Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La quantità ideale di omega-3 al giorno per abbassare la pressione sanguigna

Omega 3 fa bene alla salute. La ricerca ha già mostrato una vasta gamma di benefici degli acidi grassi. Anche le persone con pressione alta dovrebbero garantire un’assistenza ottimale.

Molti problemi di salute possono essere migliorati attraverso la dieta alleviare la sofferenza. Questo vale anche nel caso della pressione alta: chi soffre deve fare affidamento sugli omega 3. Ma quanto dovresti consumare al giorno per ottenere l’effetto di riduzione della pressione sanguigna? Uno studio internazionale ha ora risposto a questa domanda.

Acidi grassi Omega-3 (EPA/DHA)

Gli acidi grassi Omega-3 (EPA/DHA = acido eicosapentaenoico/acido docosaesaenoico) sono tra i nutrienti essenziali di cui abbiamo bisogno dal cibo. Sono come i pesci grassi per esempio salmoneE il sgombroTonno, sardine, trote o pesce salato Contenere. Puoi anche assumerli attraverso integratori.

Il gruppo di lavoro Omega-3 raccomanda una dose giornaliera superiore a 0,3 grammi di acidi grassi omega-3 (EPA/DHA = acido eicosapentaenoico/acido docosaesaenoico) per le persone sane. Gli individui con malattie cardiovascolari dovrebbero consumare almeno 1 grammo di EPA/DHA al giorno.1 Lo studio, ora pubblicato sul “Journal of the American Heart Association”, è giunto alla conclusione che se vuoi abbassare la pressione sanguigna, dovresti assolutamente aumentare la tua dose giornaliera di omega-3.2

Interessante anche: Differenze tra acidi grassi omega-3 e omega-6

Che cosa ha esaminato lo studio?

Il team di scienziati cinesi e canadesi dietro lo studio ha analizzato 71 studi clinici con un totale di 4.973 persone di età compresa tra i 22 e gli 86 anni. Questi includevano persone sane e quelle con pressione alta o un disturbo del metabolismo dei lipidi. Come parte dello studio, i partecipanti hanno consumato consapevolmente acidi grassi omega-3 per dieci settimane, sotto forma di cibo, integratori o una combinazione dei due.

READ  Delta Nick viene anche da noi? L'epidemiologo fa previsioni sul decorso della malattia in Germania

Interessante anche: Quali sono i reali benefici per la salute delle capsule di olio di pesce?

La dose ideale di omega-3 per la pressione alta

Rispetto ai soggetti che non hanno consumato omega-3, quelli che hanno consumato da 2 a 3 grammi di una combinazione di omega-3 DHA/EPA hanno mostrato un effetto positivo sulla pressione sanguigna. Entrambi i valori (sistolico e diastolico) sono stati misurati con una media di 2 mmHg. Per questo effetto, non importa in quale forma sia stato assunto l’omega-3, se attraverso cibointegratori alimentari o entrambi.

chi dentro alta pressione sanguigna Dovresti considerare di aumentare la loro dose giornaliera di omega-3 forse anche più di 3 grammi. Secondo altri risultati della mega-analisi, ciò può portare ad un aumento dell’effetto positivo del nutriente. 3 grammi al giorno hanno abbassato i valori della pressione sanguigna in media di 4,5 mm Hg. Da 5 grammi al giorno i valori sono diminuiti di circa 4 mm Hg.

Interessante anche: Gli acidi grassi Omega-3 di pesce e alghe hanno la capacità di distruggere i tumori

Scegli pesce, olio di pesce o alghe

100 grammi pesce salato o sgombro Contiene circa 2 grammi di omega 3. 100 grammi di salmone forniscono 3 grammi di nutrienti essenziali. Tuttavia, se non sei in grado di coprire i tuoi bisogni con la tua dieta quotidiana, puoi anche aggiungere integratori. “La maggior parte degli studi ha esaminato gli integratori di olio di pesce piuttosto che l’EPA e il DHA dal cibo”, ha affermato l’autore dello studio Shenji Li dell’Università di Scienza e Tecnologia di Macao (Cina) in un comunicato stampa.3 “Questo suggerisce che il supplemento è un’alternativa per le persone che non possono mangiare regolarmente pesce grasso come il salmone. algheL’integrazione di acidi grassi EPA e DHA è un’opzione per le persone che non mangiano pesce o altri prodotti animali”.

READ  Basso livello di testosterone: aumento del rischio di diabete

Fonti