Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Eintracht Francoforte con l’inizio degli allenamenti: “Poi ha cacciato…”

  • perIngo Dorstoitz

    Vicino

Il nuovo allenatore dell’Eintracht Oliver Glasner inizia con un assaggio dell’intera stagione.

FRANCOFORTE – Oliver Glasner non sembra pensare molto a una corsa comoda, oa un piccolo programma di spettacolo come riscaldamento. Ha detto il nuovo allenatore di Eintracht Francoforte Ha annunciato durante la sua esibizione e ha mantenuto la sua parola. Inizialmente giovedì mattina, lasciando lavorare i giocatori del Francoforte per due ore, non è stato un allenamento duro, ma ambizioso. “E ‘stato stressante, ma non è stato molto stressante”, ha detto il nuovo arrivato Christopher Lenz. “Si trattava di entrare e tornare dopo la lunga pausa”.

Nessun fan perché Corona virus Rimane chiuso, ma al maestro di calcio è stato permesso di accogliere un totale di 26 giocatori nel campo di allenamento all’ombra della tribuna principale, inclusi rimpatriati come Dani da Costa o Goncalo Paciencia, veterani come Makoto Hasebe o Philip Kostick o volti recenti come Fabio Blanco, questo piccolo tasso sfacciato dell’anno 17 con una stuoia selvaggia, un ibrido di acconciatura a metà tra gli anni ’70 Paul Breitner e Carlos Valderrama e Bob Marley. Il talento spensierato dalla Spagna, così tanto in anticipo, ti fa desiderare di più.

Eintracht Francoforte: pressione nel Reinkultur

All’incirca della stessa età, ma non altrettanto talentuosi, ci sono dieci giovani giocatori di serie A che possono dare una mano con i professionisti perché molti dei giocatori nazionali sono ancora in congedo speciale. C’era bisogno di tutti i ragazzi e di tutti gli uomini. Perché Oliver Glasner ha messo in chiaro nella sua prima sessione di allenamento ciò che conta di più: velocità, pressione, attacco e aggressività. In breve: pressione nella sua forma più pura. Il 46enne ha gridato in tutta l’area “Allora caccia…” ei suoi giocatori sono scappati via. Fuori, il direttore sportivo con un buon senso di Marcus Croce era circondato dall’emittente televisiva del club: “I ragazzi conoscono lo stile di gioco che Oliver vuole vedere”. Questo raramente può essere visto chiaramente il primo giorno.

READ  Let's Dance: una ballerina professionista è dovuta morire di fame durante la sua carriera

È stato anche osservato che l’allenatore spesso interrompeva, spiegava, annuiva e combatteva contro l’aereo rumoroso e tonante. Gli austriaci dovranno abituarsi al rumore sopra le foreste cittadine. A Wolfsburg, una piccola barca potrebbe aver navigato attraverso il Canale di Maitland.

Eintracht Francoforte: subentra Oliver Glasner

Glasner non è chiaramente un allenatore che lascia il campo ai suoi assistenti e si veste di osservatore come un generale. Almeno non ora all’inizio. “Sono intervenuto un paio di volte perché è importante dire quello che si vuole all’inizio”, ha sottolineato l’allenatore.

Il terzino sinistro Linz, che è stato trasferito dall’Union Berlin al Francoforte a parametro zero, ha fatto la stessa impressione. “L’allenatore ha voluto darci subito la sua filosofia e le sue idee”, ha detto il 26enne.

Glasner non caricherà di contenuti la sua squadra e non permetterà che si alleni eccessivamente, anche se il “lato fisico” entra in gioco naturalmente. “Ma vogliamo provare a incorporarlo nell’allenamento calcistico”. Gli stupidi abusi fisici non sono all’ordine del giorno, anche se ci sono alcune cosiddette “unità di maiale”.

Eintracht Francoforte: Fabio Blanco cattura lo sguardo

L’ex residente del Wolfsburg attribuisce grande importanza ai tempi di preparazione, motivo per cui non vuole perdere un giorno. “Ora stiamo gettando le basi non solo per la stagione autunnale, ma per l’intera stagione”. Dopotutto, le vacanze invernali sono buone come un tempo, “sta diventando sempre più breve”.

L’allenatore è più che d’accordo con i risultati dei precedenti test di fitness. “I valori sono molto soddisfacenti. Questo si adatta. “Buoni fondamentali sono il prerequisito per poter raggiungere il livello più alto, ma il lavoro specifico sul tappeto erboso è fondamentale per questo. “Puoi allenarti molto in vacanza, ma il calcio non può essere imitato. Questi brevi movimenti, rotazioni, partenze e fermate sono quasi presenti nel calcio”. Pertanto, i suoi giocatori “si sentiranno nei prossimi giorni”, ha detto. “Ci rimane ancora una piccola settimana.” In generale, il 46enne era soddisfatto di ciò che i suoi uomini gli hanno dato il primo giorno. “I ragazzi hanno fatto un ottimo lavoro”.

Vecchia mano, molti volti nuovi: Eintracht-Zalazar, Jabbour, Linz, Blanco – e Oldi Hasebe (da sinistra).

© dpa

Soprattutto il giovane Fabio Blanco, autore di un gol in finale, si è distinto per stile e dribbling e non solo per i capelli. Certo, il primo marchio di profumi difficilmente ci consente di trarre conclusioni sul fatto che l’ala destra proveniente dal club di Valencia avrà bisogno di tempo per ambientarsi e non decollerà immediatamente come un razzo. Ma la prima impressione è promettente. È stato ritrovato anche il suo collega Lenz. “È attivo e vuole mostrare cosa può fare”. E lui, che ha circa un decennio più di Berlino, crede che questa leggerezza di cuore sia importante. “Penso che sia un bene che un diciassettenne voglia comportarsi in modo così scortese. È meglio avere la sicurezza di fare qualcosa piuttosto che essere molto attenti. “

READ  Germania sotto pressione dopo la sconfitta - squadre nazionali

SGE: Il nuovo arrivo di Linz è pieno di elogi

Il dinamico difensore ha fatto sua questa saggezza in senso figurato, e difficilmente riesce a contenere il suo entusiasmo per l’unità. “Tutti quelli che vivono a Francoforte sono fan dell’Eintracht – e questo è diverso a Berlino”, ha detto Linz, che ritiene che “lo splendore esterno del club parli da solo”. FitzBogen: “L’attesa è grande”.

Stabilisce anche standard elevati in termini di sport. “Vogliamo fare una buona stagione come la scorsa”, ha detto. “Questo è ciò che ci aspettiamo da noi stessi”. Sebbene Lenz conosca solo la maggior parte dei suoi compagni di squadra come avversari, la sua immagine è coerente: “La squadra è sana, funziona. C’è una qualità misteriosa in essa. “Naturalmente, deve sopportare un triplo fardello di duro trekking, un sacco di giochi e poco altro allenamento.

Non solo, ma anche per questo motivo, l’estremo Linz crede di poter giocare, anche se l’eccezionale Philippe Kostik non lascia il club e resta a bordo. “Philip è molto importante”, ha detto l’ex ferro. Ma devi aspettare e vedere se Glasner costruisce tre o quattro giocatori, e non dimenticare: “Abbiamo molte partite”. Il messaggio: tutti sono richiesti.

Uno piuttosto non più. Il sostituto portiere Elias Bordner sta per trasferirsi in prestito al Victoria Colin di terza divisione. Comunque non aveva prospettive a Francoforte. (Ingo Dorstoitz)