Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Israele: sta emergendo una coalizione di governo senza Netanyahu

Due anni, quattro turni di votazioni, ripetutamente un dilemma paralizzante: poco prima della scadenza del termine per la formazione del governo mercoledì prossimo, è diventato chiaro Israele Una straordinaria coalizione di partiti in parte di estrema destra e in parte di sinistra. In termini di sostanza, le differenze in questa potenziale alleanza non potrebbero essere maggiori; Le parti interessate sono unite in primo luogo nella loro opposizione politica all’attuale controverso primo ministro Benjamin NetanyahuChe ha governato il Paese ininterrottamente per quasi dodici anni.

La sua sostituzione ora sembra essere tangibile per la prima volta da anni. All’inizio sembrava cosìCome se Netanyahu uscisse politicamente più forte dell’attuale guerra a Gaza, ma il leader del partito yemenita di estrema destra, Naftali Bennett, ha ora deciso di allearsi con il leader dell’opposizione Yair Lapid del futuro partito Yesh Atid. Oggi, domenica, la radio israeliana ha riferito, secondo le informazioni dell’agenzia di stampa israeliana, il dott. B. Ha aggiunto che l’ex ministro della Difesa ha confermato il suo impegno per la coalizione in colloqui privati. In attesa di annuncio ufficiale.

Secondo altri resoconti dei media, Bennett ha concordato con Lapid sul prossimo periodo legislativo in La KnessetIl parlamento israeliano ha approvato la rotazione della carica di primo ministro: prima Bennett a essere primo ministro per due anni, poi Lapid per altri due anni. Se un governo del genere dovesse emergere, l’era Netanyahu finirà. Il 71enne era già a capo del governo nella seconda metà degli anni ’90; Dal 2009 è primo ministro permanente del partito di destra Likud e di molti dei suoi mutevoli partner della coalizione.

READ  California: tre persone sono morte in un sospetto incidente con un rimorchiatore

Nelle elezioni parlamentari del 23 marzo, il Partito Futuro di Lapid, centrato sulla scena politica, è diventato la seconda forza più potente dopo il Likud di Netanyahu. Ancora una volta, non c’era una maggioranza chiara e Netanyahu non è riuscito a formare il governo. Il 5 maggio, il presidente Reuven Rivlin ha chiesto a Lapid di formare una coalizione. L’autorizzazione è valida solo fino alla mezzanotte di mercoledì.

Se l’alleanza con Bennett diventa ufficiale, Lapid dovrà prima informare Rivlin e poi avrà sette giorni per giurare il suo governo in Parlamento. Ciò richiede una maggioranza semplice di 120 membri della Knesset.

Qual è il piano di Netanyahu?

Ovviamente Netanyahu non vuole lasciare gli affari di governo ai suoi oppositori senza combattere. Domenica, Bennett e il suo acerrimo rivale Gideon Saar del partito di destra Tikva Chadasha (Nuova Speranza) si sono offerti di formare una coalizione in cui i leader dei tre partiti avrebbero ruotato come primo ministro. In un video su Twitter, ha parlato di “un momento cruciale per la sicurezza, il carattere e il futuro dello Stato di Israele”. Bennett e Saar hanno esortato “a impedire la formazione di un pericoloso governo di sinistra”. Sarr, che dovrebbe diventare il primo primo ministro dopo questa proposta, ha già respinto la proposta.

Da parte sua, domenica il Partito del futuro ha tenuto colloqui di coalizione con Tikva Chadasha. Lapid ha già accordi con il partito liberale di sinistra Meretz, il partito laburista e il partito di estrema destra Yisrael Beytenu guidato dall’ex ministro degli Esteri Avigdor Lieberman incontrò. Il politico centrale vuole raccogliere dietro di sé diversi piccoli partiti, anche se sono molto distanti nello spettro politico. La sua alleanza sarà probabilmente un governo di minoranza, che i rappresentanti arabi trascureranno.

READ  Corona-News am Sonntag: sviluppi chiave su SARS-CoV-2 e Covid-19

L’esperto politico israeliano Tal Schneider ha detto domenica che sarebbe necessario un difficile equilibrio su molte questioni negli accordi di coalizione, inclusa la soluzione dei due stati con i palestinesi. Naftali Bennett, in particolare, troverà difficile costringere le forze nazionaliste all’interno del suo partito “di destra” ad allinearsi con il percorso più liberale di Lapid.

Schneider crede che Netanyahu, che dovrebbe essere processato per corruzione, stia giocando il ruolo di un leader attivo dell’opposizione se dovesse essere sostituito. “Forse pensa che questo governo crollerà molto rapidamente”, ha detto all’agenzia di stampa tedesca dpa. In questo caso, conta di vincere un’altra nuova elezione. E poi sarà il quinto voto in due anni.