Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Scorcio del giorno della guerra: Mosca non permette più ai russi di andarsene – il referendum provoca l’esodo di massa di Cherson

Scorcio del giorno della guerra
Mosca non permette più ai russi di lasciare il Paese: il referendum ha portato a un esodo di massa di Cherson

Mentre i quattro leader separatisti ucraini a Mosca chiedono l’annessione dei territori occupati, gli ucraini stanno lasciando in massa città e villaggi sotto il dominio russo. La paura del servizio militare sta nuovamente spingendo migliaia di persone a fuggire in Russia. Mosca smette di rilasciare passaporti e annuncia ambiziosi obiettivi di invasione nell’Ucraina orientale. Ma è proprio qui che la prossima catastrofe minaccia l’esercito russo. Un rapido sguardo al 217° giorno di guerra.

Dopo le urne: testimoni oculari parlano di villaggi vuoti

In vista dei preparativi russi per l’annessione di parti dell’Ucraina, secondo testimoni oculari, inizia un viaggio dalle aree colpite. In particolare, i rifugiati nella città di Zaporizhia, controllata dall’Ucraina, hanno riferito che c’era il timore che il reclutamento di uomini nell’esercito russo potesse iniziare immediatamente lì. “Ci sono posti che sono completamente deserti”, ha detto un uomo che ha detto che lui e la sua famiglia sono usciti da Cherson attraverso l’ultimo posto di blocco russo. Interi villaggi si disintegrano.

Un altro padre di Cherson ha parlato di una coda di macchine la cui fine non si vedeva più. A causa del referendum, ha detto, il 70 per cento delle persone se ne va. Una commessa di 48 anni riferisce che le scuole locali sono state invitate a tenere lezioni di russo dal prossimo mese. Non voleva che suo figlio di 13 anni tornasse a scuola. “Puoi immaginare come mi sento ora”, ha detto. “Una volta che abbiamo attraversato la barriera, la mia prima foto è stata una foto della bandiera ucraina. Sono felice”. Non è stato possibile verificare l’autenticità delle informazioni ricevute dai territori occupati.

I leader separatisti si appellano personalmente a Putin per l’annessione

In quattro regioni dell’Ucraina – oltre a Cherson e Zaporizhia, anche Luhansk e Donetsk – le autorità designate della Russia hanno tenuto referendum sull’unione con la Federazione Russa. Secondo i risultati finali pubblicati mercoledì sera, tra l’87 e il 99 per cento ha votato bene per la connessione. Più tardi quel giorno, i funzionari delle quattro regioni designate dalla Russia hanno affermato di aver presentato personalmente le domande di ammissione al presidente Vladimir Putin. Il ministero degli Esteri di Mosca ha affermato che presto verranno presi provvedimenti per soddisfare le aspirazioni delle quattro regioni.

Sulla Piazza Rossa di Mosca, ha scritto su enormi schermi video: “Donetsk, Luhansk, Zaporizhia, Kherson – Russia!” Insieme, le regioni corrispondono all’incirca alla regione del Portogallo e costituiranno il 15% del territorio nazionale dell’Ucraina.

Kiev: i referendum sono “nullo e nullo”

Una dichiarazione del ministero degli Affari esteri di Kiev afferma che i referendum sono nulli. Continuerai a lottare per la liberazione del territorio. “Costringere le persone in queste regioni sotto la minaccia delle armi a compilare alcuni documenti è l’ennesimo crimine russo nell’aggressione contro l’Ucraina”.

L’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni alla Russia. “Non accettiamo alcun voto fittizio o alcuna annessione dell’Ucraina e siamo determinati a far pagare al Cremlino il prezzo di questa ulteriore escalation”, ha affermato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

I servizi segreti si aspettano il discorso di Putin per venerdì

Secondo le informazioni precedenti dell’intelligence britannica, Putin probabilmente annuncerà l’inclusione delle regioni in un discorso al Parlamento venerdì. Allora il suo governo potrebbe presentare la controffensiva ucraina come un attacco alla Russia. Putin ha detto la scorsa settimana di essere pronto a difendere “l’integrità territoriale” del suo Paese con armi nucleari.

Il Cremlino: vogliamo tutta Donetsk

Tuttavia, la Russia non controlla tutti i territori rivendicati. Circa il 40 per cento di Donetsk è sotto il controllo ucraino e la provincia è molto contesa. Un portavoce dell’ufficio presidenziale russo, Dmitry Peskov, ha affermato che l’operazione speciale dovrebbe continuare fino al completo controllo di Donetsk.

Le forze russe hanno minacciato di accerchiare Lyman

Nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale, le forze russe sembrano essere minacciate di accerchiamento da parte dell’esercito ucraino. Corrispondenti di guerra russi nel pomeriggio hanno riferito di avanzamenti ucraini di successo a nord-est e ad est della piccola città di Lyman. In caso di ripristino dell’insediamento di Torsk, i russi sono minacciati di interrompere le vie di comunicazione da Lyman a Kremina e Swatoy nella regione di Luhansk. Le strade sono già sotto il fuoco dell’artiglieria ucraina.

Mosca smette di rilasciare passaporti

Alla luce del continuo esodo di massa di giovani russi all’estero, il governo di Mosca ha smesso di rilasciare passaporti ai russi arruolati per il servizio militare. L’ambasciata americana a Mosca e il ministero degli Esteri tedesco a Berlino hanno chiesto ai propri cittadini con doppio passaporto di lasciare immediatamente il Paese, purché ci siano ancora opzioni di trasferimento.

L’Ossezia del Nord chiude il confine per decreto

La Repubblica Russa dell’Ossezia del Nord, che confina con la Georgia nel Caucaso, ha imposto restrizioni all’ingresso. Per decreto, rendeva difficile il passaggio delle auto da altre regioni russe verso la Georgia, ha scritto su Telegram il presidente della Repubblica Sergei Minajlo. “Negli ultimi due giorni, più di 20.000 persone hanno viaggiato attraverso la nostra sezione di confine verso la Georgia!”, ha detto Minjaglu.

Fughe di Nord Stream: la Russia sospetta Biden

L’Occidente continua ad incolpare il Cremlino per tre perdite di gasdotti Nord Stream. Secondo un resoconto della stampa, la Russia potrebbe aver lanciato segretamente ordigni esplosivi su varie parti degli oleodotti da un drone sottomarino.

Il governo russo ha indicato che dietro i presunti attentati c’erano gli Stati Uniti. Un portavoce del ministero degli Esteri russo ha affermato che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden potrebbe aver ordinato il sabotaggio degli oleodotti Nord Stream 1 e Nord Stream 2 nel Mar Baltico. “Il presidente degli Stati Uniti deve rispondere alla domanda se gli Stati Uniti hanno implementato la loro minaccia”, ha scritto Maria Zakharova nel servizio online di Telegram. L’Europa deve conoscere la verità. Washington ha detto che era “ridicolo”.

Altri testi sulla guerra in Ucraina:

Tutti gli altri sviluppi che puoi Nel nostro live tape leggere.

READ  Abramovich e gli ucraini si sono lamentati dei sintomi di avvelenamento