Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Lo scontro con gli ucraini liberati: siamo sfuggiti al dominio russo! | Politica

a: Runzimer, V. Mosenko, c. Motavis (foto)

Sono scene di un paese in guerra. Dozzine di persone, per lo più donne anziane, sono corse in un campo di assistenza con del cibo martedì pomeriggio, si sono spinte a vicenda e una donna è caduta a terra. Il popolo liberato dai russi ha fame!

I giornalisti della BILD sono a Balaklia, una città nella regione di Kharkiv che gli ucraini hanno riconquistato solo una settimana fa come parte di una grande offensiva. Dopo sette mesi di dominio russo. Dopo sette mesi di sofferenza. Dopo sette mesi di orrore.

“Abbiamo pianto di gioia quando abbiamo visto gli ucraini”, dice Olga, 65 anni. “Eravamo così felici che finalmente fossero arrivati ​​e non ci credevano. A volte negli ultimi mesi ho creduto che i soldati russi sarebbero rimasti per sempre”.

Gli investigatori stanno anche indagando su cosa sia successo esattamente nei luoghi in cui i russi hanno invaso all’inizio della guerra alla fine di febbraio.

I sopravvissuti raccontano storie simili a BILD: diversi giovani uomini sono scomparsi a Balaklia e nessuno sa se sono ancora vivi. Si parla di sparatorie e del fatto che chiunque parli ucraino sia stato arrestato e torturato.

Può infettare chiunque nel posto.

Valentina, 62 anni, e Victor, 67 anni, raccontano le atrocità commesse dai soldati russi

Foto: Giorgos Motavis

Valentina (62 anni) e Victor (67 anni) sono sopravvissuti insieme: “La maggior parte delle volte ci nascondevamo dai soldati russi in casa nostra. Quando sono arrivati, erano per lo più violenti. Hanno preso l’auto dai nostri vicini. E quando hanno chiesto perché, sono stati minacciati con le pistole.

Le esperienze con i soldati russi sono diverse. Alcuni locali hanno riferito che le prime forze che arrivarono in città furono particolarmente brutali. Nikolai (62): Sono entrati in tutte le case e hanno detto: Stiamo cercando traditori. A volte sparavano violentemente per le strade. Poi in estate arrivarono altri soldati, non erano più brutali”.

Finora non si sa nulla di eventi della scala Bucha, in cui furono giustiziati centinaia di civili.

Le storie sono sempre brutali!

Victor (72) è stato colpito da cecchini russi.

Victor (72 anni) dice di essere stato colpito da cecchini russi

Foto: Giorgos Motavis

Victor (72 anni) ci racconta come gli hanno sparato, mostrando i fori di proiettile nel dipinto: “Deve essere stato un cecchino russo! Mi hanno puntato”.

Era stato rinchiuso settimane prima. “Suppongo che i vicini abbiano detto qualcosa su di me, ma non so cosa. Quando i russi me lo hanno chiesto, ho detto loro: perché hai paura di un vecchio?

Quando viene distribuito il cibo, incontriamo una donna che non vuole rivelare il suo nome per paura, piange continuamente. “È stata dura quando sono arrivati ​​i russi. I vicini si sono traditi a vicenda e molti probabilmente hanno pensato che i soldati russi sarebbero rimasti per sempre. Ora, come sette mesi fa, solo il contrario: i vicini si raccontano chi era particolarmente amichevole con i russi. Voglio solo la pace…”

READ  Notizie dall'Ucraina: ++Critica all'immagine di genere nell'esercito ucraino ++