Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Johnson non è riuscito: “Nessun accordo” con i telai degli Stati Uniti

A partire dal: 22/09/2021 18:29

Il primo ministro Johnson ha promesso ai britannici “grandi accordi commerciali” con gli Stati Uniti in modo che possano votare per la Brexit. Ma un accordo bilaterale è sfuggente.

Scritto da Gabe Besinger, ARD-Studio Londra

“No Deal – Le speranze di un accordo commerciale con Biden sono deluse”, titola oggi il Guardian. Una vignetta del Times mostra il primo ministro Boris Johnson che ansima come un cane davanti al presidente degli Stati Uniti. Il meraviglioso mondo degli accordi commerciali una volta era una delle principali promesse della Brexit. Ma ora che gli Stati Uniti hanno dato agli inglesi la freddezza, devono prima bussare alle alleanze commerciali multilaterali.

Gabi Besinger
ARD-Studio Londra

Obama ha dato un po’ di speranza

Di conseguenza, l’opposizione laburista ha avuto il sopravvento al momento della questione oggi alla Camera dei Comuni. “Lasciatemi prima di tutto esprimere le mie condoglianze al Primo Ministro, che si è recato in particolare negli Stati Uniti per non fare assolutamente alcun progresso sull’accordo commerciale che ci era stato promesso”, ha scherzato Angela Rayner, vice leader del partito.

La Brexit aprirebbe orizzonti commerciali completamente nuovi e per i britannici l'”affare più cool” è stata una costante nella mente della campagna Brexit – e una delle promesse centrali fatte da Boris Johnson quando è diventato primo ministro. Gli Stati Uniti d’America erano ovviamente i primi nella lista dei desideri dei partner commerciali.

Poi il presidente degli Stati Uniti Barack Obama aveva già rallentato l’entusiasmo nel 2016 quando era in visita a Londra due mesi prima del referendum sulla Brexit. Gli Stati Uniti non hanno fretta di firmare un accordo bilaterale di libero scambio: “Forse ci sarà un accordo del genere prima o poi, ma certamente non presto”, ha detto all’epoca Obama – perché: “Il nostro obiettivo è attualmente sui negoziati con il blocco economico , l’Unione europea – la Gran Bretagna è da qualche parte dietro”.

READ  RKI: la variante alfa prevale ancora - il delta è ancora raro ال

Biden critica il pass in Irlanda del Nord

Il successore di Obama, Donald Trump pro-Brexit, ha nutrito speranze che la Gran Bretagna non abbandonerà la Brexit. Ma l’attuale presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta ora definendo chiaramente altre priorità e usando come leva la situazione irrisolta che circonda il protocollo dell’Irlanda del Nord come parte del trattato sulla Brexit. Biden, che ha radici irlandesi, ha ripetutamente sottolineato che la pace nella regione non deve essere messa a repentaglio da barriere commerciali. Ma Biden non ha nemmeno toccato l’argomento nello scambio bilaterale, e Johnson ha sottolineato a Washington nel pomeriggio: “Non una parola al riguardo”.

La ragione del premier per rimanere ottimista: “Beh, ho assoluta fiducia che ci sarà un grande accordo di libero scambio con gli Stati Uniti”. Fino ad allora, il suo governo adotterà “provvedimenti concreti” per sostenere le esportazioni. Johnson continua: “Siamo stati in grado di venire a patti sulle controversie tariffarie sulla carne bovina britannica e sul whisky scozzese, e ora siamo in grado di consegnare di nuovo agnello britannico negli Stati Uniti per la prima volta da decenni”.

Previsto di unire alleanze più grandi

I passi pratici includono anche il perseguimento da parte del Regno Unito di alleanze commerciali multilaterali. Ciò potrebbe alleviare la pressione sull’obiettivo di un accordo bilaterale con gli Stati Uniti e fornire un più facile accesso all’ambito mercato americano attraverso la porta sul retro. I britannici stanno negoziando da febbraio per aderire al CPTPP, un sindacato di undici nazioni dell’Asia-Pacifico che include Giappone, Australia e Singapore, tra gli altri. Anche gli Stati Uniti stanno valutando di nuovo l’adesione dopo che l’ex presidente Trump ha lasciato i negoziati di fondazione.

READ  Gommato nel deserto: Hirsch ha indossato pneumatici per auto al collo per due anni - notizie dall'estero

Il ministro dell’Ambiente George Eustice non ha voluto confermare oggi alla BBC che anche i britannici stanno cercando di aderire all’attuale accordo di libero scambio USA-Messico-Canada, come riportato dai media britannici: “Ci siamo già riusciti, abbiamo fatto 60 accordi in tutto il mondo. La nostra preferenza rimane Un accordo bilaterale con gli Stati Uniti, ma non escludiamo nulla. Ma è troppo presto per dire qualcosa”.