Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Studio sui cambiamenti climatici: il verde minaccia le piante alpine

Stato: 03/06/2022 10:39

Ricercatori svizzeri hanno valutato diverse immagini satellitari. La loro conclusione: le Alpi stanno diventando sempre più verdi. Quella che sembra essere una buona notizia è in realtà un grosso problema. Questo perché la grande diversità delle specie è minacciata.

Secondo uno studio, le Alpi stanno diventando sempre più verdi a causa del cambiamento climatico. La vegetazione è aumentata al di sopra del limite del bosco in quasi l’80 per cento delle Alpi, scrivono sul Journal of Science ricercatori delle università di Losanna e Basilea. Per lo studio sono state valutate le immagini satellitari dal 1984 al 2021.

Ciò che a prima vista sembra essere una buona notizia è in realtà il contrario. Perché una caratteristica distintiva dell’alta montagna è la presenza di diverse zone climatiche – ci sono animali e piante appositamente adattati a queste zone. Il cambiamento climatico cambia, tra l’altro, la temperatura, la quantità e la distribuzione delle precipitazioni. Di conseguenza, anche le zone climatiche migrano verso l’alto, il che è un problema particolare per piante e animali specializzati nei climi più freddi.

Adattato ma non molto competitivo

Così il cambiamento climatico minaccia la grande biodiversità che si trova in montagna. “Si scopre che l’entità del cambiamento nelle Alpi è stata piuttosto massiccia”, afferma Sabine Rampf dell’Università di Basilea. Le piante colonizzarono nuove aree e la vegetazione in generale divenne più densa e più lunga.

Questo effetto può minacciare piante alpine speciali. “Le piante alpine sono adattabili a condizioni difficili, ma non sono molto competitive”, afferma Rampf. Se le condizioni ambientali cambiano, queste specie specializzate perderanno il loro vantaggio e saranno sostituite da altre specie. “La biodiversità unica delle Alpi è sotto forte pressione”, continua il ricercatore.

“Le montagne crescono”

Un progetto di ricerca cittadino in Baviera, i cui primi risultati sono stati pubblicati all’inizio di aprile, è giunto a una conclusione simile. Per il progetto Exploring Tree Lines, gli escursionisti in montagna hanno fotografato alcune specie arboree, che sono state poi valutate scientificamente e confrontate con dati storici.

A seconda della specie, gli alberi necessitano, tra l’altro, di una certa temperatura per poter crescere. Se fa troppo freddo in quota e il periodo di vegetazione è troppo breve, non sopravviveranno. Il risultato del progetto Citizens è che i limiti di crescita per le specie arboree si sono spostati notevolmente verso l’alto, fino a 400 metri di altezza dalla metà del 19° secolo. “Le montagne stanno crescendo”, afferma Jörg Ewald della Weihenstephan-Triesdorf University of Applied Sciences sui risultati iniziali del progetto pratico.

Sempre più dal bianco al verde

A differenza della vegetazione, il manto nevoso sopra il limite del bosco è cambiato poco dal 1984, secondo uno studio delle Università di Losanna e Basilea. Ha aggiunto che l’esatta profondità del ghiaccio in questione non può essere determinata dalle immagini satellitari. In ogni caso, con il riscaldamento globale, le Alpi passeranno dal bianco al sempre più verde.

“Le montagne più verdi riflettono meno luce solare e quindi portano a un maggiore riscaldamento e quindi a un maggiore restringimento della massa di neve riflettente”, spiega Rampf. L’aumento delle temperature ha causato lo scioglimento dei ghiacciai e lo scioglimento del permafrost, con conseguente scioglimento del ghiaccio Ancora frane, smottamenti e valanghe può condurre.

READ  Nuovi metodi per il trattamento della parodontite - ZWP Online - Portale di notizie dell'industria dentale