Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La via più facile per Venezia – Südtirol News

Roma – dopo Triplice omicidio in un’assemblea condominiale a Roma Gli italiani sono inorriditi nello scoprire quanto sia facile anche per un uomo profondamente disturbato mentalmente che ha ricevuto diverse denunce di minacce ottenere un’arma in modo semi-legale.

Nonostante i carabinieri gli abbiano rifiutato il permesso di tiro, Claudio Campetti ha potuto richiedere con successo l’iscrizione al poligono di tiro – situato a Tor di Quinto a Roma. Apparentemente non essendoci alcun obbligo da parte delle forze dell’ordine di informare i poligoni di tiro del rifiuto di uno dei suoi membri di concedere in licenza le armi da fuoco, il 57enne ha potuto esercitarsi nel maneggio delle armi per anni. Il presunto fatto che Claudio Campetti sia stato in grado di acquistare 200 cartucce senza attirare l’attenzione e uscire tranquillamente dal poligono di tiro con la sua arma del delitto – una pistola Glock – senza essere controllato è visto dal pubblico italiano con puro orrore.

Ansa/Angelo Carconi

Dopo l’orribile e sanguinoso delitto in cui sono state uccise tre donne, gli investigatori hanno sequestrato tutte le riprese video registrate dalle telecamere di sorveglianza interne, nonché tutti gli elenchi delle presenze e i documenti di identità. La Procura della Repubblica ei Carabinieri sperano che questo atto chiarisca la questione di come Claudio Campetti sia riuscito a lasciare la struttura con un’arma a noleggio – una Glock 45 – e le munizioni adeguate per portare a termine la sua sanguinosa campagna di vendetta. Poiché gli investigatori ritenevano che il personale del poligono di tiro potesse non essere stato abbastanza vigile, o che vi fossero almeno gravi carenze nel sistema di monitoraggio, il poligono di tiro è stato sequestrato e chiuso.

Strage di Fidene, Martha Anchi la quarta donna

Strage di Fidene, morta anche la quarta donna morta anche Fabiana De Angelis, la quarta donna colpita da Claudio Campiti domenica scorsa a Roma. Le indagini sulla strage si combrano sul poligono da dove è stat sottratta la pistola. Spunta un precedente del 2012. Jacopo Cecconi di il Tg3 delle 19 del 13 dicembre 2022

Pubblicato da Tg3 Martedì 13 dicembre 2022

Ma il percorso tracciato che dava al Campetti l’accesso a Venezia era iniziato quattro anni prima. Essendo stato denunciato più volte per aver ricevuto tra l’altro minacce, i carabinieri Claudio Campiti si sono rifiutati di rilasciare porto d’armi. Tuttavia, il 57enne ha trovato il modo di “possedere” una pistola. Il 31 maggio 2018 Campetti si iscrive come membro del Poligono di tiro di Tor di Quinto a Roma. Ciò gli ha permesso di noleggiare e praticare diverse armi nel poligono di tiro. Nonostante le tante denunce nei suoi confronti, Claudio Campetti riceveva ogni anno i documenti necessari a comprovare la sua idoneità psicologica allo sport.

READ  Olympia 2021 - Calcio: la Francia è esposta al Messico - Spagna solo 0-0

Youtube

Apparentemente senza alcun obbligo da parte delle forze dell’ordine di informare i poligoni di tiro del rifiuto di uno dei suoi membri di concedere in licenza un’arma da fuoco, il 57enne ha potuto esercitarsi nel maneggio delle armi per anni. Claudio Campetti, che secondo gli allenatori frequentava il poligono quattro o cinque volte al mese, è diventato un ottimo tiratore. Il 9 novembre 2019 ha colpito tutti i 30 bersagli, sparando 30 proiettili. Ogni anno – da ultimo il 3 febbraio 2022 – Campetti ha rinnovato il suo abbonamento Platinum, che gli ha permesso di noleggiare una pistola da utilizzare all’interno del poligono di tiro per un canone annuo di 310 euro. Secondo i suoi allenatori, Campetti era considerato “estremamente affidabile”.

Secondo una ricostruzione del delitto da parte dei carabinieri, Claudio Campetti si è recato domenica mattina al poligono di tiro di Tor di Quinto. Come al solito, ha lasciato la sua carta d’identità al cancello e gli ha consegnato una pistola. “Ha ordinato espressamente una Glock calibro 45. Ha già usato quella pistola”, ha detto una delle guardie.Allo stesso tempo, Campiti ha comprato quante più cartucce poteva: quattro scatole da 50 ciascuna.

Youtube

La ricostruzione degli inquirenti mostra chiaramente che al poligono di tiro mancavano i controlli. Campetti rimase solo con la Glock. Nessuno degli istruttori lo ha scortato dall’armeria alla linea di fuoco. Poiché all’uscita del poligono non sono installati metal detector e poiché il personale del poligono non è composto da agenti in grado di perquisire le persone, il 57enne ha potuto portare con sé l’arma noleggiata senza alcun controllo. Come avrebbero confermato le riprese delle telecamere a circuito chiuso, Campetti è entrato nel poligono di tiro poco prima delle 9 di domenica mattina ed è uscito poco dopo.

READ  Robbolding: Lesser e Dole perdono l'occasione di incoronare al poligono - sorprende David Zobel con il 10° posto

Ne seguì un’azione terribile e sanguinosa. Con l’arma rubata al poligono di Tor di Quinto e le relative munizioni nel bagaglio, Claudio Campetti si è recato all’assemblea condominiale. “È entrato, ha chiuso la porta e ha gridato: ‘Vi ammazzo tutti!'” E hanno iniziato a sparare”, ha detto un testimone oculare.

Sabina Sperandio, Elisabetta Silenzi e Nicoletta Golisano sono state uccise sul colpo, e grazie a un uomo di 67 anni che ha disarmato l’autore durante una colluttazione, sono state scongiurate ulteriori vittime. Il 67enne, colpito alla stessa guancia, ha trattenuto l’autore del reato con altri uomini fino all’arrivo dei poliziotti.

Ansa/Facebook Claudio Campti

Secondo gli inquirenti, Claudio Campetti avrebbe pianificato un vero e proprio bagno di sangue. Campetti è accusato di tre capi d’accusa di omicidio di primo grado, aggressione aggravata, possesso illegale di armi e appropriazione indebita di armi da fuoco.

Facebook/Roberto Gualtieri

Tre giorni dopo il terribile sanguinoso delitto, l’Italia è ancora sotto shock. Martedì Un’altra donna è deceduta per le gravi ferite riportate. Allo stesso tempo, il pubblico italiano è inorridito nello scoprire quanto sia facile anche per un autore gravemente disturbato mentalmente che è stato accusato di numerose denunce di minacce di prendere un’arma. Molti politici italiani chiedono leggi più severe sulle armi e la chiusura dei poligoni di tiro dove le armi vengono utilizzate senza alcun controllo.

Da: Ka