Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Vaccinazione ad Aldi o DM – perché no?”: uno psicologo spiega come si può aumentare la voglia di vaccinarsi – Politica

Cornelia Beach (42 anni) è psicologa e docente di Comunicazione sanitaria all’Università di Erfurt. Per più di dieci anni, ha svolto ricerche sulla psicologia delle decisioni sulla vaccinazione: cosa spinge le persone a vaccinare o no? Dall’inizio della crisi del coronavirus, Beach e il suo team hanno interrogato le persone nell’ambito del Cosmo Study sul loro comportamento nella pandemia, sulla loro percezione del rischio, sulla loro fiducia nel governo e sull’accettazione delle misure.

Signora Beach, da più di un anno sta indagando sulle preoccupazioni dei tedeschi su Corona, sulla loro accettazione delle misure e sul loro comportamento nella pandemia. Come va con noi adesso?
Il carico è notevolmente diminuito. Molti sono preoccupati per la variabile delta e la maggior parte si aspetta anche una quarta ondata intorno a ottobre. Ma in generale, le persone si sentono più libere. E molte persone vaccinate sono davvero felici subito dopo.

Sempre più persone sembrano sentirsi così al sicuro da perdere gli appuntamenti per la seconda vaccinazione. Era previsto?
Dato che abbiamo visto questo fenomeno negli Stati Uniti, non è stato del tutto inaspettato. In alcuni casi, le persone potrebbero aver invece fissato un appuntamento con il proprio medico di famiglia. In linea di principio, è così: gli esseri umani sono pigri per natura. Questo è il motivo per cui è normale che una persona dica che hai mancato una scadenza perché non ritieni che il rischio sia così alto. Ma è imperdonabile e antisociale allo stesso tempo. Perché ogni volta vengono scartate le dosi vaccinali che potrebbero salvare una vita umana.

Lo scorso fine settimana, c’è stata un’accesa discussione sulle sanzioni per la vaccinazione per assenteismo.
Tali punizioni sono prive di significato da un punto di vista psicologico. Temo che anche una piccola punizione possa essere un deterrente, soprattutto per chi comunque non ha deciso per la vaccinazione. Non lo sopportiamo, perché è esattamente quello che vogliamo ottenere. Discutere è meglio. Se assentarsi è socialmente negativo quanto volersi vaccinare, le persone manterranno i loro appuntamenti di propria iniziativa.

La variante delta più contagiosa aumenta il numero di coloro che necessitano dell’immunità di gregge. Il Robert Koch Institute afferma: almeno l’85% delle persone di età compresa tra 12 e 59 anni e il 90% degli anziani di età pari o superiore a 60 anni dovrebbero essere vaccinati. Quanto è realistico questo, data la disponibilità a farsi vaccinare?
Raggiungere un alto tasso di vaccinazione tra gli anziani è realistico. Oltre l’80% degli over 60 è già stato vaccinato almeno una volta. Tuttavia, per loro l’autoprotezione è enorme, perché hanno un rischio maggiore di sessioni di allenamento difficili. Ora siamo a un punto in cui abbiamo bisogno di connetterci con i più piccoli. Qualcosa deve ancora succedere qui. Dobbiamo renderlo il più semplice possibile per loro. Perché hanno già la sensazione di non essere loro stessi in pericolo. Con gli incidenti attualmente così bassi, la loro consapevolezza dei rischi è inferiore. Adesso è un momento molto pericoloso.

READ  Inizia l'estate: le settimane migliori sono ancora avanti? Meteorologia

In quale modo?
Quest’estate assisteremo a una gara contro la variante Delta. Lo si decide ora, non in autunno. Ora dobbiamo ottenere abbastanza persone da vaccinare rapidamente. Il modello RKI parla un linguaggio molto semplice: la differenza tra il 65% completamente vaccinato e il 75% è significativa. Quella che sembra essere una piccola differenza nel tasso di vaccinazione ha un impatto molto chiaro sul numero di infezioni e quindi anche sui ricoveri previsti. Se vacciniamo solo il 65% delle persone di età compresa tra 12 e 59 anni, il tasso di infezione potrebbe salire a meno di 400 a dicembre. Al 75 percento siamo già sotto i 200, all’85 percento intorno al 100. Probabilmente possiamo ancora ricordare l'”appiattimento della curva” dello scorso anno. Questo vale di nuovo ora, solo con la vaccinazione: più veloce è il nostro tasso di vaccinazione, più piatta è la curva. questo è importante. Perché proteggiamo chi non può essere protetto e vaccinato: i nostri bambini sotto i dodici anni. Altrimenti ti ritroverai con questa quarta ondata. Le unità di terapia intensiva saranno occupate da adulti di età inferiore ai 60 anni.

