Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nations League: il Belgio di nuovo a mani vuote

Yannick Carrasco (37) e Romelu Lukaku (40) hanno dato al Belgio un netto vantaggio, prima che Karim Benzema (62) e Kylian Mbappe (69 / calcio di rigore) restituissero i francesi e Theo Hernandez al 90 ‘finalmente affondasse il “Red Devil”. Per le forze di Martinez, a tre mesi dai quarti di finale agli Europei, c’è stato di nuovo solo il vuoto. “Nel secondo tempo, ci siamo emozionati e abbiamo pensato di arrivare in finale il prima possibile invece di limitarci a fare la nostra partita”, ha detto Martinez.

“Improvvisamente è diventata una partita che volevamo finire. A quel punto abbiamo smesso di giocare”, ha detto il 48enne, parlando di un “modo disperato” in cui la sua squadra stava lottando per il titolo da anni. Negli ultimi due Campionati Europei, hanno fallito nei quarti di finale e sono arrivati ​​terzi alla Coppa del Mondo 2018. I fan devono aspettare il loro primo titolo internazionale dalla vittoria olimpica nel 1920.

Hernandez conferma la vittoria della Francia

La Francia è entrata nella finale della Nations League giovedì. I campioni del mondo hanno vinto a Torino in un vero e proprio scambio di colpi contro il Belgio dopo lo svantaggio di 0:2 con 3:2 La Spagna, che mercoledì ha battuto 2-1 i campioni d’Europa dell’Italia, attende la finale di domenica.

Tuttavia, Martinez era ottimista sul fatto che la sua squadra, che domenica incontrerà l’Italia nello spareggio per il terzo posto (ore 15, in diretta su ORF1), imparerà le lezioni giuste. “Quello che devi portare con te è la dedizione e la volontà di esserci. Siamo nelle fasi giuste delle competizioni. Ora dobbiamo assicurarci di imparare da lui”, ha detto l’allenatore, che è con i belgi dal 2016 Non vedeva l’ora che arrivassero i Mondiali del 2022 in Qatar. “Sentiamo tutti il ​​dolore come nazione, ma tra dodici mesi avremo un grande evento”.

READ  Le ultime mosse di mercato della Fiorentina

L’Italia prende facilmente la fine della serie dei record

Gli italiani hanno preso parte a un torneo del genere solo in estate. Quindi la prima sconfitta in più di tre anni è stata più facile da affrontare per il campione d’Europa. 1:2 contro la Spagna nelle semifinali della Nations League a Milano, l’allenatore della squadra, Roberto Mancini, così come i tifosi, è stato valutato a causa delle circostanze di accompagnamento. “Noi rimaniamo i campioni”, ha detto giovedì il quotidiano sportivo Gazzetta dello Sport, quasi con aria di sfida.

Gli azzurri hanno giocato 37 partite senza sconfitte dalla sconfitta per 1-0 contro il Portogallo nel settembre 2018, stabilendo un record. Sono passati esattamente tre mesi da quando il 4-2 degli italiani contro la Spagna ai calci di rigore a Londra ha segnato il penultimo step per il titolo europeo. Quando ci siamo ritrovati a San Siro, l’importanza sportiva non era così alta, però, oltre a un posto nella finale di domenica (ore 20.45, in diretta su ORF1), era anche una questione di prestigio.

Critiche dopo la sconfitta dell’Italia

Nella semifinale di Nations League contro la Spagna, l’Italia ha perso di nuovo per la prima volta dopo 37 partite. Allenatori e giocatori non risparmiano denaro.

Mancini ha ritenuto fondamentale l’esclusione di Leonardo Bonucci poco prima della ripresa (42). Il difensore 35enne ha attaccato goffamente con il gomito in avanti ed è stato ammonito per la seconda volta. “Non voglio incolpare nessuno, ma l’esclusione ha condizionato la partita”, ha detto Mancini. Ha detto che una sconfitta contro i potenti spagnoli “renderà solo la sua squadra più forte”. “È meglio perdere stasera che perdere l’Europeo o la finale dei Mondiali”, ha detto Mancini alla fine della serie di record.

READ  Red Bull si avvicina alla FIA per quanto riguarda la Mercedes: "È sorprendente"

La Spagna sfida i campioni del mondo

Gli spagnoli stanno ora giocando per il prossimo titolo e potrebbero vincere il loro primo titolo importante da quando hanno vinto il Campionato Europeo nel 2012. In finale, gli spagnoli vogliono anche tenere fuori dai loro giochi i campioni del mondo di Francia. Quando si tratta di passaggi, pressioni estreme e calcio, la squadra spagnola attualmente non sta ingannando nessuno. Oltre alla giovane stella Javi (17), il sostituto Yeremi Pino (18), il doppiatore Ferran Torres (21) e Pedri e Ansu Fati (18 ciascuno), che questa volta sono infortunati, sono tutte promesse per il futuro. Ci sono anche alcuni giocatori che sono nella loro infanzia come il calcio.

In ogni caso, la finale promette di essere un’emozione, come la Francia ha riportato in modo impressionante 101 giorni dopo l’infamia di Coppa dei Campioni contro la Svizzera – quando i francesi sono andati 3-1 fino all’81’ e hanno perso ai rigori. “Questo è il calcio che amiamo”, ha detto l’allenatore Didier Deschamps dopo la sua arrabbiata rimonta contro il Belgio. “Se sei dalla parte buona dei pazzi, va bene. In estate eravamo dalla parte cattiva.”

In ogni caso, le stelle francesi non si sono tirate indietro dopo aver mostrato forza contro i “Red Devils” sui social. “Una rimonta che durerà e un posto in finale. Ottimo lavoro da parte di tutta la squadra. Ci vediamo domenica”, ha scritto la star Mbappe. Anche Antoine Griezmann, Paul Pogba e Karim Benzema hanno pubblicato foto di giubilo su Instagram dopo che la squadra è andata 0- 2 ed eliminato il numero uno del mondo.

READ  L'ex stella del ciclismo Jan Ulrich parla dopo Maiorca: "Era un sogno"