Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’inflazione ha un effetto: molte aziende vogliono trasferire maggiori costi ai clienti

È chiaro che sempre più aziende in questo paese vogliono trasferire costi più elevati ai propri clienti, come uno sondaggio Da Ifo Institute lunedì, maggio. Il numero delle imprese del settore all’ingrosso è aumentato a 65 punti dai 54 punti del mese precedente, ben al di sopra della media degli ultimi cinque anni.

Nel settore industriale questo valore è balzato da 32 a 37 punti, e nel settore delle costruzioni è balzato ancora più forte, da 12 a 32 punti. Valori in aumento anche nel retail (da 24 a 36) e nei fornitori di servizi (da 14 a 20).

Questi numeri sono valori di equilibrio che vengono generati dalle percentuali di aziende che mirano a aumentare o diminuire i prezzi. Nell’ultimo anno, molti di questi valori, ad esempio nelle costruzioni, erano in territorio negativo, poiché più aziende volevano abbassare i prezzi piuttosto che aumentarli all’inizio della crisi.

Recentemente, l’inflazione tra i produttori è stata due volte più alta del tasso di inflazione tra i consumatori

Ma ora i loro costi stanno aumentando, ad esempio quando si tratta di acquistare materiali. Materie prime come il legno, così come fonti energetiche come il petrolio, sono aumentate vertiginosamente negli ultimi mesi. Le imprese stanno ora trasmettendo questa inflazione. “Molte aziende passano gli aumenti di prezzo dal lato degli acquisti”, ha commentato Klaus Wallrabe, economista IFO, responsabile dei sondaggi dell’istituto.

Inoltre, secondo Wahlrabe, ci sono effetti di recupero dai tagli dei prezzi all’inizio della crisi. Solo poche industrie pianificano senza aumenti di prezzo – “Alla fine, i forti aumenti dei prezzi per molte materie prime attraversano l’intera economia”, afferma il professionista.

READ  Ultima possibilità: tariffa LTE da 40 GB per 19,99 € - 50% di risparmio

In effetti, le aziende sono attualmente alle prese con una maggiore inflazione al consumo: mentre i prezzi al consumo (basati su stime preliminari) sono aumentati del 2,5% a maggio rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, l’inflazione sul prodotto del 5,2% ad aprile è stata più del doppio dell’aumento. Nella zona euro il tasso è stato del 7,6%, il valore più alto dal 2008.

Le materie prime stanno diventando più costose a due cifre

Ha detto che i prezzi alla produzione tedeschi hanno visto l’ultima volta un massiccio aumento nell’agosto 2011, quasi dieci anni fa Ufficio federale di statistica Con. Secondo l’autorità, i principali colpevoli sono i beni intermedi più costosi e l’aumento dei prezzi dell’energia. Le materie prime secondarie dei rottami di ferro, acciaio e alluminio sono aumentate del 62,7 per cento rispetto all’anno precedente.

Le tariffe per il legname segato e piatto e per il metallo erano in un intervallo a due cifre rispettivamente al 27,1 e al 17,3 percento. Al contrario, i prezzi dell’energia ad aprile erano in media del 10,6% più alti rispetto all’anno precedente. I prodotti petroliferi, ad esempio, costavano circa un terzo in più rispetto a dodici mesi fa.

Questo è il risultato di prezzi del petrolio significativamente più alti. Al barile (circa 159 litri) di qualità Brent doveva attualmente $ 71,79, più di quanto non fosse due anni fa. Per fare un confronto: durante la crisi, il prezzo di un barile è sceso brevemente a poco meno di $ 16. L’Ufficio federale di statistica rileva che i prezzi alla produzione sono aumentati del 3,6% anche senza tenere conto dei prezzi dell’energia.

È probabile che i consumatori sentano presto la pressione sui prezzi

Si può presumere che i consumatori sentiranno presto questo aumento sotto forma di prezzi più alti anche all’uscita dal supermercato. Ciò è supportato da dati storici: un aumento dell’inflazione dei prezzi alla produzione spesso precede un aumento dei prezzi al consumo.

READ  Le società di domini si offrono: Nabaltec - 21/04/21

Al contrario, i beni di consumo raramente diventano più economici quando i prezzi alla produzione scendono. Tra il 2013 e il 2016, ad esempio, i prezzi dei produttori sono diminuiti quasi costantemente, mentre i prezzi al consumo sono aumentati quasi costantemente nello stesso periodo. Tuttavia, anche fattori estranei ai produttori svolgono un ruolo, come gli aumenti delle tasse.