Fare clic per la visualizzazione completa: i calcoli RKI mostrano come il tasso di vaccinazione può influire sugli incidenti.Dati: RKI / screenshot: Tagesspiegel

Come si ottengono persone che sono sostanzialmente pronte per la vaccinazione ma non hanno ancora preso appuntamento?
Sospendendo gli ostacoli il più in basso possibile. Vaccinando dove sono comunque le persone. Puoi fare il test in un DM – perché non vaccinare in un DM o Aldi? I miei amici mi hanno inviato una foto dall’Italia: c’era una tenda per le vaccinazioni della Croce Rossa nella piazza del mercato. Ingresso, vaccinazione, finito. O Israele: champagne e hummus al pub e la vaccinazione. Certamente, è una procedura medica che ha bisogno di istruzione. Ma ci sono medici presenti. Spesso le persone sanno già di voler essere vaccinate. Non sei pronto a cliccare x volte sulla pagina dell’appuntamento o a continuare a chiamare il tuo medico di famiglia. Al momento anche la pressione non è così forte, perché il virus non ci limita più così tanto

Negli Stati Uniti c’era Incentivi o premi parziali per le persone vaccinate. Sarà un modello anche per la Germania – secondo il motto: tra un milione di vaccinati verrà trainata un’auto elettrica?
L’abbiamo esaminato e abbiamo scoperto che solo incentivi molto alti portano qualcosa. Per una magra possibilità di vincere un’auto, probabilmente non avrai molte persone per prenotare un appuntamento. Soprattutto perché è moralmente discutibile: stai pagando le persone per qualcosa che in realtà non vogliono? A mio avviso, dobbiamo davvero fare ciò a cui purtroppo non siamo abituati in Germania: dobbiamo andare dove sono le persone con i servizi sanitari. Ciò è particolarmente vero per i gruppi finora spesso dimenticati. Gli immigrati sono meno vaccinati, le donne e gli individui provenienti da famiglie con un gran numero di persone. Dobbiamo andare a trovarli e parlare con loro. Ci sono alcuni grandi progetti là fuori, ma ne abbiamo davvero bisogno su tutta la linea.

Cosa troviamo interessante: Scrivi se gli intervistati sono a conoscenza della campagna #aermelhoch del governo federale o hanno visitato insieme il loro sito web gegencorona.de non ha un impatto significativo sulla preparazione alla vaccinazione. Questo significa che la campagna è effettivamente inutile?
No. La campagna sta già creando consapevolezza. Quasi il 60 per cento li conosce. Questo è molto per una campagna sana. Semplicemente non fa esitare nessuno a farsi vaccinare. Una volta stampati i poster e creato un sito web, non pensare di aver finito. Questa è l’esperienza dolorosa per chi fa campagne per la salute.

Il confronto avviene online: il poster tedesco con l’attrice Uchie Glass, che mostra il suo braccio dopo essere stato vaccinato. E un poster francese che mostra due bei giovani che si baciano. Oltre a dire: “Sì, un vaccino può avere effetti collaterali desiderabili”. La campagna di vaccinazione dovrebbe essere un po’ eccitante?
Non so se andrebbe bene se il governo federale ci mettesse una coppia che si bacia. Una cosa è chiara: dobbiamo mostrare una visione positiva di dove vogliamo andare di nuovo. E abbiamo bisogno di mittenti diversi dal governo federale. Perché una parte della popolazione ha perso fiducia nel governo federale e quindi non è vaccinata. Ecco perché l’industria culturale, ad esempio, sarebbe un trasmettitore così interessante. I migliori artisti possono riunirsi qui e dire: “Fatti vaccinare così potrai ascoltare i nostri concerti anche in autunno”. O l’industria dei consumi o lo sport. C’è anche un’opportunità mancata nei mercati emergenti, che avrebbe potuto essere sfruttata per questo.