Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Kekulé straccia la tesi cinese sull’origine del Covid: ‘La teoria del mercato del pesce è stata una trovata’

E più grave è il crimine, maggiore è la necessità per una persona di trovare qualcuno da incolpare per esso. Quindi non sorprende che il motivo per il CoronaE un’epidemia, ci sono un numero particolarmente elevato di teorie che sono sia realistiche che affascinanti. L’affermazione che l’agente patogeno mortale sia stato creato deliberatamente, in un laboratorio cinese canaglia o per conto di Bill Gates, è scientificamente infondata. Assurda è anche la favola dello stato di Pechino, secondo la quale questo Corona virus È arrivato nel Medio Regno su merci congelate dall’Occidente.

Al contrario, un rilascio accidentale dal laboratorio è una possibilità che deve essere considerata. L’agente eziologico dell’epidemia di SARS nel 2003 è lo stesso È scappato due volte dall’Istituto di ricerca di Pechino. A quel tempo, nove persone sono state infettate, una delle quali è morta. Per quanto la scienza concorda, il virus pandemico Sars-CoV-2 ha origine dal coronavirus dei pipistrelli. La più grande collezione al mondo di questi agenti patogeni si trova nell’Istituto di virologia di Wuhan, proprio accanto al punto zero dell’epidemia, nel laboratorio del dottor Shi Chengli.

Corona proviene da un laboratorio per il virus dei pipistrelli stellari a Wuhan?

Il virologo, soprannominato “Bat Woman” dai suoi colleghi, è il numero uno a livello internazionale quando si tratta di virus dei pipistrelli. Quando la scienziata ha appreso di una misteriosa epidemia di malattia polmonare alla sua porta nel dicembre 2019, ha detto di temere che l’agente patogeno provenisse dal suo laboratorio. Tuttavia, dice, questo non è stato confermato.

Questa è la possibilità molto ovvia di uno perdita di laboratorio È stato a lungo un tabù per ragioni politiche – e purtroppo anche – scientifiche. caricare Donald TrumpChe il “virus cinese” provenisse dal laboratorio sembrava destinato a distogliere l’attenzione dagli errori del presidente americano nel combattere l’epidemia. Trump era anche impopolare tra gli scienziati perché tagliava i soldi per ricerche serie negli Stati Uniti mentre diffondeva idee pseudoscientifiche.

In questo contesto, si comprende che A febbraio 2020 Un gruppo di 27 scienziati si è pubblicamente opposto a Trump perdita di laboratorio– Presumibilmente. Nella prestigiosa rivista “The Lancet” hanno annunciato – in inglese E la lingua cinese – la loro “solidarietà” con scienziati, medici e personale delle autorità sanitarie cinesi e ha elogiato “l’accesso rapido, aperto e trasparente ai dati”. Hanno condannato “le teorie del complotto secondo cui il Covid-19 non ha origine naturale”. Quindi la stragrande maggioranza della scienza è convinta che questo coronavirus sia saltato da un animale selvatico. Gli autori hanno avvertito che le tesi dissenzienti “generano solo paura, voci e pregiudizi” e ostacoleranno la lotta globale contro il virus.

READ  Riprogrammazione delle cellule immunitarie dopo l'infezione con il virus COVID-19

Facebook ha vietato le voci che rivendicano origini anomale

Questo terribile avvertimento a coloro che la pensano diversamente, come potrebbe essere inteso, è stato uno dei motivi principali per cui il mondo dei ricercatori ha acceso l’argomento. perdita di laboratorio D’ora in poi, taci, e così anche i redattori scientifici della maggior parte dei principali media. anche in Sito di social network Facebook Bandire tutte le voci che indicano un’origine anomala del virus pandemico. È piuttosto controverso se gli autori perseguissero anche interessi personali.

Peter Daszak, uno degli iniziatori del discorso di solidarietà, è con Shi Zheng-li da più di 15 anni. La sua organizzazione ha ricevuto 3,1 milioni di dollari in tasse sui progetti. Circa 600.000 di questi sono andati dai “pipistrelli” a Wuhan, per raccogliere ed esaminare nuovi virus dai pipistrelli. Anche altri firmatari del bando Lancet hanno ricevuto finanziamenti per la ricerca per progetti che si occupano dei cosiddetti agenti patogeni pericolosi che circolano nel regno animale.

L’incidente di laboratorio sarebbe un disastro per il virologo مشهد

Se invece l’epidemia fosse provocata da un incidente di laboratorio, soprattutto tra ricercatori dello stesso settore, sarebbe un disastro per l’intero paesaggio. Pertanto, la discussione aperta è iniziata solo quando il nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato una nuova indagine alla fine di maggio. Nel frattempo, il virologo Peter Palese, il più importante firmatario della lettera di sostegno pro-Cina del febbraio 2020, ha lasciato il suo incarico in quel momento e chiede anche un’indagine approfondita su tutte le domande sull’origine del virus.

