Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Marte: un sms che dura 22 minuti – dopo 378 giorni di solitudine, questa esperienza finisce

Marte: un sms che dura 22 minuti – dopo 378 giorni di solitudine, questa esperienza finisce

Scienze Il messaggio di testo dura 22 minuti

Dopo 378 giorni di solitudine, il folle esperimento su Marte giunge al termine

Troupe CHAPEA da sinistra: Anka Celario, Nathan Jones, Ross Brockwell, Kelly Haston

L’equipaggio è composto dalla microbiologa Anka Celario, dal medico Nathan Jones, dall’ingegnere Ross Brockwell e dalla biologa Kelly Haston (da sinistra).

Fonte: Agenzia di stampa tedesca

Camminavano sulla sabbia rossa indossando tute speciali e vivevano in 160 metri quadrati di “Mars Dune Alpha”: un esperimento psicologico della NASA per quattro persone che si concluderà tra pochi giorni. L’agenzia spaziale americana li ha mandati in isolamento per raccogliere dati importanti.

QuintoQuasi più di 160 metri quadrati – e questo per più di un anno intero: dopo 378 giorni trascorsi in un sito di simulazione di Marte gestito dalla NASA a Houston, in Texas, due donne e due uomini torneranno alla loro vita quotidiana sulla Terra sabato prossimo. I quattro volontari lo hanno fatto per dodici mesi utilizzando una stampante 3D creaturanon lasciare l’area senza finestre “Mars Dune Alpha”.

Lì festeggiarono il Natale montando un albero di Natale di plastica e appendendo le calze di Natale davanti a uno schermo che mostrava un caminetto. Tutto questo al servizio della scienza: i cosiddetti “Chabia“Il programma Crew Health and Performance Exploration Analogue mira un giorno ad aiutare la NASA a inviare nuovamente persone sulla Luna e successivamente in missioni più lontane su Marte.

“La conoscenza che raccoglieremo qui ci consentirà alla fine di portare le persone su Marte e tornare a casa sani e salvi”, ha detto l’amministratore della NASA Grace Douglas quando i quattro residenti si sono trasferiti nel giugno 2023.

Secondo lo stato attuale della pianificazione, ciò non potrà avvenire prima del 2030. Attraverso il programma “Artemis”, che prende il nome dalla dea greca della luna, la NASA vuole far sbarcare persone sulla luna per la prima volta in più di mezzo secolo, inclusa per la prima volta una donna. L’obiettivo a lungo termine di Artemis è quello di creare una base lunare permanente come base per le missioni con equipaggio su Marte.

Leggi anche

I quattro partecipanti alla prima missione Shabia non sono astronauti addestrati dalla NASA. Chiunque di età compresa tra 30 e 55 anni, che fosse “sano e motivato”, non fumasse, avesse la cittadinanza statunitense o la residenza permanente, una laurea e almeno 1.000 ore di volo potevano presentare domanda.

Tra i selezionati figurano Ross Brockwell, organizzatore di lavori pubblici nello stato americano della Virginia, la biologa Kelly Haston di San Francisco, il medico e padre di tre figli Nathan Jones dell’Illinois, e la microbiologa Anka Celario. “Non posso credere di essere qui”, ha detto Celario prima di trasferirsi. Jones ha ringraziato la sua famiglia per il sostegno: “A mia moglie e ai miei figli: vi amo fino a Marte e ritorno”.

Leggi anche

La capsula spaziale Chang'e-6 è atterrata nella regione autonoma della Mongolia Interna, nel nord della Cina

Per un anno i quattro hanno vissuto in uno spazio di circa 160 metri quadrati, con celle letto di circa due metri per tre, un soggiorno con TV e poltrone, tavoli da lavoro con computer e una postazione medica. I quattro detenuti potevano comunicare con familiari e amici, ma nel “tempo di Marte”, il che significa che anche l’invio di un SMS richiedeva solitamente 22 minuti.

READ  Bruciore da rasoio negli uomini: i consigli più importanti per il suo trattamento

In una piccola area all’aperto, i quattro residenti hanno simulato missioni all’aperto su Marte. All’ordine del giorno figuravano inoltre la manutenzione dell’impianto e l’esercizio con la cyclette. “Per renderlo il più realistico possibile su Marte, l’equipaggio deve affrontare anche fattori di stress ambientale, come risorse limitate, isolamento e apparecchiature malfunzionanti”, ha affermato la NASA.

Un membro dell'equipaggio della CHAPEA partecipa ad una simulazione

Sulla sabbia rossa, un membro dell’equipaggio della CHAPEA si esercita su cosa fare durante una missione su Marte

Fonte: Agenzia di stampa tedesca

“Il motivo principale per cui stiamo finanziando questo progetto è perché abbiamo bisogno di risposte migliori alla domanda: di quanto cibo abbiamo veramente bisogno per una missione su Marte?”, ha detto al New York Times il direttore esecutivo della NASA, Rachel McCauley. “E l’aspetto psicologico della missione? Monotonia? “Unità?” Nomina le domande che si vogliono perseguire in questo modo.

Per ravvivare il ristretto menu, l’equipaggio ha, tra le altre cose, coltivato pomodori, peperoni e lattuga in un giardino interno. “La coltivazione delle piante potrebbe anche avere benefici psicologici per gli astronauti che vivono in un ambiente isolato lontano dalla Terra”, ha affermato l’amministratore della NASA Gioia Massa. Speriamo anche di avere dati a riguardo.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso come fornitori di servizi di terze parti. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

“Shabia” non è il primo esperimento di questo tipo. La NASA ha tra l’altro raccolto esperienze e dati con le missioni “High Seas” in un’area simulata alle Hawaii. Anche le agenzie spaziali europee, Russia e Cina hanno lanciato circa 15 anni fa il progetto “Mars 500”.

READ  Aggiornamento numeri Corona: l'infezione è aumentata a 10,9 - prove

E deve continuare: la NASA ha in programma altre due missioni per Chapea, la prossima dovrebbe iniziare nella primavera del 2025.