Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nastro delle notizie Corona: RKI registra meno di 1.500 nuove infezioni

  • 08:49: ➤ RKI registra 1.489 nuovi casi di corona – 17,3
  • 07:52: Studio: l’alto tasso di vaccinazione riduce il rischio di infezione da corona nei giovani non vaccinati
  • 06: 51 ora: Le acque reflue mostrano lo sviluppo della corona: l’esperto sollecita l’attuazione

Aggiorna il live tape Corona qui

➤ RKI registra 1.489 nuovi casi di corona – 17,3

Le autorità sanitarie in Germania ce l’hanno Istituto Robert Koch (RKI) ha riportato 1.489 nuovi casi di corona in un giorno. Questo deriva dai numeri di domenica mattina, che riflettono lo stato del cruscotto RKI alle 4:58 del mattino. Per fare un confronto: una settimana fa il valore era di 2440 visite. L’RKI ha riportato un evento nazionale di domenica mattina di sette giorni di 17,3 (giorno precedente: 18,3; settimana precedente: 24,7).

Secondo le informazioni, sono stati registrati 18 nuovi decessi in tutta la Germania entro 24 ore. Una settimana fa erano 74 i morti.

L’RKI ha messo il numero di coloro che hanno recuperato a 3.576.800. Il numero di persone che sono morte con o per un’infezione confermata da SARS-CoV-2 è ora di 89.834.

Secondo il rapporto sullo stato dell’RKI di sabato sera, il valore R di sette giorni a livello nazionale era 0,85 (giorno precedente: 0,83). Ciò significa che 100 persone infette infettano teoricamente altre 85 persone. Il valore R rappresenta l’incidenza dell’infezione da 8 a 16 giorni prima. Se è inferiore a 1 per un periodo di tempo più lungo, il processo di infezione si attenua; Se è costantemente più alto, il numero di casi aumenta.

Altre notizie di Corona per oggi:

Due test positivi al corona nella squadra di slalom brasiliana

10:03: La squadra di slalom brasiliana è risultata positiva al Corona ai Mondiali di Praga. La squadra è attualmente in isolamento in hotel. Con le Olimpiadi in mostra a Tokyo, gli atleti saranno separati da spettatori e fan nella cosiddetta bolla Corona. E anche ai Mondiali del prossimo fine settimana a Markkleberg, vicino a Lipsia, dove saranno i prossimi canoisti.

READ  Londra è minacciata da una "tempesta perfetta" da Brexit e Corona?

Maiorca vuole consentire l’apertura delle discoteche da metà luglio

09:33: La vita sta tornando sempre più alla normalità nell’isola festosa di Maiorca: discoteche, bar e altri locali notturni dovrebbero poter riaprire intorno a metà luglio nel contesto della ben sviluppata situazione Corona sull’isola, una delle preferite dai tedeschi e in altre Baleari isole, come riporta il quotidiano “Diario de MaiorcaSegnalato sabato, citando il governo regionale di Palma.

I luoghi di intrattenimento dovrebbero riaprire secondo i piani di Palma intorno al 17 luglio. La decisione finale dovrebbe essere presa solo dopo un progetto pilota di sette giorni all’inizio di luglio. Il presidente regionale Francina Armingol è stato citato da Diario de Mallorca per aver affermato che la vita notturna deve essere rivitalizzata “prima piuttosto che dopo” nelle isole mediterranee spagnole.

Questi piani sono il risultato di un incontro tra Armengol e altri politici e rappresentanti dell’industria. È relativamente certo che, in linea di principio, dovrebbe essere consentito ballare al chiuso. Tuttavia, nella prima fase, tutti i ristoranti devono chiudere entro le 3 del mattino. Inoltre, ci saranno diverse regole, come mantenere una distanza di sicurezza dagli estranei e richiedere l’uso di una maschera in determinate situazioni.

Studio: l’alto tasso di vaccinazione riduce il rischio di infezione da corona nei giovani non vaccinati

07:52: L’alto tasso di vaccinazione del paese potrebbe sembrare ridurre il rischio che i giovani non vaccinati contraggono il virus. Lo dimostrano i dati sanitari provenienti da Israele, presentati sulla rivista “Nature Medicine”. Con l’aumento del numero di adulti vaccinati, sempre meno persone sotto i 16 anni hanno risposto positivamente Corona Testati – In media, la proporzione di coloro che sono risultati positivi nella popolazione non vaccinata è stata dimezzata con ogni aumento di 20 punti percentuali nella proporzione di quelli vaccinati.

