Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Arabia Saudita giustizia un uomo che era presumibilmente minorenne al momento del crimine

a saudita Un uomo è stato giustiziato, secondo attivisti per i diritti umani, che potrebbe essere minorenne al momento del suo presunto crimine. Il ministero dell’Interno saudita ha annunciato che l’uomo, di nome Mustafa Al-Darwish, è stato giustiziato martedì. Secondo fonti ufficiali, è stato condannato a morte per aver formato una rete terroristica e aver partecipato a una rivolta armata. L’Arabia Saudita è uno dei paesi con il maggior numero di esecuzioni al mondo.

Ma Amnesty International presume che l’uomo sia stato arrestato per aver partecipato a disordini che hanno criticato il governo nel 2011. Si dice che avesse solo 17 o 18 anni all’epoca. Secondo gli attivisti per i diritti umani, il suo processo si è basato su una confessione estorta sotto tortura. E il regno islamico conservatore ha annunciato lo scorso anno riforme giudiziarie, compresa l’abolizione della pena di morte per i minorenni.

L’Arabia Saudita è stata a lungo criticata per il suo sistema carcerario. Alcuni dei detenuti furono decapitati, fucilati o fustigati in pubblico. Il 2019 è stato un regno strettamente conservatore dopo la Cina e Iran Secondo Amnesty International, il Paese con il maggior numero di esecuzioni al mondo. Ma nel 2020 Il numero delle esecuzioni è diminuito drasticamente.

Pene minori per i minorenni, infatti

Ciò è dovuto anche a von Kronprinz Mohammed bin Salman Modernizzazione avanzata nel paese. Nel 2018, l’Arabia Saudita ha abolito la pena di morte per reati di droga in una riforma globale. Ridotte anche le pene per i minorenni.

Di recente, nella primavera del 2020, la famiglia reale ha confermato in un decreto che nessun condannato di età inferiore ai 18 anni verrà giustiziato in futuro. La pena di morte non sarà comminata ai minori accusati al momento in cui è stato commesso il reato. Si diceva in quel momento. Ma per molto tempo non è stato chiaro se l’Arabia Saudita avrebbe effettivamente attuato il decreto. Fino a poco tempo fa, gli attivisti per i diritti umani avvertivano che i detenuti erano ancora minacciati di morte, come ora viene affermato nel caso Mustafa al-Darwish.

READ  I repubblicani cacciano Blaise Cheney - 'abolito'