Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’accordo con il Qatar è fallito! Nonostante il suo inginocchiamento, ha deluso gli anziani Habek

  1. Pagina iniziale
  2. Politica

creatura:

a: Caterina Brown

Il gas annunciato non si è materializzato molto dal Qatar: a quanto pare nessuna delle compagnie energetiche tedesche ha stretto un accordo con i fornitori dello stato del Golfo. Il viaggio di Robert Habeck è stato vano?

MONACO – Alcuni sono rimasti scioccati, altri l’hanno trovato coraggioso: come ministro dell’Economia Robert Habeck È volato a Doha a marzo, ha stretto la mano agli sceicchi, inchinandosi persino al ministro dell’Energia del Qatar. “Ora devi parlare con partner che hanno le proprie caratteristiche”, ha detto all’epoca il politico verde. Il messaggio era che non aveva altra scelta. E il viaggio sembra aver dato i suoi frutti: un “cool” Fortemente d’accordo sulla partnership energeticaHabek ha annunciato. Di più: il Qatar è aperto alle energie rinnovabili e a una maggiore protezione del clima a lungo termine. Ora, quasi cinque mesi dopo, quell’accordo sembra essere stato dimenticato da tempo.

Nonostante in ginocchio in Qatar, l’accordo sul gas liquido è esploso?

Il messaggio cade per caso, così com’è Habik una settimana fa a Bayreuth una folla inferocita di manifestanti Chiesto. “I qatarioti hanno deciso di non fare una buona offerta”, avrebbe detto il ministro dell’Economia. immagine Ha detto durante il suo tour estivo. “E le società che erano lì in quel momento stavano ricevendo benzina da qualche altra parte ora.” Così, l’accordo con il Qatar, che era molto popolare, è esploso. Non è chiaro da quanto tempo Habek lo sappia.

A marzo, Habek ha acconsentito al ministro dell’Energia del Qatar Saad Sherida al-Kaabi. © Bernd von Guterczynka / D

EnBW, RWE, Vattenfall, E.On e Lex Uniper ancora senza contratto con il Qatar

Su richiesta dei nostri redattori, il Dipartimento federale dell’economia non ha potuto commentare o confermare l’affermazione di Habeck. Solo fino a questo punto: lo stesso governo federale non stipula alcun contratto con i paesi fornitori. “Le aziende stipulano contratti e devi chiedere alle aziende se i contratti sono stati stipulati qui e quali termini e quali termini”, afferma una portavoce dell’azienda. cercato da Concentrati su Internet Ha dimostrato che nessuna delle principali società energetiche tedesche come EnBW, RWE, Vattenfall, E.On e Lex Uniper ha ancora firmato un contratto con i fornitori del Qatar.

READ  Difficile ma giusto: "Il confronto diretto tra Nato e Russia è una scivolata nella terza guerra mondiale"

Pertanto, la “partnership energetica” di Habic con il Qatar è stata di natura simbolica: non sono state specificate né le date di consegna né le quantità esatte di gas. Al contrario, l’Italia ha recentemente concluso un accordo multimiliardario con il Qatar. Un mese fa, il fornitore di energia statale Eni ha annunciato un contratto con Qatar Energy per un importante progetto di gas liquido. I due paesi vogliono collaborare tra loro per 27 anni.

Secondo il Dipartimento degli affari economici, il governo federale sta effettuando uno scambio con diversi paesi che possono fornire temporaneamente gas o idrogeno. “Questo include il Qatar, ma anche molti altri paesi come Norvegia, Canada e Stati Uniti”, afferma. Il livello di mobilitazione degli impianti di stoccaggio del gas naturale tedeschi è attualmente di poco superiore al 70%. Una nuova legge afferma che gli impianti di stoccaggio tedeschi devono essere pieni almeno del 75% entro il 1° settembre. Il 1° ottobre dovrebbe essere dell’85% e il 1° novembre dovrebbe essere del 95%.

Interruzione di energia elettrica per i riscaldatori

secondo immagine Il governo teme che milioni di case subiranno un guasto al riscaldamento in inverno se il gas scarseggia. Ciò è emerso da una conferenza di scambio informale tra il cancelliere Wolfgang Schmidt (SPD) e la cancelleria di stato negli stati federali. La preoccupazione è che la pressione nelle reti del gas diminuisca una volta che c’è carenza di gas. Di conseguenza, i geyser possono esplodere e i cittadini dovranno chiamare gli artigiani per aiutarli a rimetterli in funzione.

Kirsten Andrea, presidente della Federal Federation of Energy and Water Industries (BDEW), mette in guardia contro le intimidazioni: “I clienti domestici sono clienti protetti”, dice al nostro quotidiano. Saranno i primi ad essere riforniti di gas in caso di emergenza. Andrea vede un pericolo ancora maggiore nel fatto che molte persone ora stanno acquistando un termoventilatore per paura. “A causa degli elevatissimi requisiti di alimentazione, questi dispositivi non solo fanno aumentare i costi, ma possono anche sovraccaricare le reti elettriche”, afferma.

numero Un membro del governo che è attualmente popolare quanto Robert Habeck. Non ha nulla a che fare con le sue decisioni artistiche. Ma come li trasporta?