Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Novak Djokovic: “Non è trattenuto in Australia”

gli sport Ministro degli Interni australiano

“Il signor Djokovic non è trattenuto in Australia”

“Milioni di australiani sono frustrati dalla prospettiva di un’eccezione”

Novak Djokovic vuole vincere il suo decimo titolo all’Australian Open. Poiché non è stato vaccinato, le autorità vogliono che se ne vada. La star del tennis si ribella al suo avvocato. Ha una possibilità? Andrei Antik, caporedattore della rivista di tennis sullo scandalo.

Il padre della star del tennis Novak Djokovic ha denunciato che suo figlio era “in prigione” dopo che il suo ingresso era stato vietato. Il governo australiano nega queste accuse. Il ministro dell’Interno ha sottolineato che l’atleta può partire in qualsiasi momento.

unIl governo australiano ha contraddetto le accuse del padre di Novak Djokovic secondo cui la star del tennis sarebbe stata imprigionata “in prigione” dopo essere atterrata a Melbourne. “Il signor Djokovic non è in custodia in Australia, può andare in qualsiasi momento e la polizia di frontiera sarà felice di aiutare”, ha detto venerdì il ministro degli Interni Karen Andrews a ABC News.

In precedenza aveva difeso le azioni delle autorità e aveva dichiarato al canale televisivo Seven Network che il tennista serbo non era riuscito a fornire le informazioni corrette per entrare in Australia: “Sei richiesto a tutti coloro che entrano nel paese. Se queste informazioni non possono essere fornite, i requisiti di ingresso in Australia non sarà soddisfatta.”

Djokovic vuole giocare agli Australian Open, che iniziano il 17 gennaio. Poiché chiaramente non è immune, ma di solito è richiesto un certificato di vaccinazione prima di entrare nel paese, al 34enne è stata concessa una controversa esenzione medica. E con ciò è atterrato mercoledì sera (ora locale) a Melbourne. Tuttavia, le guardie di frontiera non hanno visto che le regole di ingresso erano state rispettate, quindi Djokovic ha dovuto trascorrere due notti in un hotel per coloro che dovevano lasciare il Paese, che accoglie anche i richiedenti asilo respinti. Djokovic le ha fatto causa. Un tribunale di Melbourne vuole prendere una decisione lunedì.

Leggi anche

Divieto d’ingresso in Australia

Djokovic “in prigione” in Australia, suo padre ha calunniato Sarjan giovedì in una conferenza stampa a Belgrado, definendo suo figlio un “combattente per la libertà”. Anche il presidente serbo Aleksandar Vucic ha espresso indignazione per le “molestie nei confronti del miglior tennista del mondo” e il primo ministro Ana Brnabic ha accusato le autorità australiane di ragioni politiche per i loro rapporti con Djokovic. Il ministero degli Esteri serbo ha persino chiesto all’ambasciatore australiano a Belgrado di parlare con Djokovic del suo “trattamento inappropriato e disumano” giovedì.

READ  Il costruttore di pattinaggio artistico vince a Carezza