Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Italia vuole utilizzare i fondi per la ricostruzione per la sua riorganizzazione: la politica

“Amore!” The Future of Italy è un ufficio al secondo piano della Galleria Alberto Sordi, un magnifico palazzo nel cuore di Roma, con numerosi giocattoli su un tetto sopra il pavimento. La figlia di Mara Carbagna, di sette mesi, è felicissima, ride e scalcia. Dopo un quarto d’ora per cambiare l’umore, cari pianti. Poi all’improvviso una tata si ferma sulla soglia e interrompe il tentativo di consentire alla piccola Vitoria di partecipare all’intervista. “Amor, Xiao!”

Carbagna, 45 anni, di Salerno, vicino a Napoli, è il ministro del sud nel gabinetto del presidente del Consiglio Mario Draghi – in altre parole, responsabile del magnifico e appartato Mesoziorno, che comprende tutte le parti a sud della città di Roma. La nuova maternità ben si sposa con l’estasi politica nel suo ufficio. Circa 200.200 miliardi di fondi dell’UE per la ricostruzione stanno alimentando il sogno dell’Italia di un balzo futuro, modernizzazione e digitalizzazione del Paese, un miracolo economico dopo l’epidemia. Dopotutto, un sacco di soldi dovrebbe aiutare a creare enormi divisioni tra il Nord e il Sud. Infine, se possibile, per sempre.

“Abbiamo un’opportunità storica per riunire l’Italia socialmente ed economicamente”, afferma Carbagna. In realtà dice riunificazione, “rinificazione”. Come l’Italia una volta separata dagli Stati Uniti. Come la Germania. “Il nostro muro non sembra tedesco”, dice. Ma lì sta bene e lo separa da nord a sud, si può identificare il muro dalla disuguaglianza dei diritti. “Le persone non hanno gli stessi servizi nel Mesoziorno. Scuole, asili nido, ospedali, infrastrutture: tutto è meno che al nord”. Ora hai l’opportunità unica di abbattere il muro durante la notte.

Carbagna usa un’altra metafora: “Questo è l’ultimo treno, non dobbiamo perderlo”, dice. Ha capito l’intero processo politico, motivo per cui Tracy è sostenuta da una così ampia maggioranza in parlamento che i partiti hanno deciso un “accordo di non occupazione”. Ebbene, la pace tra i partiti italiani non è mai stata stabile, per quanto grande sia la posta in gioco: anzi, litigano sempre, anche adesso.

READ  Area italiana con bei paesaggi e antichi borghi - ma senza turisti

Tracy è solo di classe mondiale, pensa

L’avvocato è di Forbes Italia, partito di Carbagna Silvio Berlusconi. È anche il suo testimone. È stato eletto in Parlamento quattro volte e dal 2008 al 2011 è stato ministro per le pari opportunità di Berlusconi. Ma da quando gli italiani una volta la conoscevano come show girl in televisione e partecipante a concorsi nazionali, sembra che voglia dimostrare a tutti che è all’apice del suo ruolo politico. Ogni anno conosce tutte le statistiche e tutto il materiale del progetto. Le piace dire “obiettivo” e “pietre miliari”. I politici italiani usano raramente parole inglesi. Tracy fa lo stesso, ma Tracy non è un politico. Quanto a Carbagna, il Presidente del Consiglio è semplicemente un “furyglass” di prim’ordine. “Chi avrebbe mai pensato sei mesi fa che l’Italia avrebbe consegnato il suo piano di ricostruzione a Bruxelles prima di qualsiasi altro Paese?” Lui chiede. Sei mesi fa Giuseppe Conte era presidente del Consiglio e Forza Italia era all’opposizione. Solo se avrà tempo a sufficienza per i tanti miracoli su cui lavorerà, tutta la speranza riposa su Tracy.

Nel sud li attende un grande miracolo. Porti e aeroporti? Nuovo. Rete di treni espressi? Infine esteso a Barry, Reggio Calabria, Palermo e Catania. Strade, ponti, tunnel? Gli inizi devono finalmente essere completati. Circa il 40 per cento di tutti i fondi che l’Italia investe nella ricostruzione sono destinati al sud, compresi asili nido, università e cliniche. I giovani del Mesoziorno non devono più partire per lavoro: devono trovarlo a casa. Questo è l’obiettivo.

