Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La Russia pubblica la lista: Stati Uniti e Repubblica Ceca sono “stati nemici”

Stato: 14.05.2021 22:38

Le tensioni tra Russia, da un lato, e Repubblica Ceca e Stati Uniti, dall’altro, stanno raggiungendo un nuovo livello: Mosca ha inserito entrambi i Paesi – finora gli unici – nella lista dei “paesi ostili”.

La Russia ha inserito gli Stati Uniti d’America e la Repubblica Ceca nella lista dei “non amichevoli”. Ciò è evidente dall’elenco aggiornato dei paesi. Secondo questo, solo l’ambasciata ceca a Mosca può assumere un massimo di 19 cittadini russi e l’ambasciata degli Stati Uniti non può assumere nessuno. Dopo che le nuove misure sono diventate note, l’ambasciata americana a Mosca ha annunciato che avrebbe fermato in modo significativo i servizi consolari, con poche eccezioni.

Non ci sono altri paesi nell’elenco. Si tratta di un ordine del presidente russo Vladimir Putin. Il mese scorso ha anche firmato una legge che limiterebbe il numero di dipendenti russi nelle missioni diplomatiche e in altre organizzazioni straniere. Il Ministero degli Affari Esteri a Mosca ha giustificato l’imposizione del divieto di lavoro con la possibilità di impiegare cittadini russi nei servizi di intelligence di altri paesi. Per molti russi, lavorare nelle ambasciate occidentali è interessante perché spesso guadagnano molto di più rispetto al mercato del lavoro russo.

Espulsione diplomatica reciproca

Le relazioni della Russia con la Repubblica ceca si sono notevolmente deteriorate da quando Praga ha accusato Mosca di essere coinvolta in un’esplosione del 2014 in un deposito di munizioni ceco a metà aprile. Dopo le espulsioni bilaterali di diplomatici, gli stati baltici di Estonia, Lettonia e Lituania hanno anche espulso diplomatici russi in solidarietà con il governo di Praga, e anche i governi di Ungheria, Polonia e Slovacchia hanno sostenuto Praga.

READ  Afghanistan: l'aeronautica americana ha salvato 823 persone con un solo volo! - Politica all'estero

Anche le relazioni tra Washington e Mosca sono molto tese, con entrambe le parti che si impongono sanzioni a vicenda. Gli Stati Uniti hanno anche espulso i diplomatici russi, come punizione per l’interferenza nelle elezioni presidenziali dello scorso anno e per gli attacchi hacker. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato una rotta più dura su Mosca dopo che il suo predecessore, Donald Trump, è stato accusato di maggiore clemenza nei confronti del capo di stato russo, Putin.

Le relazioni sono state anche tese a causa delle crescenti tensioni nel conflitto ucraino e dei rapporti della Russia con il critico del Cremlino imprigionato Alexei Navalny. In questo contesto, in un’intervista con ABC News a marzo, Biden ha risposto di sì alla domanda se considerasse Putin un “assassino”.

Gravi critiche da Praga

Il ministero degli Esteri ceco ha condannato le azioni della Russia, descrivendola come “un altro passo verso l’escalation delle relazioni non solo con la Repubblica Ceca ma con l’Unione Europea nel suo insieme”. La Russia ha scelto la “via dello scontro” ma si è fatta male e la decisione è stata completamente contraria all’accordo di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Ha effetti negativi sul turismo, sul commercio e sulle comunicazioni tra i cittadini dei due paesi.

Il presidente del Consiglio dell’Unione europea Charles Michel ha parlato di un altro passo nell’escalation che ha minato le relazioni diplomatiche e ha invitato la Russia ad aderire pienamente all’accordo di Vienna. “I tentativi di dividere l’Unione europea sono vani. Piena solidarietà con la Repubblica ceca”, ha scritto Michel su Twitter.

READ  Italia: Almeno 13 persone sono morte in un incidente in funivia in Piemonte