Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Messaggio a Pechino: la Corea del Nord continua i suoi test missilistici

“Messaggio a Pechino”
La Corea del Nord continua i suoi test missilistici

Solo pochi giorni fa, la Corea del Nord stava testando nuovi missili da crociera. Ora il Paese sta di nuovo lanciando missili in mare. La manovra avviene nello stesso momento in cui il ministro degli Esteri cinese, arcirivale, è in visita in Corea del Sud. Secondo gli esperti, questo non è un caso.

Dopo i recenti test missilistici nel fine settimana, la Corea del Nord ha lanciato ancora una volta due missili balistici in mare. Secondo l’esercito sudcoreano, i test missilistici sono stati effettuati durante la visita del ministro degli Esteri cinese Wang Yi a Seoul. Gli analisti considerano la tempistica dei test un segnale inequivocabile per Pechino, che è il più importante alleato diplomatico e partner commerciale della Corea del Nord.

Lo stato maggiore di Seoul ha affermato che i missili sono stati lanciati in mare dall’interno del paese. Secondo l’esercito sudcoreano, hanno raggiunto un’altezza di 60 chilometri. “Le agenzie di intelligence sudcoreane e statunitensi stanno attualmente lavorando su analisi dettagliate”, afferma la nota. Inizialmente, non sono state fornite informazioni sulla portata dei missili.

L’esperto nordcoreano Yang Moo-jin ha valutato i recenti test missilistici come “un messaggio indiretto dalla Corea del Nord e persino un invito a Pechino a porre la penisola coreana come una questione centrale nell’agenda cinese”. Allo stesso tempo, Pyongyang avrebbe voluto dimostrare la sua supremazia sulla penisola coreana.

Il Giappone ha anche ipotizzato il lancio di due missili balistici nell’ultimo test sulle armi della Corea del Nord. Il primo ministro Yoshihide Suga ha condannato il test. Ciò minaccia “la pace e la sicurezza del Giappone e della regione”. L’agenzia di stampa giapponese Kyodo, citando la guardia costiera, ha riferito che i missili sono atterrati in mare al di fuori della “zona economica esclusiva” del Giappone.

Esami di “successo” nel fine settimana

Sabato e domenica, la Corea del Nord ha affermato di aver testato un nuovo “missile a lungo raggio”. Secondo un rapporto dell’agenzia di stampa centrale coreana ufficiale, i test hanno avuto “successo”. I missili avrebbero sorvolato la terra e il mare della Corea del Nord e avrebbero colpito obiettivi a 1.500 chilometri di distanza.

A causa del suo programma nucleare e missilistico, la Corea del Nord è soggetta a dure sanzioni internazionali, che rendono difficile l’economia del paese in gran parte isolato e guidato dai comunisti. Le risoluzioni delle Nazioni Unite vietano all’autoproclamata potenza nucleare della Corea del Nord di testare missili balistici, che potrebbero anche trasportare una testata nucleare a seconda del loro design.

I colloqui tra Stati Uniti e Corea del Nord sullo smantellamento dell’arsenale nucleare nordcoreano sono stati sospesi dall’incontro al vertice tra il governatore Kim Jong Un e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2019. Sotto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, in carica dall’inizio del l’anno, non c’è stato ancora alcun riavvicinamento tra Washington e Pyongyang.

READ  Russia: Putin minaccia gli avversari di "tirare fuori i denti"