Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La situazione in Corea del Nord e del Sud: Consiglio di sicurezza Onu preoccupato dopo i test missilistici

Posizione in Corea del Nord e del Sud
Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite allertato dopo i test missilistici

La Corea del Nord e la Corea del Sud lanciano rispettivamente missili in mare. Il rapporto tra i due paesi continua ad intensificarsi. Pertanto, il Consiglio di sicurezza dell’Onu chiede una riunione d’emergenza. Gli Stati Uniti sono molto critici nei confronti dei test missilistici della Corea del Nord.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite vuole affrontare a porte chiuse le crescenti tensioni militari nella penisola coreana. Secondo le informazioni degli ambienti diplomatici, Francia ed Estonia hanno convocato l’incontro mercoledì, che dovrebbe svolgersi lo stesso giorno (ora locale). Sia la Corea del Nord che quella del Sud hanno precedentemente lanciato missili balistici in mare.

Le Nazioni Unite hanno invitato i due governi ad avviare un dialogo. Il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric ha affermato che le Nazioni Unite sono “preoccupate per i recenti sviluppi che abbiamo visto”. Gli Stati Uniti hanno precedentemente fortemente criticato la Corea del Nord per i suoi test missilistici. Un portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha affermato che i lanci di missili “violano diverse risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e rappresentano un pericolo per i paesi vicini e altri membri della comunità internazionale”.

Mercoledì Seoul ha testato con successo un missile balistico sottomarino (SLBM). La Corea del Sud è solo il settimo paese al mondo a possedere una tecnologia così avanzata. L’SLBM è visto come un importante vantaggio strategico per Seoul rispetto al Nord. Secondo i rapporti del governo, il missile SLBM è stato lanciato dal nuovo sottomarino “Ahn Chang-ho” sott’acqua e ha colpito il bersaglio come previsto. La Corea del Sud ha aumentato le sue capacità militari di fronte alla minaccia del Nord. Il presidente Moon Jae-in ha affermato che dopo i test, con i missili balistici lanciati da sottomarini, la Corea del Sud disponeva ora di “una deterrenza sufficiente per rispondere in qualsiasi momento alle provocazioni nordcoreane”.

Poco dopo, fu duramente attaccato dall’influente sorella del sovrano nordcoreano Kim Jong Un. I media statali hanno riferito che Kim Yo Jong ha condannato la “posizione illogica” di Seoul, che considera i suoi lanci di missili come “misure legittime per sostenere la pace e le nostre azioni come una minaccia alla pace”.

Poche ore fa, la Corea del Nord ha lanciato in mare “due missili balistici a corto raggio” dalla provincia di Pyongan meridionale, ha affermato lo stato maggiore della Corea del Sud. Hanno volato per circa 800 chilometri ad un’altitudine massima di 60 chilometri. Secondo il ministero della Difesa di Tokyo, i missili sono atterrati in acque rivendicate dal Giappone.

La Corea del Nord ha inviato un segnale a Pechino

I test missilistici nordcoreani sono stati condotti poco dopo la visita del ministro degli Esteri cinese Wang Yi nella capitale sudcoreana, Seoul. Gli analisti considerano la tempistica dei test un segnale inequivocabile per Pechino, che è il più importante alleato diplomatico e partner commerciale della Corea del Nord. L’esperto nordcoreano Yang Moo-jin ha classificato i test missilistici nordcoreani come “un messaggio indiretto dalla Corea del Nord e persino un appello a Pechino affinché ponga la penisola coreana come una questione centrale nell’agenda cinese”. Allo stesso tempo, Pyongyang avrebbe voluto dimostrare la sua supremazia sulla penisola coreana.

Sabato e domenica, la Corea del Nord ha dichiarato di aver già testato un nuovo “missile a lungo raggio”. Secondo un rapporto dell’agenzia di stampa centrale coreana ufficiale, i test hanno avuto “successo”. I missili avrebbero sorvolato la terra e il mare della Corea del Nord e avrebbero colpito obiettivi a 1.500 chilometri di distanza.

A causa del suo programma nucleare e missilistico, la Corea del Nord è soggetta a dure sanzioni internazionali, che rendono difficile l’economia del paese in gran parte isolato e guidato dai comunisti. I colloqui tra Stati Uniti e Corea del Nord sullo smantellamento dell’arsenale nucleare nordcoreano sono stati sospesi dall’incontro al vertice tra il governatore Kim e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2019. Sotto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, in carica dall’inizio dell’anno, ci non c’è stato ancora alcun riavvicinamento tra i due Paesi, Washington e Pyongyang.

READ  Crisi in Afghanistan: la Turchia si oppone all'accoglienza dei rifugiati