Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’adesione alla NATO incombe di nuovo

L’adesione alla NATO incombe di nuovo

Se George W. Bush avesse ottenuto ciò che voleva 15 anni prima, la questione sarebbe stata risolta molto tempo fa. Al vertice della NATO del 2008, il presidente degli Stati Uniti ha sostenuto con veemenza due nuovi alleati e, secondo quanto riferito, il consigliere per la sicurezza Condoleezza Rice ha pianto quando non c’era consenso.

“Angela Merkel in particolare ha fatto in modo che l’adesione alla NATO di Ucraina e Georgia fosse solo una promessa per il futuro senza una data fissa”, ricorda l’allora consigliere per la politica estera, Christoph Heusgen.

A Kiev, la missione della Merkel ha contribuito al quadro non molto positivo della politica della Germania nei confronti della Russia, che solo lentamente ha iniziato a cambiare con il significativo aumento delle consegne di armi negli ultimi mesi. Heusgen continua a difendere il fatto che Berlino abbia rifiutato l’adesione dell’Ucraina nello spirito del presidente russo.

“Guardando indietro, penso che questa concessione a Vladimir Putin fosse corretta: in primo luogo, l’Ucraina non era troppo lontana e, in secondo luogo, c’era ancora speranza che la Russia potesse essere integrata in una struttura di sicurezza europea”.

I sistemi Patriot tedeschi proteggono l’aeroporto di Vilnius dal vertice NATO in Lituania.
© Reuters/Janice Laizans

In un vertice della NATO a Vilnius martedì e mercoledì, quasi 17 mesi dopo gli attacchi della Russia all’Ucraina, i capi di stato e di governo dei 31 Stati membri devono ora rispondere alla domanda se una parte maggiore dell’impegno fondamentale di aderire ora debba essere rispettata. Cemento. E se sì, come?

Non c’è pace senza sicurezza

È chiaro a tutti gli attori che Kiev ha bisogno di garanzie internazionali di protezione a lungo termine. Senza di loro, l’Ucraina non sarà al sicuro, anche dopo un cessate il fuoco o un trattato di pace, finché la Federazione Russa non abbandonerà le sue aggressive politiche imperialiste. Per il presidente Volodymyr Zelensky, la sicurezza nel futuro è in qualche modo il prerequisito per poter partecipare ai colloqui.

READ  Un'auto si schianta contro un gruppo di persone in Belgio: quattro morti

Le prime considerazioni sull’abbandono della futura promessa della NATO e l’accettazione di uno status neutrale per amore della pace sono state a lungo sul tavolo. In autunno, Zelensky ha presentato rapidamente una richiesta per entrare a far parte della coalizione.

Questo sembra irrealistico mentre la guerra è ancora in corso. Dopotutto, nel 1995, la NATO ha posto come condizione che un paese con una disputa di confine irrisolta, come Cipro, non ne diventasse membro, perché l’alleanza potrebbe quindi diventare parte della guerra.

Solo di recente, in un’intervista a Tagesspiegel, il segretario generale della NATO ha sottolineato che l’unica domanda a Vilnius sarebbe “se sosterremo o meno l’adesione dell’Ucraina alla NATO molto rapidamente dopo la fine della guerra”.

31

Capi di Stato e di governo Diversi Stati membri della NATO si incontrano a Vilnius, la capitale della Lituania, martedì e mercoledì per il loro vertice annuale.

Venerdì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato senza mezzi termini della questione dell’immediata accettazione dell’Ucraina alla CNN: “Non credo che sia pronta per l’adesione alla NATO”. Articolo 5 Ogni centimetro di territorio sarà difeso e l’intera alleanza sarà in guerra.

L’adesione di parti libere dell’Ucraina è stata discussa a lungo

Baltici e polacchi in particolare hanno ripetutamente spinto per una rapida adesione. Anche il paese che ha ospitato il vertice, la Lituania, ha avuto questo messaggio in qualche modo, tranne per il fatto che è stato apposto con discrezione sull’edificio in cui si teneva il vertice. Ci sono solo due parole scritte in maiuscolo: “Ucraina” e “NATO”.

Gli esperti di sicurezza Margarete Klein e Claudia Major della Stiftung Wissenschaft und Politik hanno recentemente delineato le considerazioni sull’adesione prima della fine della guerra con il seguente argomento: “Se la NATO adotta l’adesione ai conflitti regionali, può incoraggiare la Russia a porre fine al conflitto con l’Ucraina facendo deliberatamente cucina.”