L’altro giorno il giornale è stato confrontato Repubblica Dopo la caduta del muro di Berlino, c’è stata una doppia faccia. Isaiah Sales, filosofo e scrittore dell’Italia meridionale, ha spiegato che l’Italia non ha avuto volontà politica per 160 anni, con l’intenzione di elevare il Sud al livello di uno sviluppo veramente settentrionale. Quindi l’unità del Paese viene prima di tutto. Con questo: è già stato fatto un tentativo con “Mesoziorno a Gaza Per”.

READ  Problema sciistico in Italia: "Non lo capisco molto" - Sci alpino

Istituita nel 1950, la Development Bank for the South ha consolidato da oltre 30 anni grandi investimenti nell’industria, nelle infrastrutture, nell’agricoltura e nell’istruzione. La crescita economica del dopoguerra ebbe successo anche perché il Sud vi partecipò e vi contribuì. Ma lo sforzo di “Kassa” non era grande quanto la forza della riunificazione tedesca. Roma non investe ogni anno più dell’uno per cento del suo PIL nel Mezzogiorno. La Germania, che scrive le vendite, costa almeno cinque volte di più per i suoi sforzi.

E la mafia – e non aspetta le riforme?

Certo, l’est della Germania non può essere paragonata al sud dell’Italia, per mille ragioni. Ma la questione della volontà politica è qui. Mara Carbagna crede fermamente che la consapevolezza in politica in questo momento sia più acuta e più ampia che mai. “Dopo l’epidemia, non c’era niente come prima dell’epidemia”, dice.

Tuttavia, gli italiani si chiedono anche come una maggioranza di governo pluralista, come il Tracy, accetterebbe tutte le riforme che Bruxelles si aspetta dagli italiani. Tutto deve essere nuovo, all’improvviso, perché i soldi per la ricostruzione non vadano sprecati, come spesso è successo in passato. Soprattutto nel sud. L’amministrazione incorporata dovrebbe essere semplificata, la magistratura lenta e cattiva dovrebbe cambiare più velocemente e dovrebbero essere liberalizzati interi rami dell’economia. “Ho dimenticato qualcosa?” Chiede Carbagna e torna dal suo consigliere. Scuote la testa.

Ma le riforme comportano dei rischi, soprattutto se tutto deve essere fatto rapidamente e facilmente. Se più facile, ad esempio, meno barriere nell’aggiudicazione degli appalti pubblici. Se non stai attento, soprattutto la mafia beneficia di pratiche snelle. Con le loro compagnie di paglia – Cosa Nostra siciliana, Entrangeta calabrese e Companion Camora – gli agili cartelli riuscivano spesso ad ottenere lucrosi contratti e sovvenzioni pubbliche. Perché no? “Guarda, faremo tutto il possibile per evitare che ciò accada. Questa è una priorità assoluta”, ha detto Carbagna.

READ  Epidemia di Corona: l'Italia progetta di aprire il turismo - grazie al pass vaccino

La fame della mafia si accende, tanti soldi non sono mai in pericolo. Il ponte sullo Stretto di Messina è anche considerato un collegamento terrestre per auto e treni tra la Sicilia e la terraferma italiana, che dista solo tre chilometri. Questo progetto si è evoluto continuamente da decenni ed è molto controverso: c’è il rischio di terremoti al suolo, forti venti e gli uccelli migratori possono perdere l’orientamento. “Costruiremo il ponte”, ha detto Carbagna. Ovviamente i progetti sono pronti. Quando, se non adesso?

Qualche giorno fa Mara Carbagna è riuscita a far passare in parlamento un’altra legge per Mera: un piano di reinsediamento per 100 milioni di euro. Le persone che hanno vissuto a lungo in un vergognoso blocco in città dovrebbero finalmente ottenere un buon alloggio. Dovresti sapere che sono stati costruiti dopo il terremoto del 1908, dopo il grande terremoto.