Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Kosovo: 25 soldati KFOR feriti dopo una manifestazione serba

Kosovo: 25 soldati KFOR feriti dopo una manifestazione serba

al di fuori Fratture ossee e ustioni

25 soldati della KFOR feriti dopo le rivolte serbe in Kosovo

Un'auto in fiamme a Zvekan dopo uno scontro tra soldati Nato e manifestanti serbi

Un’auto in fiamme a Zvekan dopo uno scontro tra soldati Nato e manifestanti serbi

Fonte: Reuters

Anche dopo 15 anni di indipendenza, il Kosovo non si è ancora calmato: dopo le elezioni municipali sfuggite di mano, i serbi hanno manifestato contro il presidente albanese in carica. Ora i membri della missione di mantenimento della pace guidata dalla NATO sono intrappolati tra i fronti.

SE 25 soldati della missione di mantenimento della pace a guida NATO in Kosovo (KFOR) sono rimasti feriti durante le rivolte dei manifestanti serbi. L’International Security Force in Kosovo ha dichiarato lunedì sera che “diversi soldati delle unità italiane e ungheresi a Kvor sono stati attaccati senza motivo e hanno riportato ferite con ossa rotte e ustioni a seguito dell’esplosione di bombe incendiarie”.

La KFOR ha condannato gli attacchi alle sue forze e ha sottolineato che tali attacchi erano “totalmente inaccettabili”. I manifestanti serbi, chiedendo la rimozione del sindaco albanese recentemente eletto, hanno tentato di prendere d’assalto l’edificio dell’amministrazione comunale nella città di Zvecan, nel nord del Kosovo.

Violenti scontri hanno scosso la città di Zvecan, nel nord del Kosovo

Violenti scontri hanno scosso la città di Zvecan, nel nord del Kosovo

Fonte: Reuters

Poi la polizia ha usato gas lacrimogeni. I soldati della KFOR sono intervenuti e si sono posizionati tra la polizia ei manifestanti. La televisione di stato serba ha riferito che anche due serbi sono rimasti feriti.

Leggi anche

Un soldato di un'unità tedesca della KFOR nel marzo 2005 vicino a Prizren (Kosovo)

Ad aprile, le autorità del Kosovo hanno tenuto elezioni locali in quattro città a maggioranza serba. Tuttavia, le elezioni sono state in gran parte boicottate dai serbi, quindi i consigli municipali sono stati dominati dalla minoranza albanese nonostante un’affluenza alle urne complessiva inferiore al 3,5%.

READ  Non abbastanza fedele a Putin?: Un'ondata di dimissioni dei governanti in Russia

La Serbia mette le forze armate in massima allerta al combattimento

Il capo della politica estera dell’Unione europea Josep Borrell ha condannato gli scontri. La violenza contro le forze di pace della NATO è “totalmente inaccettabile”. “L’Unione europea invita le autorità del Kosovo e i manifestanti a ridurre la situazione immediatamente e incondizionatamente”, ha scritto Borrell su Twitter. Ha chiesto un dialogo immediato.

Nel frattempo, la Serbia ha messo le sue forze armate in un’elevata prontezza al combattimento. Venerdì, il presidente serbo Aleksandar Vucic aveva già ordinato la prontezza al combattimento, anche se inizialmente a un livello inferiore. L’ufficio del presidente ha detto che Vucic incontrerà gli ambasciatori di Stati Uniti, Italia, Francia, Germania e Gran Bretagna – il cosiddetto gruppo Quint – martedì. Successivamente, terrà incontri separati con gli ambasciatori di Finlandia, Russia e Cina.

Il Kosovo, un paese di 1,8 milioni di persone a maggioranza albanese, ha dichiarato la sua indipendenza dalla Serbia nel 2008, ma Belgrado lo considera ancora oggi una provincia serba. Circa 120.000 serbi vivono in Kosovo. La regione è stata scossa da una guerra devastante nel 1998 e nel 1999.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.