Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La presunta “traccia stellare” è tutta un’altra cosa

La presunta “traccia stellare” è tutta un’altra cosa

  1. Pagina iniziale
  2. sapere

creatura:

da: Stendardo Tanya

Confronto: Misterioso percorso stellare nello spazio e vista della galassia IC5249. © HST

Un buco nero che è stato espulso dalla sua galassia e ha lasciato dietro di sé una scia di stelle: questa interpretazione di un fenomeno nello spazio sembra non essere corretta.

Tenerife – All’inizio di aprile, un gruppo di ricerca guidato dal professore di astronomia e fisica Peter van Dokkum dell’Università di Yale ha segnalato un fenomeno nello spazio: una banda stretta e diritta di stelle appena formate, lontana da qualsiasi galassia, ripresa dal telescopio spaziale Hubble. telescopio. Un gruppo di ricerca guidato da van Dokkum lo ha ripreso e ha escogitato anche una teoria nel diario Lettere del diario astrofisico pubblicato era diventato.

La teoria: un buco nero supermassiccio è stato espulso dalla galassia che lo ospita, lasciando dietro di sé nuove stelle mentre si fa strada nello spazio. “Niente di simile è mai stato visto da nessuna parte nell’universo”, ha spiegato Van Dokkum dopo la pubblicazione dello studio. Tuttavia, devono esserci molte eccezioni alla teoria del gruppo di ricerca, motivo per cui altri gruppi di ricerca stanno indagando ulteriormente sulla questione. È stato pubblicato un nuovo studio nel diario Astronomia e astrofisica, ad un risultato completamente diverso. “Nonostante l’innegabile interesse per questa idea”, scrive il gruppo di ricerca, “l’effettiva spiegazione fisica non è priva di difficoltà”.

Un nuovo studio: il buco nero “in fuga” si trasforma in una galassia

“I movimenti, le dimensioni e il numero delle stelle corrispondono a una galassia nell’universo locale”, spiega Jorge Sanchez Almeida dell’Instituto Astrofisica de Canarias (IAC) in uno comunicazione. Almeida è l’autore principale dello studio, che ha trovato una spiegazione più semplice per il fenomeno osservato da Hubble. “Offriamo una spiegazione più tradizionale: la coda della stella è una galassia convergente senza un rigonfiamento”, afferma lo studio. Il leader dello studio Almeida è stato soddisfatto della dichiarazione: “È una grande soddisfazione che tu abbia trovato la soluzione a questo problema. Il nuovo scenario proposto è molto più semplice”.

READ  Una rivoluzione nelle maschere corona: questo paradenti può rilevare SARS-CoV-2
Un gruppo di ricerca scopre uno strano manufatto in una registrazione
Un gruppo di ricerca scopre una strana traccia in un record di Hubble. Si è rivelato essere una stringa di giovani stelle blu di 200.000 anni luce di diametro. Un buco nero è stato espulso dalla sua galassia, provocando la formazione di stelle lungo il percorso. © NASA, Agenzia spaziale europea, Peter van Dokkum (Yale); Elaborazione immagini: Joseph DiPasquale (STScI)

In precedenza, il team di Almeida aveva paragonato la struttura sfocata nell’universo a IC5249, una galassia ben studiata che è priva di rigonfiamenti e ha una massa di stelle simile alla scia di stelle sfocate nello spazio. Con sorpresa di tutti, il gruppo di ricerca ha raggiunto un consenso. “Quando abbiamo analizzato le velocità di questa lontana struttura stellare, abbiamo scoperto che erano molto simili alle velocità di rotazione delle galassie”, spiega la coautrice Mireya Montes. Così hanno deciso di confrontare una galassia molto più vicina e l’hanno trovata “straordinariamente simile”.

L’universo: “una galassia che si comporta come una galassia”

La relazione tra la massa e la massima velocità di rotazione indica anche che la struttura insolita è “una galassia che si comporta come una galassia”, secondo Ignacio Trujillo, anch’egli coinvolto nello studio. “È un oggetto interessante perché è una galassia relativamente grande, molto lontana dalla Terra”, ha spiegato Trujillo. La maggior parte delle galassie vicine alla Terra sono più piccole. (fattura non pagata)