Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’infezione da SARS-CoV-2 può portare al diabete – pratica medica

Coronavirus: il COVID-19 è un fattore scatenante per il diabete

Nel contesto della pandemia di Corona, questo risulta Le persone con diabete sono a maggior rischio di contrarre una grave malattia da COVID-19. Al contrario, una grave malattia coronarica può anche portare al diabete. Ciò è dimostrato da studi scientifici.

Come l’attuale Università di Basilea Messaggio I rapporti indicano che alcuni pazienti COVID-19 sviluppano il diabete a causa dell’infezione da corona. Uno studio internazionale con la partecipazione dell’Università di Basilea ha ora rivelato come il coronavirus SARS-CoV-2 attacca e distrugge le cellule che producono insulina nel pancreas. I ricercatori hanno anche identificato un modo per proteggere queste cellule.

SARS-CoV-2 può infettare il pancreas

Il diabete è un fattore di rischio per un grave decorso di infezione da SARS-CoV-2. Non è noto che, al contrario, una grave malattia da COVID-19 possa portare al diabete.

Tuttavia, vari studi hanno dimostrato che circa il 15% dei pazienti ospedalizzati con COVID-19 ha un diabete di nuova diagnosi.

Un team di ricerca internazionale guidato dalla Stanford University School of Medicine (USA), a cui hanno partecipato anche ricercatori dell’Università di Basilea e dell’Ospedale universitario di Basilea, è riuscito a dimostrare che il coronavirus può effettivamente infettare le cellule beta del pancreas.

Lo riferiscono gli scienziati sulla rivista.metabolismo cellulareCome spiega la connessione, le cellule beta producono l’ormone insulina, che stimola le cellule dei tessuti ad assorbire lo zucchero dal sangue, abbassando così lo zucchero nel sangue.

Analisi di campioni di tessuto del defunto

A differenza del tessuto polmonare, dove SARS-CoV-2 utilizza principalmente una proteina chiamata ACE2 come punto di ingresso nelle cellule, le cellule beta nel pancreas contengono solo piccole quantità di ACE2.

READ  Corona, Monaco: follia per i "freni di emergenza"! Queste regole del festone si applicano d'ora in poi

Pertanto, in precedenza non era chiaro se e come il coronavirus penetrasse in queste cellule. Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno analizzato campioni di tessuto di sette pazienti COVID-19 deceduti di Basilea.

L’analisi ha mostrato che SARS-CoV-2 potrebbe essere rilevato nelle cellule beta del pancreas del defunto. Inoltre, queste cellule contenevano grandi quantità di una proteina che il virus potrebbe utilizzare come punto di ingresso in sostituzione di ACE2: Neuropilin 1 (NRP1).

Inoltre, i test di laboratorio sulle cellule beta trapiantate hanno mostrato che le cellule colpite producevano meno insulina e mostravano segni di morte. Se gli scienziati hanno anche bloccato la Neuropilina 1 con un inibitore, il virus è stato meno in grado di penetrare nelle cellule.

Possibile protezione anche in caso di percorso difficile

Il fatto che l’infezione delle cellule beta possa essere ridotta in questo modo, almeno nei test di laboratorio, mostra che queste cellule possono essere protette anche nei pazienti con grave malattia da COVID-19.

Il patologo PD Dr. Dott. Matthias Mater dell’Università di Basilea e dell’Ospedale universitario di Basilea, conducono parti dello studio condotto a Basilea.

Secondo le informazioni, ci sono indicazioni che le persone infette dal coronavirus da molto tempo, cioè disturbi persistenti dopo l’infezione, soffrano ancora di diabete per diverse settimane o mesi dopo.

Quindi avrebbe senso sviluppare un metodo per prevenire danni permanenti al pancreas. (anno Domini)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti medici.

nota importante:
Questo articolo è solo a scopo di orientamento generale e non è destinato all’uso per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.