READ  La televisione di stato di Putin non è d'accordo sulla Finlandia: la Russia dovrebbe "liberare il popolo fraterno"?

Considerano quindi “ragionevole che i territori liberi aderiscano alla NATO” come primo passo. Pertanto, il prerequisito è che l’Ucraina coordini le operazioni militari con la NATO e l’articolo 5 non si applicherebbe altrimenti.

Anche Michael Roth non vuole spingersi così lontano. Tuttavia, il capo della commissione per gli affari esteri del Bundestag potrebbe prevedere una parziale annessione dell’Ucraina, almeno per il dopoguerra: “L’idea si riferisce al caso teorico che il ‘conflitto congelato’ rimanga irrisolto dopo una soluzione pacifica”, ha affermato. ha scritto questa settimana su Twitter: Qui posso certamente immaginare l’adesione dell’Ucrainama ciò non comporta alcun obbligo di assistenza della NATO per le regioni occupate dalla Russia.

Contenuti editoriali consigliati

A questo punto troverai contenuti esterni selezionati dai nostri redattori, che arricchiranno l’articolo con ulteriori informazioni per te. Qui puoi visualizzare o nascondere i contenuti esterni con un solo clic.

Acconsento alla visualizzazione di contenuti esterni. Ciò consente il trasferimento di dati personali a piattaforme di terze parti. Puoi trovare maggiori informazioni al riguardo nelle impostazioni di protezione dei dati. Li trovi in ​​fondo alla nostra pagina nel footer, così potrai gestire o revocare le tue impostazioni in qualsiasi momento.

Anche l’ex consigliere della Merkel, Heusgen, che ora presiede la Conferenza sulla sicurezza di Monaco e che considera obsolete le preoccupazioni del passato, sta pensando in questa direzione. “Oggi la situazione è completamente diversa”, ha detto al quotidiano Tagesspiegel, “Putin ha sfruttato il pensiero dell’Occidente”.

Dubbio a Washington e Berlino

Tuttavia, la speranza ucraina che l’invito possa essere esteso lì o che venga commissionato un cosiddetto Piano d’azione per l’adesione con una tabella di marcia per l’adesione, che Kiev ha rifiutato nel 2008, venga commissionato, si è sempre più affievolita nelle ultime settimane.

Joe Biden e Volodymyr Zelensky a febbraio a Kiev al Memorial Wall to the Fallen Defenders of Ukraine.
Joe Biden e Volodymyr Zelensky a febbraio a Kiev al Memorial Wall to the Fallen Defenders of Ukraine.
© Non accreditato / Ufficio stampa presidenziale ucraino / AP / dpa

Anche a questo proposito c’è grande scetticismo da parte della Casa Bianca a Washington, ma anche della Cancelleria federale a Berlino. Sia Biden che il cancelliere Olaf Scholz (SPD) temono che con il progredire della guerra possano aumentare le pressioni per anticipare una data fissata da Vilnius per il dopoguerra.

READ  Terrore talebano: terribile conferenza stampa di propaganda - Politica all'estero

Biden e Schultz vedono ancora molto potenziale per l’escalation tra NATO e Russia. Le garanzie di sicurezza del dopoguerra dovrebbero essere negoziate bilateralmente o in una “coalizione dei volenterosi” piuttosto che in una coalizione.

Domenica sono diventate note dichiarazioni di altre interviste di Biden, secondo le quali gli Stati Uniti possono essere una sorta di forza protettiva per l’Ucraina, come, appunto, per Israele. Tuttavia, quella transizione non sarebbe iniziata fino alla fine della guerra – Biden ha deliberatamente lasciato aperto quando l’adesione potrebbe avvenire dopo.

Al momento, Schultz e lui vogliono lasciarlo alla stretta collaborazione della NATO e dell’Ucraina sotto la soglia dell’adesione, che dovrebbe iniziare a Vilnius. Il Consiglio NATO-Ucraina dovrebbe riunirsi lì per la prima volta mercoledì, il che intensificherà la cooperazione in una varietà di aree con tutti i tipi di gruppi di lavoro e sottogruppi. Secondo Stoltenberg verrà delineato anche un “pacchetto pluriennale” di sostegno politico e militare.

La domanda al vertice è se Kiev ei suoi alleati dell’Europa orientale si accontenteranno di rinnovare semplicemente la promessa fatta da Bucarest che un giorno l’Ucraina diventerà un membro della NATO. Trovare più formule che avvicinino, ma non troppo, l’obiettivo ucraino sarà un compito difficile per i consiglieri di Biden, Schulz & Co. a Vilnius.