Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’infezione da coronavirus con esperienza protegge dallo sviluppo di malattie gravi – pratica di guarigione

COVID-19: un effetto preventivo da precedenti infezioni da coronavirus

Molte persone infettate da SARS-CoV-2 contraggono il virus COVID-19 con pochi o nessun sintomo. Uno dei motivi per cui la malattia progredisce leggermente potrebbe essere una precedente infezione con il coronavirus stagionale.

I ricercatori del Centro medico dell’Università di Munster sono stati in grado di dimostrare un legame tra l’infezione stagionale da coronavirus e un decorso lieve di infezione da SARS-CoV-2 in due studi. Di conseguenza, i cicli di malattia grave si verificano meno con COVID-19 che con una precedente infezione da OC43.

Globale zirkulierende umanità Coronaviren

Secondo gli ultimi risultati di un gruppo di ricerca della University of Munster School of Medicine (WWU) presso l’University Hospital Muenster (UKM), la precedente infezione con il coronavirus stagionale OC43 ha un effetto protettivo.

per me Messaggio Due studi del gruppo di lavoro mostrano che precedenti infezioni con i quattro coronavirus umani che circolavano già a livello globale prima della pandemia (HCoV-229E, HCoV-NL63, HCoV-HKU1 e HCoV-OC43), che per lo più causano solo stagionali e innocui. Le infezioni delle vie respiratorie superiori proteggono dal decorso grave di COVID-19.

Afferma il professor Hartmut Schmidt, direttore della clinica B (Gastroenterologia, Epatologia, Endocrinologia e Infettologia clinica) presso UKM.

Una componente importante del trattamento

Lo studio pilota COVID-19 di Munster con 60 pazienti sul significato di precedenti infezioni stagionali da coronavirus durante la malattia è stato pubblicato sulla rivistaGiornale internazionale delle malattie infettive“È stato rilasciato.

I risultati sono ora confermati in uno studio di verifica multicentrico con quasi 300 pazienti provenienti da Germania e Francia, che è stato pubblicato sulla rivista specializzata.Il Journal of Clinical VirologyÈ stato pubblicato.

READ  Carenza di vitamina D: l'ingestione artificiale può nuocere alla salute

Questi risultati rappresentano un punto di partenza per ulteriori studi e potrebbero diventare un importante elemento costitutivo nel trattamento delle persone con COVID-19.

Anche il sesso gioca un ruolo importante

“I pazienti di età superiore ai 40 anni sono ad alto rischio di sviluppare un periodo grave, in particolare gli uomini”, afferma il professor Martin Dougas, direttore dell’Istituto di informatica medica presso l’Università di Muenster.

“I due studi dimostrano che, rispetto ad altri pazienti COVID-19, i pazienti più critici erano quelli i cui anticorpi contro la cosiddetta proteina nucleocapsidica per HCoV OC43 non potevano essere rilevati”, spiega l’esperto.

Oltre al precedente infortunio, anche il punto temporale dall’età di 40 anni e il sesso giocano un ruolo importante. Nello studio pilota, 17 dei 19 pazienti che ricevevano un trattamento intensivo erano uomini di età compresa tra 50 e 65 anni.

“Anche nello studio di follow-up, non siamo stati in grado di identificare differenze statisticamente significative nel decorso della malattia, indipendentemente dal fatto che i pazienti avessero 40, 60 o 80 anni, a condizione che non avessero precedenti malattie gravi. Età e soprattutto gli uomini senza anticorpi OC43, avevano generalmente maggiori probabilità di avere un decorso grave.

Guardando i dati, lo scienziato chiede di “indirizzare l’attuale strategia di vaccinazione verso le persone di età superiore ai 40 anni”. Complessivamente, circa il 20% dei pazienti esaminati era negativo per gli anticorpi OC43.

Determinazione degli anticorpi

Sulla base dei risultati, i ricercatori sostengono anche che la valutazione del rischio di pazienti con COVID-19 non dovrebbe essere basata esclusivamente sull’età avanzata e su malattie precedenti.

“Con l’identificazione aggiuntiva degli anticorpi, abbiamo un altro elemento costitutivo dell’epidemia per comprendere questa malattia altamente complessa COVID-19”, afferma il professor Joachim Kuhn, direttore medico della virologia clinica presso UKM. Secondo l’esperto, il test degli anticorpi OC43 è possibile in modo affidabile con un test commerciale poco costoso.

READ  Volo immunitario: i componenti del sangue possono "camuffare" il Coronavirus

“Con il campione di sangue, possiamo fornire il risultato in un breve periodo di tempo”, afferma Cohn. “Ciò significa che non è un problema raccogliere questo parametro da tutti i pazienti in ospedale”.

Usa nuove opzioni di trattamento

In UKM, questo è stato fatto per tutti coloro infettati da COVID-19 da marzo al fine di monitorarli da vicino a seconda del risultato. “Attraverso i test, abbiamo la possibilità di effettuare uno screening per la prima volta, con il quale possiamo estrapolare il decorso della malattia e utilizzare nuove opzioni di trattamento per quei pazienti che ne hanno più bisogno nel caso di COVID-19”, ha detto il professor Hartmut Schmidt . Dobbiamo approfittare di questa opportunità “.

L’idea di andare a fondo delle infezioni precedenti deriva, tra le altre cose, dai risultati dello studio UKM Coronaplasma iniziato nella primavera del 2020 con la partecipazione di 4.010 partecipanti da tutta la Germania.

Il direttore dello studio Schmidt spiega: “Tra le persone con un decorso moderato di COVID, un gran numero ha avuto contatti con bambini di età inferiore ai dieci anni”. Ciò ha portato all’ipotesi che le cosiddette infezioni legate all’infanzia, ad esempio il comune raffreddore, vengono trasmessi ai genitori e agli insegnanti dei bambini., Potrebbe avere un effetto protettivo contro COVID-19.

I risultati di questa indagine sono stati pubblicati lo scorso anno, anche suGiornale internazionale delle malattie infettive“. (anno Domini)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Gonfiato:

  • Westfälische Wilhelms-Universität Münster: SARS-CoV-2: il coronavirus stagionale da contatto favorisce un decorso lieve di COVID-19, (accesso effettuato il 27 aprile 2021), Westfälische Wilhelms-Universität Münster
  • Martin Dugas et al: La via meno pericolosa di COVID-19 è associata a livelli elevati di anticorpi contro i coronavirus umani stagionali OC43 e HKU1 (HCoV OC43, HCoV HKU1); In: International Journal of Infectious Diseases (veröffentlicht: 22.02.2021), Giornale internazionale delle malattie infettive
  • Martin Dougas et al: la mancanza di anticorpi contro la proteina nucleocapsidica stagionale del Coronavirus OC43 identifica i pazienti a rischio di contrarre il virus COVID-19 critico; In: The Journal of Clinical Virology (veröffentlicht: 24.04.2021), Il Journal of Clinical Virology
  • Martin Dugas et al: collegamento di contatto con bambini piccoli con decorso lieve di COVID-19; In: International Journal of Infectious Diseases (veröffentlicht: 05.09.2020), Giornale internazionale delle malattie infettive

nota importante:
Questo articolo è solo una guida generale e non è inteso per essere utilizzato per l’autodiagnosi o l’automedicazione. Non può sostituire una visita dal medico.