Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La vaccinazione contro l’herpes zoster riduce notevolmente il rischio

La vaccinazione contro l’herpes zoster riduce notevolmente il rischio

  1. 24 vita
  2. malattie

creatura:

da: Giuditta Marrone

Ci sono prove di un legame tra i virus dell’herpes e la demenza. Secondo uno studio, la vaccinazione contro l’herpes zoster dovrebbe prevenire le malattie neurologiche.

Sempre più persone sviluppano la demenza man mano che invecchiano. Si stima che 1,8 milioni di persone soffrano di malattie neurologiche in Germania. Tuttavia, la causa esatta della demenza non è stata ancora definitivamente chiarita. Di conseguenza, non ci sono quasi modi per proteggersi dalla malattia incurabile. In un cosiddetto studio preliminare – una pubblicazione scientifica avanzata che è già pubblicamente disponibile ma non ancora sottoposta a revisione paritaria – gli scienziati hanno ora esaminato il legame tra demenza e vaccinazione contro l’herpes zoster. I risultati mostrano che è chiaro che la vaccinazione può avere un effetto protettivo.

Uno studio dimostra che la vaccinazione contro l’herpes zoster può ridurre significativamente il rischio di sviluppare la demenza

In Germania, circa 1,8 milioni di persone attualmente soffrono di demenza e la tendenza è in aumento. Il vaccino contro l’herpes zoster può proteggerlo. © imageBROKER / Oleksandr Latkun / IMAGO

Poiché vi sono prove crescenti che i virus dell’herpes possono promuovere la demenza, i ricercatori della Stanford University e delle Università di Heidelberg, Mainz e Vienna hanno studiato se esistesse una relazione tra la vaccinazione contro l’herpes zoster e le malattie neurologiche. L’herpes zoster (herpes zoster) è causato dal virus della varicella. I pazienti di solito avvertono prurito, arrossamento della pelle e vesciche e la malattia di solito si risolve da sola dopo alcune settimane. Tuttavia, poiché l’herpes zoster può causare dolore cronico ai nervi, il Comitato permanente per l’immunizzazione (STIKO) raccomanda la vaccinazione, soprattutto per gli anziani, che ha anche lo scopo di proteggere dalla demenza.

Per il loro studio, i ricercatori hanno valutato i dati su vaccinazioni, visite mediche e certificati di morte per persone provenienti dal Galles. Lì, il diritto alla vaccinazione contro l’herpes zoster era basato sulla data di nascita: solo le persone nate dopo il 2 settembre 1933 avevano diritto alla vaccinazione. Un’analisi dei dati di quasi 290.000 persone ha rilevato che il vaccino contro l’herpes zoster ha ridotto la probabilità di una diagnosi di demenza del 19,9% nei successivi sette anni. Inoltre, altri risultati hanno mostrato che l’effetto protettivo era significativamente più alto nelle donne rispetto agli uomini.

READ  Psicologia: questi eventi possono cambiare la personalità

Trova altri interessanti argomenti sulla salute nella nostra newsletter gratuita, a cui puoi iscriverti qui.

Rischio ridotto di demenza: per chi ha senso una vaccinazione contro l’herpes zoster

Diversi studi indicano una possibile relazione tra i virus dell’herpes e il morbo di Alzheimer. Se il virus dell’herpes simplex e il virus della varicella zoster si verificano insieme, una combinazione dei due potrebbe, secondo uno di loro Stabile Stimolazione della formazione delle placche proteiche tipiche della malattia di Alzheimer. Poiché le persone di età superiore ai 60 anni sono particolarmente a rischio a causa di un sistema immunitario indebolito, STIKO consiglia loro il vaccino contro il fuoco di Sant’Antonio, così come per tutte le persone di età superiore ai 50 anni il cui sistema immunitario è stato indebolito da una malattia, a seguito di una malattia del midollo osseo o trapianto di organi o trattamento soppressivo. Inoltre, le persone di età superiore ai 50 anni e quelle con gravi patologie di base, come polmoni, reni o intestino, dovrebbero essere vaccinate.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario pertinente e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o ai farmaci. Non sostituisce in alcun modo una visita dal medico. Sfortunatamente, la nostra redazione non è in grado di rispondere a domande individuali sulle immagini cliniche.