Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La morte del populista forte – Silvio Berlusconi – “Cavalier” dal magro budget – notizie

La morte del populista forte – Silvio Berlusconi – “Cavalier” dal magro budget – notizie

Contenuti

Il miliardario dei media è sempre stato il più vicino a se stesso. Ha regalato all'Italia pochi divertimenti e molti scandali.

Silvio Berlusconi è entrato nel grande campo della politica italiana in un momento in cui altri ne stavano uscendo. Nel 1994, il Partito Cristiano Democratico, il partito Cristiano Democratico che aveva governato il paese per tanto tempo, era appena scomparso in una palude di corruzione. I comunisti si sono già sciolti.

Quest’anno è arrivata l’ora degli imprenditori. “L’Italia è il paese che amo. “È qui che trovo le mie radici, le mie speranze e i miei orizzonti”, ha detto in un videomessaggio, all’epoca ancora quasi un futurista. Entrò in politica perché non voleva lasciare il paese nelle mani di forze antiliberali immature. Si tratta dei comunisti, che allora non esistevano più come partito popolare.

Imperatore dei media

Berlusconi ha portato con sé molto: soprattutto i suoi miliardi e il suo potere mediatico, che gli hanno permesso di essere ovunque fin dall'inizio. Ma anche la straordinaria capacità, dopo la fine della democrazia cristiana, di riunire sotto la sua guida tutte le forze del disperso campo borghese, mentre la sinistra italiana era rimasta così a lungo frammentata.

Qualcosa ha aiutato Berlusconi: poteva promettere l'azzurro. Nel 2001, ha firmato un contratto per apparire in uno show televisivo. In esso prometteva agli italiani di ridurre le tasse, aumentare le pensioni e ridurre il numero dei disoccupati.

Vuote promesse

Berlusconi però non mantenne mai quel contratto. Anche negli anni in cui ha guidato quattro governi, tra il 1994 e il 2011, l’Italia è rimasta in recessione. Le tasse rimasero elevate, l’economia crebbe poco o si contrasse e la classe media diventò più povera. Queste sono le persone che hanno votato Berlusconi.

READ  Mostra del Cinema di Venezia: Adam Driver atteso alla première Ferrari a Venezia - Entertainment

Ricordi dall'archivio video

Quindi la domanda che sorge spontanea è come sia riuscito a controllare la politica italiana per un quarto di secolo. Ha anche tratto vantaggio dal fatto di avere un contatto diretto con le persone come nessun altro.

giocoliere

Molti italiani trovavano simpatico “il Cavaliere”, come veniva chiamato. E anche a causa dei suoi detti e delle sue battute pigre. Ha detto: “La sinistra vuole riportarmi a casa, ma non è così facile perché non ho una sola casa, ma 20 case”.

Nove istantanee della vita de “Il Cavaliere”

Non è una coincidenza che Berlusconi spesso sapesse esattamente cosa il suo pubblico voleva sentire. Aveva abbastanza soldi per misurare accuratamente l'opinione pubblica attraverso vari demoscopi. Spesso formava la sua opinione sulla base di tali sondaggi. Inoltre Berlusconi rappresentava spudoratamente interessi personali. Innanzitutto, il suo impero mediatico.

“Bunga Bunga” e reati fiscali

Già quando era primo ministro si batteva per proprio conto contro la magistratura, che lo indagava anche per le sue tante storie di donne. In una conversazione telefonica registrata dalle autorità, Berlusconi ha organizzato una festa con un amico. Tali festival divennero famosi come “Bunga Bunga”. Hanno invitato le donne, comprese le prostitute. La polizia voleva sapere se tra loro ci fossero minorenni.

Silvio Berlusconi.

leggenda:

Silvio Berlusconi il 16 marzo 2013 a Roma. Nel corso della sua lunga carriera politica, la sua morte è stata annunciata innumerevoli volte.

Keystone/AP/Mauro Scrobogna

Tuttavia, Berlusconi è stato legalmente condannato solo una volta, per frode fiscale. I suoi oppositori hanno sempre temuto che la lotta di Berlusconi contro la magistratura avrebbe danneggiato lo Stato costituzionale italiano. Guardando indietro, si può dire che non ha apportato alcun cambiamento duraturo nel sistema giudiziario.

La verità è che di Berlusconi rimarrà ben poco. Alla fine del suo regno, nel 2011, si lasciò alle spalle un Paese diventato politicamente ed economicamente più debole.