Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La stella dell’Italia Lorenzo Insigne: da calciatore di strada talentuoso a “Messi dal Vesuvio”

Lorenzo Insigne è il catalizzatore del gioco d’attacco italiano. Dopo anni di estranei, il capitano della squadra SSC Napoli è arrivato anche in Nazionale. Il piccolo evasore sulla fascia sinistra è uno stimolante dell’umore e una fonte di idee. E se non è tentato da un sacco di soldi, può A Napoli, forse presto il numero 10 del grande Diego Maradona scorrere verso l’alto.

Mostrare

Devi affrontare un sacco di elogi iniziali. “Era un fenomeno già a sei anni”Il talent scout Rosario Vitale raccontava di Lorenzo Encin anni fa. Insignia in seguito acquisì il soprannome di “Il Grande” basato sul suo nome, principe rinascimentale Lorenzo de’ Medici. Perché fa gol così bene, come se fossero disegnati da Michelangelo, uno degli artisti un tempo promossi dai Medici Lorenzo. Il “Messi del Vesuvio” Viene anche chiamato dai suoi fan – per i suoi trucchi, le tecniche di tiro e la fedeltà al club. È lì da 17 anni. E siccome è napoletano, del sobborgo di Fratamagiore, e calcia anche benissimo, è stato chiamato più e più volte, MaradoninEssere il piccolo Maradona. “No, sono Lorenzo Insigne e voglio andare per la mia strada”, dice.

Quando gli è capitato di confrontare Maradona per la prima volta con qualche esitazione, ha giocato fuori casa, sull’Adriatico, nel club di seconda divisione Pescara, sotto la guida di Zdenek Zeman. Il ceco è un calcio offensivo radicale. Non solo ha lasciato che Insignia dribblasse a suo piacimento, ma aveva anche un attaccante centrale in Ciro Immobile che si è precipitato nello spazio aperto con forza elementare, e in Marco Verratti un brillante passante. Il trio all’epoca non contava tanti anni quanto l’allenatore di 63 anni, giocavano a football come champagne, erano selvaggi come una Mustang che attraversava la prateria e avevano anche successo. In Serie B, il giovane Pescara è riuscito a ottenere la promozione in Serie A nel 2011. Un anno dopo il successo dell’Inter in Champions League, la squadra era la cosa importante nel Calcio. Era l’antidoto perfetto per la macchina da combattimento del ghiaccio di Jose Mourinho.

READ  Johnson condanna il razzismo contro i rigoristi falliti in Inghilterra

Del trio, Insigne è stato il più difficile. Quando tornava a Napoli, l’Arena si aspettava sempre da lui il prossimo colpo di genio. In un primo momento, Insigne non poteva sopportare questa pressione. Ha anche faticato ad adattarsi al quadro tattico dei suoi allenatori. La svolta è arrivata sotto Maurizio Sarri, un altro papa che ha aggredito il fumo con il fumo a catena. Da allora il dribbling a sinistra di Insigne, il tiro al centro e la chiusura dell’angolo in alto a destra sono marchi del Napoli – e da quando è subentrato Mancini, anche con la Squadra Azzurra.

Idol Maradona ha incontrato Insigne mentre era ancora vivo. Ha ricevuto il più grande riconoscimento possibile dal santo patrono di Napoli. “Se fa più gol di me, può indossare anche il numero 10”Lo ha detto l’argentino durante la sua visita a Napoli.