Altri autori, come l’esperto di coronavirus di Berlino Christian Drosten, conferma Continua a rifiutare la tesi di incidente di laboratorio. Per colpa di perdita di laboratorioL’ipotesi non è più un tabù, è ancora lontana dalla verità. L’unica cosa chiara è che Sars-CoV-2 non può passare direttamente dai pipistrelli agli umani, altrimenti non sarebbe contagioso. Per iniziare una pandemia, il virus ha dovuto prima adattarsi in un mammifero il cui sistema immunitario è molto simile a quello di un umano. Possono essere i cani procione, ad esempio, che sono ampiamente tenuti nell’industria cinese delle pellicce. Gli animali, che sono strettamente ingabbiati e sottoposti a stress immunitario, forniscono le condizioni ideali come campo di addestramento per i virus dei pipistrelli diretti verso un’epidemia.

READ  Lavarsi i denti protegge da diabete, infarti e complicazioni durante la gravidanza

Finora, gli allevamenti di animali da pelliccia non sono stati studiati sistematicamente

Anche se questo Una chiara possibilità da aprile 2020 Discusso, né le autorità cinesi né il team di esperti recentemente inviato dall’Organizzazione mondiale della sanità hanno indagato sistematicamente gli allevamenti di animali da pelliccia. Ovviamente, d’altra parte, anche i cani procione (e altri mammiferi) sono stati utilizzati per condurre esperimenti presso l’Istituto di virologia di Wuhan. In teoria, il virus pandemico potrebbe anche essersi schiuso nel processo.

In particolare, verrebbe messa in discussione l’acquisizione di esperimenti funzionali, in cui vengono alterate le proprietà patogene dei virus, o semplici esperimenti di infezione con un virus di pipistrello precedentemente sconosciuto. Il capo del laboratorio Shi ha confermato alla rivista Science di non aver ottenuto guadagni non pubblicati per gli esperimenti funzionali e di non avere i patogeni catturati che potrebbero essere visti come precursori di un virus pandemico.

D’altra parte, ci sono altri due laboratori a Wuhan, anche sulle loro attività In Cina Poco conosciuto. Uno di questi è di proprietà del Centro di Wuhan per il controllo e la prevenzione delle malattie. L’autorità epidemica nega di aver mai posseduto o lavorato con il virus dei pipistrelli. Tuttavia, un video cinese sta circolando online che mostra un membro dello staff che caccia animali e dichiara con orgoglio di aver visitato dozzine di grotte di pipistrelli e raccolto centinaia di campioni per la ricerca sui virus.

E infine c’è un laboratorio antivirus con il più alto livello di protezione 4, che è stato eseguito solo nel 2018 e secondo uno di loro Il rapporto del Washington Post Deve aver causato problemi di sicurezza per molto tempo. Sembra che quello che sta succedendo sia un mistero anche per l’intelligence americana. Se ci fossero stati davvero esperimenti su animali con coronavirus pericolosi, questo complesso di laboratori sarebbe stato in ogni caso più appropriato dei laboratori di livello 3 del Dr. Shi.

READ  Fuoco di Sant'Antonio dopo la vaccinazione contro la corona: un vaccino può riattivare l'herpes zoster?

Pechino vuole nascondere qualcosa al mondo

Non c’è dubbio che le autorità e gli scienziati cinesi abbiano mentito al mondo all’inizio dell’epidemia e continuano a farlo. La presunta origine al mercato Huanan di Wuhan era una bufala, così come il mito ormai popolare secondo cui il virus proveniva dall’Occidente su prodotti congelati. Pechino vuole nascondere qualcosa al mondo, questo è certo.

Questo potrebbe in teoria essere un incidente di laboratorio. Ma le prove dell’origine dell’epidemia nell’industria multimiliardaria delle pellicce del paese sarebbero una ragione sufficiente per ingannare i paesi stranieri. È anche possibile che la futura potenza globale voglia solo nascondere il fatto che ha riconosciuto l’epidemia troppo tardi e inizialmente l’ha combattuta in modo insufficiente, il che lo metterebbe in buona compagnia sul pianeta. Pertanto, ci sono poche speranze di trovare il paziente dell’epidemia zero e i mammiferi infettati da essa.

Dobbiamo conoscere l’origine del virus per affrontare al meglio la prossima pandemia?

Alcuni dei miei colleghi credono che senza questa conoscenza ci stiamo dirigendo alla cieca verso la prossima catastrofe perché non possiamo prevedere come emergeranno nuove epidemie. D’altra parte, la Cina non è stata in grado di prevenire l’attuale epidemia, sebbene un focolaio di coronavirus molto simile dal 2003 sia stato ampiamente eliminato: nel caso della malattia polmonare da SARS, il virus precursore nei pipistrelli, il vettore (gatto strisciante) il primo paziente potrebbe essere stato identificato.

Al contrario, le epidemie di Ebola sono ora rapidamente riconosciute e contenute, sebbene la fonte non sia stata trovata nel regno animale da più di 40 anni. In effetti, non importa come continua il gioco cinese del nascondino, abbiamo già una chiave per evitare future epidemie: dobbiamo identificare e contenere nuovi tipi di malattie infettive in una fase iniziale prima che si diffondano senza controllo.

Ciò richiede una stretta e affidabile cooperazione con la Cina e altri paesi in cui le persone hanno contatti particolarmente intensi con gli animali selvatici. Anche i controversi guadagni delle esperienze funzionali possono essere controllati solo attraverso la trasparenza e gli accordi internazionali. L’accusa, la tutela straniera e le indagini forensi non possono avvicinarci ulteriormente a questo obiettivo. Per quanto paradossale possa sembrare, è meglio in questo pezzo poliziesco se il colpevole non viene trovato, se c’è.