Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Italia: Incidente in funivia sul Lago Magior: al processo, l’imputato diventa chiaro: “Sono stato responsabile della sua morte”

  • diMarcus Kiebel

    Vicino

Quattordici persone sono morte in un incidente in funivia sul Lago Magiore. Le indagini mostrano quanto diversamente gli accusati affrontano le tre accuse.

Monaco – Italia * Chiede chiarimenti. Gli investigatori vogliono consegnare rapidamente. Questo fine settimana verrà discussa la domanda: chi è responsabile della morte di 14 persone? Le cause dell’incidente della funivia sul Lago Magiore sono già note: dopo la rottura del cavo di traino, il freno di emergenza non ha funzionato, dopodiché la nave ha accelerato come un proiettile verso la valle della cabina con 15 passeggeri ed è infine caduta a terra da un altezza di 25 metri.

La tragedia avrebbe potuto essere evitata se il dispositivo non fosse stato danneggiato. Ecco perché tre uomini sono stati arrestati per alcuni giorni: il capo della funivia e due tecnici. Sono accusati di accettare la sfortuna con il consenso. Si dice che abbiano deliberatamente disabilitato il freno di emergenza per evitare ritardi nel funzionamento della funivia per motivi tecnici.

Incidente in funivia in Italia: “Sono stato io la causa della tua morte, ma non sono un criminale”

Uno degli accusati sembra avere la coscienza sporca. Così riferisce da Roma RepubblicaIl capo tecnico ha ammesso di aver manipolato il sistema di conseguenza. L’uomo avrebbe ammesso durante l’interrogatorio di tre ore che “ero responsabile della sua morte”. Tuttavia, in diversi altri giorni si era già comportato così: “Non sono un criminale. Non permetterei ai passeggeri di salire se pensassi che la corda si spezzerebbe. “

READ  Impianto geotermico Cyustino, Italia, modello di sostenibilità

Crede di poter almeno lasciare la cella ed essere posto agli arresti domiciliari a seguito della confessione. Il suo avvocato ha fornito un’idea del funzionamento interno del responsabile del servizio in carica: “Il mio cliente era devastato e non mangiava né dormiva da quattro giorni. Questo fardello lo perseguiterà per il resto della sua vita. Gli innocenti sono morti. Potrebbe essere stato suo o mio figlio tra loro. “

Incidente in funivia in Italia: Accusato non rilasciato per incidente aereo

Secondo il capo tecnico, ha sempre agito sulla base delle conoscenze dei due accusati. Tutti e tre devono affrontare lunghe pene detentive per “aver violato le regole di sicurezza più elementari”. Quindi dovrebbe essere con una carica a quattro lati. Non verranno rilasciati per il momento in quanto vi è il rischio di fuga.

Tuttavia, sia il datore di lavoro dell’operatore che il responsabile delle operazioni negano qualsiasi reato, per così dire, portare avanti l’aereo. Il primo è stato accusato di aver ostacolato i lavori di manutenzione necessari per evitare un congelamento temporaneo per motivi economici. Durante l’interrogatorio si dice che abbia chiarito che non aveva alcun interesse. Inoltre: “La sicurezza non è una questione per l’operatore”.

Campo di immondizia nel mezzo della foresta: 14 persone hanno perso la vita in questa cabina della funivia.

© Non autorizzato / Vigili del fuoco / AP / dpa

Incidente in funivia in Italia: mezzo silenzio e bandiere in Piemonte

Anche il terzo si vede imprigionato ingiustamente. La persona incaricata della supervisione della funivia non vuole informare il suo collega sul processo tecnico. Inoltre, la manutenzione non gli causa perdite finanziarie, motivo per cui, a suo avviso, non ha senso rimandarlo.

READ  Euro Under 21: Paesi Bassi, Spagna, Germania, Italia | Minori di 21 anni

Ci sono testimonianze contro gli imputati, il presidente regionale Alberto Sirio ha ordinato questa domenica una giornata di lutto per la regione Piemonte. Alle 12 – quasi una settimana dopo la tragedia – va osservato un minuto di silenzio. Le bandiere si alzano a metà albero. “Niente può alleviare il dolore, ma sentiamo il bisogno di ricordare consapevolmente coloro che hanno perso la vita in questa follia. Il Piemonte non smetterà mai di ricordarli ”, ha detto Sirio. (mg) * merkur.de è un’offerta IPPEN.MEDIA

Rubricklistenbuild: © Non autorizzato / Vigili del fuoco Vigili del fuoco / AP / dpa