Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Italia: un Paese che non ha fatto nulla per l’Ucraina

Italia: un Paese che non ha fatto nulla per l’Ucraina

DIl primo ministro italiano Giorgia Meloni vuole presentarsi come sostenitore dell'Ucraina. Più recentemente, ha visitato Kiev per il secondo anniversario dell'invasione russa dell'Ucraina. Ha firmato un partenariato di difesa di 10 anni con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj.

A Kiev il politico nazionalista di destra ha tenuto anche online il primo incontro della sua presidenza del G7. Già all’inizio dell’anno aveva annunciato che gli aiuti all’Ucraina sarebbero stati uno dei temi centrali del G7. Perché, come ha detto la Meloni sul sito: “Questo Paese è parte della nostra Patria, e noi faremo la nostra parte per tutelarla”.

Questa è la seconda visita della Meloni a Kiev. Poco dopo essere entrato in carica, nell’ottobre 2022, ha effettuato uno dei suoi primi viaggi all’estero nella capitale ucraina. Venerdì è prevista la visita della Meloni al presidente americano Joe Biden, con l'obiettivo di riaffermare lo stretto rapporto tra Usa e Italia. Anche qui il fermo sostegno dell’Italia all’Ucraina contro l’aggressione russa sarà un tema chiave.

Venerdì è invece atteso a Roma il presidente Olaf Scholz, che vuole presentarsi come promotore di ulteriori aiuti all'Ucraina. Lì incontra il presidente Sergio Mattarella.

Continuare a leggere

Ma questo segnale e le grandiose dichiarazioni della Meloni contrastano con gli efficaci aiuti che l'Italia ha inviato all'Ucraina dall'inizio della guerra. Uno sguardo ai numeri mostra che nessun altro paese del G7 ha fornito meno aiuti all’Ucraina dell’Italia. Anche Canada e Giappone, a migliaia di chilometri di distanza, sono molto più avanti di Roma negli aiuti Tracker di supporto per l'Ucraina Keel Institute per l'economia globale.

READ  La notte italiana ha più spazio in una nuova location

Secondo lo studio, l’Italia è al 17° posto tra i paesi donatori con 1,3 miliardi di euro in donazioni finanziarie, umanitarie e militari, nonostante sia la terza economia più forte dell’UE. Se si ignorano gli obblighi che passano attraverso l’UE e si guarda solo agli aiuti promessi a livello bilaterale, l’Italia si trova in una situazione ancora peggiore.

La Francia, che ha numeri altrettanto devastanti, può affermare di fornire a Kiev armi critiche fornendo carri armati e missili a lungo raggio. Allo stesso tempo, il Paese sottolinea i costi del suo deterrente nucleare, di cui avvantaggia l’Europa nel suo complesso.

Continuare a leggere

Alleati politici negli anni: Georgia Meloni e Viktor Orban

L’Italia, d’altro canto, è molto limitata negli aiuti militari. Sebbene il Parlamento abbia recentemente dato il via libera alle consegne di armi nel corso dell’anno in corso, il contenuto esatto e lo scopo di tali consegne rimangono avvolti nel segreto. È chiaro che difficilmente ciò potrà apportare un aiuto significativo alla difesa dell'Ucraina.

Secondo indiscrezioni diffuse dai media italiani, le precedenti otto consegne comprendevano equipaggiamenti di difesa, munizioni di vari calibri, sistemi anticarro e antiaerei del tipo Stinger, motori, missili a razzo Milano, mitragliatrici leggere e pesanti, linee multiuso . Veicoli, obice da campo Fh70 e obice semovente PzH-2000.

Fatta eccezione per le ultime tre armi, tutti gli altri oggetti non sono più utilizzati dall'Esercito italiano, il che contribuisce a dare l'impressione che l'Italia contribuisca solo con una quantità molto piccola di armi.

Pochi aiuti materiali

Nonostante le ripetute pressioni da parte dell’Ucraina affinché inviassero più armi a paesi come la Germania, Zelenskyj si è sempre opposto all’Italia e ha ringraziato l’Italia per il suo sostegno simbolico, lasciando sotto silenzio i pochi aiuti materiali.

READ  Vietato guidare le perle panoramiche d'Italia? Rituali con regole ferree

Questo è probabilmente il motivo per cui l’Ucraina finora è stata felice di annoverare l’Italia tra i suoi alleati, poiché il paese ha tradizionalmente legami molto stretti con la Russia, che fino ad oggi non sono del tutto scomparsi. La coalizione di governo di Meloni comprende il partito conservatore Forza Italia e il partito populista di destra Lega, entrambi conosciuti come apertamente amici della Russia fino allo scoppio della guerra.

In Forza Italia questa mentalità è cambiata dopo la morte del fondatore del partito Silvio Berlusconi, amico personale di Vladimir Putin, e alla guida del partito l'europeista Antonio Tajani, che segue la strategia della Meloni di sostenere l'Ucraina.

In Lega, però, la situazione resta mista. Il leader del partito Matteo Salvini ha recentemente rilasciato dichiarazioni dopo la morte del dissidente russo Alexei Navalny in cui metteva in dubbio se il governo di Putin fosse effettivamente responsabile della sua morte.

In una tavola rotonda a Kiev

In una tavola rotonda a Kiev

Fonte: AFP

Durante la visita di Meloni a Kiev, è diventato chiaro che il sostegno puramente retorico di Zelenskyj da parte dell'Italia potrebbe essere un po' carente nel lungo periodo. Così ha detto – forse sotto l'impressione delle vaghe dichiarazioni di Salvini – che c'erano troppi “amici di Putin” in Italia con cui bisognava occuparsi. Anche se non c’è dubbio che la Meloni sia dalla parte dell’Ucraina, anche la propaganda russa rappresenta un’“arma”, ha detto Zelenskyj in una conferenza stampa congiunta.

Ha chiesto che le argomentazioni degli amici di Putin siano respinte e che i loro visti siano revocati. A tal fine l'Ucraina sta preparando una lista dei “propagandisti russi”, non solo italiani. “È una lunga lista e vogliamo presentarla alla Commissione europea, al Parlamento europeo, ai leader dell'UE e agli Stati Uniti”, ha detto Zelenskyj.

I contenuti di terze parti possono essere trovati qui

Il tuo consenso revocabile alla trasmissione e al trattamento dei dati personali è necessario poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di terze parti affinché i fornitori di contenuti incorporati possano visualizzare i contenuti incorporati. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “ON”, accetti questo (puoi recedere in qualsiasi momento). Ciò include il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali verso paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, in conformità con l'articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo qui. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Resta da vedere se questa lista avrà in seguito effetti tangibili in Italia. Perché anche se l’Italia seguisse la politica di sanzioni contro la Russia concordata congiuntamente dall’UE, finché la Lega co-governa nella coalizione Meloni e l’umore è nel mezzo, le azioni individuali di Roma contro i vicini alla Russia nel proprio paese sono improbabili. La popolazione all’estero è più amichevole verso la Russia di quanto creda la Meloni.

READ  PM italiano: L'UE dovrebbe preoccuparsi di Meloni