e dell’elettricità in autunno. Il presidente dell’Unione Jörg Hoffmann aveva già chiesto un forte aumento salariale anticipato a causa dell’elevata inflazione.

Secondo Gesamtmetall, più di 1.400 aziende hanno partecipato al sondaggio di settore tra il 16 e il 31 maggio. Rappresentano circa il 42% di tutti i dipendenti del settore. dpa

READ  Tesla Bull: gli investitori ottengono 3 società in 1