IL Governo federale Approvate nuove norme per i contratti di lavoro nel settore scientifico. Il Ministero dell'Istruzione ha annunciato che il Consiglio dei Ministri potrebbe prendere quanto prima una decisione sulla riforma della cosiddetta Legge sui contratti temporanei per le scienze. Ciò stabilisce che gli scienziati post-dottorato, dopo aver completato il dottorato, potranno lavorare a tempo determinato solo per quattro anni anziché sei. Dovrebbero essere concessi solo altri due anni con un impegno vincolante ad aderire.

Dal 2007 la legge regola il grado di restrittività dei contratti di lavoro presso università e istituti di ricerca. È stato a lungo criticato perché molti giovani scienziati hanno un contratto di lavoro a tempo determinato oltre il decennio successivo.

La ministra federale dell'Istruzione Bettina Stark-Watsinger (FDP) aveva inizialmente proposto di limitare il contratto a tempo determinato a tre anni anziché a sei. Per raggiungere un accordo, la politica ha ribadito il suo obiettivo di voler migliorare le condizioni di lavoro degli scienziati nelle prime fasi della loro carriera. “Attraverso la riforma, creiamo maggiore affidabilità, prevedibilità e trasparenza nei processi scientifici”, ha affermato Stark Watzinger. Inoltre, viene migliorata la compatibilità tra famiglia e lavoro. “Allo stesso tempo, stiamo garantendo le prestazioni e la capacità del nostro sistema scientifico di funzionare”, ha affermato.

READ  Cinque motivi per cui dovresti mangiarli