I dati supportano la speranza che i bambini in Germania Ondate di infezione più grandi possono essere protette in autunno se un gran numero di adulti è completamente protetto dalla vaccinazione entro quella data. Tuttavia, i ricercatori hanno notato che i risultati non tengono conto della possibilità di acquisire l’immunità naturale contro la corona – cioè sopravvivendo – nelle persone di età inferiore ai 16 anni. Inoltre, vi sono state misure di chiusura occasionali, il cui effetto sul processo di infezione non è stato preso in considerazione nella valutazione.

READ  Armenia: Joe Biden ammette genocidio, la Turchia critica "l'intervento nel nostro Paese"

I ricercatori guidati da Roy Kishoni del Technion – Israel Institute of Technology di Haifa hanno ottenuto dati sulla vaccinazione da adulti e risultati del test corona da bambini di età inferiore a 16 anni in Israele Considerato. Nessuna vaccinazione è stata approvata per la fascia di età più giovane nel paese al momento dell’indagine. I risultati si basano sui dati di 177 comunità israeliane raccolti dall’inizio di dicembre 2020 all’inizio del 2021.

Israele, un paese di nove milioni di persone, sta portando avanti la campagna di vaccinazione molto rapidamente dal 19 dicembre. Circa 5,5 milioni di persone hanno già ricevuto la prima vaccinazione e più di 5,1 milioni di seconde vaccinazioni. Nel frattempo, vengono vaccinati anche i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni. Il numero di nuove infezioni e malattie gravi è diminuito drasticamente negli ultimi mesi. In Israele viene utilizzato il vaccino dei produttori Biontech e Pfizer.

Studi clinici e campagne di vaccinazione hanno dimostrato l’elevata efficacia di questo vaccino nella prevenzione di infezioni e malattie, afferma lo studio. Tuttavia, inizialmente in Israele si temeva che le campagne di vaccinazione potessero portare a un aumento della trasmissione del virus: se le persone vaccinate fossero meno attente alle regole della distanza o della quarantena, ciò ovviamente non sarebbe accaduto.

Le acque reflue mostrano lo sviluppo della corona: l’esperto sollecita l’attuazione

06:51: Secondo il Laboratorio europeo di riferimento, l’evoluzione della pandemia di Corona può essere tracciata in modo affidabile nelle acque reflue. Susan Lackner, professoressa di gestione delle acque reflue alla TU Darmstadt, non riesce a capire perché questa opzione non sia utilizzata in modo generalizzato: “La tecnologia è matura, i metodi ci sono – il sistema può essere impostato in qualsiasi momento. L’unica cosa che manca è che “Manca la volontà”, ha detto Lackner dell’agenzia di stampa tedesca. politica”.

READ  Come il cambiamento climatico sta causando la perdita di vite umane

Attualmente è in corso uno studio pilota a Wiesbaden e i test sono già stati completati a Francoforte. Lackner ha affermato che i ricercatori di tutto il mondo hanno dimostrato che gli impianti di trattamento delle acque reflue possono essere utilizzati come sistema di allerta precoce. “Fondamentalmente, puoi vedere lo sviluppo nelle acque reflue prima che in campo medico”, ha detto Lackner, “a seconda della tecnologia, sono da quattro a dieci giorni”.

Secondo Lackner, ci sono due cose principali che si possono osservare: la prima è un aumento o una diminuzione della concentrazione del virus, cioè se ci sono più o meno persone infette. L’altro è quali tipi di coronavirus stanno circolando. I laboratori utilizzano abitualmente campioni prelevati dall’effluente in tutti gli impianti di trattamento delle acque reflue. Quindi lo sforzo può essere gestito. Lackner non accetta l’argomento secondo cui i metodi non sono ancora sufficientemente maturi: “C’è ancora bisogno di ricerca, ma c’è sempre. La ricerca sui vaccini continua, eppure li stiamo già usando”.

TU Darmstadt è uno degli unici due laboratori di riferimento per il sequenziamento di campioni di acque reflue in Europa. Il laboratorio ha analizzato campioni da circa 50 impianti di trattamento delle acque reflue provenienti da tutta Europa e coordina i due progetti pilota dell’Assia a Francoforte e Wiesbaden. Il progetto “Abwa-SARS” lavora alla TU Darmstadt da giugno 2020. Per inciso, la tecnologia non è nuova, afferma Lackner: “Tali metodi sono stati utilizzati con successo in passato per monitorare i virus della poliomielite”.

Tutti i rapporti Corona del 12 giugno possono essere trovati da leggere qui

Maggiori informazioni sul tema del coronavirus:

Con materiali di dpa, afp, sid e apa.