Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Israele: Biden esorta Netanyahu a “placare intenzionalmente” immediatamente

Paesi esteri Conflitto in Medio Oriente

Biden esorta Netanyahu a “placare intenzionalmente” il cessate il fuoco

Stati Uniti - Politica - Biden - Rappresentanti

Il governo di Joe Biden è stato sottoposto a crescenti pressioni nel conflitto

Fonte: AFP / NICHOLAS KAMM

A questo punto troverai i contenuti di Podigee

Per interagire o visualizzare i contenuti di Podigee e altri social network, abbiamo bisogno del tuo consenso.

Per il secondo giorno consecutivo, uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco a un valico di merci nella Striscia di Gaza. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta ora premendo il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu per un cessate il fuoco.

unAlla luce del deterioramento della situazione nella crisi del Medio Oriente, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta ora lavorando con più forza su Israele per allentare la situazione. La Casa Bianca ha annunciato mercoledì che Biden ha chiamato di nuovo il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu in mattinata (ora locale).

Il presidente degli Stati Uniti ha detto a Netanyahu che si aspetta “una significativa riduzione dell’escalation … in rotta verso un cessate il fuoco” nel corso della giornata. Con questo, Biden ha cambiato la sua offerta – che era stata notevolmente riservata in precedenza -.

Questa è stata la quarta telefonata di Biden e Netanyahu in pochi giorni. Più di recente, Lunedì Biden ha espresso sostegno al cessate il fuoco in una conversazione con il primo ministro israeliano.

Leggi anche

Proteste anti-israeliane a Istanbul circa una settimana fa

Il governo Biden è stato sottoposto a crescenti pressioni nel conflitto. In molti luoghi, recentemente, ci sono state richieste che il governo Biden deve fare di più per risolvere il conflitto. Anche a livello interno, il democratico Biden è stato messo sotto pressione sulla questione, in parte dai repubblicani, ma in parte dai suoi ranghi.

Merci trasferite nella Striscia di Gaza sotto il fuoco

Nel frattempo, le informazioni israeliane hanno riferito che uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco al valico di merci per la Striscia di Gaza per il secondo giorno consecutivo. L’autorità israeliana “Cogat” ha annunciato, mercoledì, che durante l’arrivo degli aiuti umanitari nei territori palestinesi, tre colpi di mortaio sono stati sparati contro l’area di Karm Abu Salem. Poi sono state attivate le sirene. Si è deciso di interrompere l’importazione della merce fino a nuovo avviso. “

La dichiarazione affermava che parte del carico dalla Giordania, che era stato trasportato da diversi camion, era costituito da attrezzature mediche a un ospedale giordano nella Striscia di Gaza. Questa è la seconda volta in 24 ore che il movimento al potere di Hamas nella Striscia di Gaza “ha aperto il fuoco sui mezzi di trasporto con forniture umanitarie e mediche per i residenti della Striscia di Gaza”.

Martedì, due valichi di frontiera nella Striscia di Gaza sono stati presi di mira da militanti palestinesi, dopo essere stati temporaneamente aperti. Secondo l’esercito israeliano, un soldato è rimasto leggermente ferito quando un colpo di mortaio è stato sparato vicino al valico di Erez per i residenti. Il movimento islamista radicale Hamas non ha commentato la notizia dell’attentato.

Leggi anche

I ministri degli esteri dell'Unione europea stanno fornendo consigli tramite video su come rispondere al meglio alla pericolosa escalation di violenza

Dall’inizio della nuova escalation, nove giorni fa, i militanti palestinesi nella Striscia di Gaza hanno lanciato più di 3.700 razzi contro le città israeliane. Quindi, secondo fonti militari, l’aviazione israeliana ha sparato contro circa 1.000 obiettivi nella Striscia di Gaza. Inoltre, mercoledì sono stati nuovamente lanciati razzi dal Libano contro Israele. L’esercito israeliano ha detto di aver identificato quattro proiettili. Due caddero in mare, uno cadde allo scoperto. Missile intercettato dal sistema di difesa missilistica.

Questo è il terzo attacco del suo genere in una settimana. I residenti di Shram, a est di Haifa, hanno detto che una granata è caduta vicino alla città. E ci sono state notizie nei circoli libanesi di missili sparati fuori dal villaggio di Kalila. E ne sono caduti quattro sul suolo libanese. Nessuno ha ammesso di aver lanciato i razzi mercoledì o di precedenti attacchi.

Leggi anche

Allarme missilistico: le persone sulla costa di Tel Aviv cercano rifugio dall'attacco di Hamas

Secondo le informazioni dei servizi di sicurezza libanesi, dietro ai precedenti attacchi missilistici c’era un gruppo palestinese e non l’organizzazione terroristica sciita Hezbollah. Hezbollah è strettamente alleato con l’Iran, acerrimo nemico di Israele. Con la sua milizia controlla, tra le altre cose, il Libano meridionale e quindi il confine con Israele, dove le tensioni aumentano di volta in volta. L’ultima guerra tra Hezbollah e Israele è stata nel 2006.

Israele si difende dagli attacchi da più di una settimana. Due milioni di persone nella Striscia di Gaza sono gravemente colpite dalla nuova escalation di violenza. Decine di migliaia sono state costrette a lasciare le loro case e cercare rifugio nelle scuole delle Nazioni Unite e molte persone sono diventate senzatetto. Il lancio di razzi da parte dei militanti palestinesi ha anche causato ingenti danni alle città e ai paesi israeliani.

READ  Boris Johnson: una nota ironica sulla morte di Corona? Il primo ministro è sotto pressione