Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nonostante l’antisemitismo: ZDF vuole tenere occupato il creatore di scandali – politica interna

Dopo che un Rapporto sullo sviluppo mondiale ha messo in dubbio la cooperazione con Nami Al-Hassan (28) sulle accuse di antisemitismo e alla fine l’ha conclusa, ZDF è dietro il presentatore. Al-Hassan continuerà a lavorare sul formato funk “Der Fall” supportato da ZDF.

La radio ha annunciato questo giovedì su richiesta di BILD. Il quotidiano afferma che la redazione che supervisiona ZDF “è in stretto contatto con l’autrice e, a causa di precedenti collaborazioni, non vede motivo di dubitare della sua professionalità giornalistica”.

In sostanza: “Chiunque metta in discussione apertamente e pubblicamente il diritto all’esistenza dello Stato di Israele o che si esprima come antisemita – e non lo riveda in modo affidabile – non può lavorare per i prodotti ZDF o ZDF”.

Al-Hassan ha partecipato a manifestazioni di odio antisemita alcuni anni fa e ha sostenuto i post anti-israeliani su Instagram con “mi piace” solo pochi mesi fa.

Tra questi c’erano slogan come “L’antireligione è un dovere” o “Dal fiume al mare, la Palestina è libera” (“Dal fiume al mare, la Palestina è libera”) a significare l’annientamento dello Stato di Israele. Al-Hassan ha anche sostenuto contributi alla campagna BDS, che chiede il boicottaggio delle merci israeliane e che il Bundestag classifica come antisemita.

A metà settembre, il Rapporto sullo sviluppo mondiale ha sospeso la nomina di Al-Hassan a presentatore del programma scientifico “quark” per indagare sulle accuse. Tuttavia, a questo punto, non ha escluso di impiegarla dietro la macchina da presa come autrice.

È stato solo quando il medium ha espresso ancora una volta la sua solidarietà con le organizzazioni e le campagne anti-israeliane in un articolo ospite sul “Berliner Zeitung” il 2 novembre e ha criticato il World Development Report per la sua condotta, Il presentatore ha finalmente annullato la collaborazione. “Non c’è più alcuna fiducia per la cooperazione in futuro”, afferma il Rapporto sullo sviluppo mondiale.

READ  Si parla di rifugiati a Lanes: "competizione brutale" ai confini dell'UE