Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Israele avverte Hezbollah: “Siamo pronti ad agire su due fronti”

Israele avverte Hezbollah: “Siamo pronti ad agire su due fronti”

HIn un portavoce militare israeliano, le milizie Hezbollah hanno avvertito di ulteriori attacchi al loro confine comune. “Se Hezbollah commette l’errore di metterci alla prova, la reazione sarà mortale”, ha detto lunedì Daniel Hagari. “Israele è pronto ad agire su due fronti, e anche di più”.

L’esercito israeliano aveva precedentemente invitato i residenti di 28 città al confine con il Libano ad andarsene. Hajari ha affermato che ciò consentirebbe alle forze israeliane di “operare su scala più ampia”.

Dopo il grave attacco di Hamas, che governa la Striscia di Gaza, contro Israele, e i contrattacchi israeliani nella Striscia di Gaza, si sono verificati diversi incidenti al confine libanese-israeliano. Domenica Hezbollah ha lanciato razzi e missili anticarro contro Israele, che ha risposto con il fuoco. Una persona è stata uccisa da parte israeliana. Diverse persone sono rimaste ferite.

Si alza il fumo dopo uno scambio di bombardamenti nel villaggio di Al-Dhahira (Libano), vicino al confine con Israele

Fonte: Agenzia di stampa tedesca/Hassan Ammar

Un portavoce di Hezbollah ha confermato che si trattava solo di un avvertimento e non di un’indicazione che il gruppo fosse entrato nel conflitto.

Disaccordo sul cessate il fuoco e sull’apertura delle frontiere

Lunedì mattina l’esercito israeliano ha sospeso per un breve periodo gli attacchi contro le vie di fuga nel sud della Striscia di Gaza. Lo ha detto lunedì il portavoce dell’esercito Avichay Adraee sul servizio online

Ha detto: “Per la vostra sicurezza, approfittate di questo breve momento per spostarvi dal nord e da Gaza City al sud”. L’esercito ha affermato in un altro comunicato di aver individuato due vie di fuga verso sud.

Recentemente ci sono state notizie contrastanti su un possibile cessate il fuoco nel sud della Striscia di Gaza, nonché sull’apertura di un valico di frontiera con l’Egitto. Inizialmente si diceva che Stati Uniti, Israele ed Egitto avessero concordato un cessate il fuoco e quindi le fonti erano i servizi di sicurezza egiziani. Ha aggiunto che ciò sarà accompagnato anche dall’apertura del valico di frontiera di Rafah con l’Egitto. Tuttavia, il valico di Rafah sarà aperto solo fino alle 16 (CEST) di lunedì pomeriggio e solo per la partenza di cittadini stranieri e l’importazione di aiuti umanitari.

Muhammad, 12 anni, di Gaza, vicino al valico di frontiera di Rafah, ferito

Il ferito Mohammed, 12 anni, originario di Gaza, si trova ora vicino al valico di frontiera di Rafah

Fonte: Agence France-Presse/Mohamed Abed

Poco dopo, Israele ha negato il cessate il fuoco. Una dichiarazione rilasciata dall’ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu afferma: “Attualmente non vi è alcun cessate il fuoco e nessun aiuto umanitario nella Striscia di Gaza in cambio del ritiro degli stranieri”. Tuttavia, la finestra temporale sopra menzionata è stata garantita per i rifugiati provenienti dal nord di Gaza.

READ  Elezioni in Francia: duello Macron-Le Pen TV

Sembra che l’effettiva apertura della frontiera con l’Egitto sia stata dimenticata. Il ministro degli Esteri egiziano Samih Shoukry ha detto che Israele ha impedito l’apertura del valico di frontiera di Rafah, è stato riferito lunedì pomeriggio. Nel frattempo, c’è grande disperazione per la chiusura del valico di frontiera. Un gran numero di palestinesi con doppia cittadinanza hanno aspettato lunedì a Rafah per passare dalla Striscia di Gaza all’Egitto e uscire così dalla zona di pericolo. La gente si sedeva sulle borse o si sedeva sul pavimento cercando di confortare i bambini che piangevano.

Schultz e Biden prima del loro viaggio in Israele

Lunedì Israele ha diffuso un altro dato importante: il numero di ostaggi detenuti nella Striscia di Gaza è maggiore di quanto precedentemente noto. Il portavoce militare Daniel Hagari ha detto lunedì che 199 persone sono alla mercé di gruppi estremisti e che le loro famiglie sono state informate. Si parla finora di almeno 155 ostaggi.

Leggi anche

Un volo privato proveniente da Israele è atterrato a Francoforte

A più di una settimana dall’inizio della guerra tra il movimento islamico Hamas e Israele, è aumentato anche il numero dei palestinesi uccisi nella Striscia di Gaza, con rapporti che indicano che sono state uccise 2.750 persone. Il Ministero della Sanità di Gaza, affiliato al movimento Hamas, ha dichiarato lunedì che altre 9.700 persone sono state infettate.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden aveva precedentemente escluso la partecipazione con equipaggio del suo Paese. L’invio di forze americane in Israele non è necessario. Biden ha detto in un’intervista televisiva al programma “60 Minutes” che Israele ha “una delle migliori forze combattenti”. Ma sarebbe un “grosso errore” per Israele occupare la Striscia di Gaza.

READ  La visita di Lavrov: la missione impossibile di Barbuk a Mosca

Sebbene sia convinto che Hamas debba essere completamente eliminato, deve anche esserci un percorso verso la formazione di uno Stato palestinese. Biden è fiducioso che Israele rispetterà le regole della guerra.

Trasmissione speciale WELT: Dopo l’attacco di Hamas a Israele: tutti gli sviluppi della guerra

Secondo l’esercito israeliano, più di 600.000 persone si sono spostate verso sud dopo l’appello per evacuare gli abitanti della Striscia di Gaza. Il valico di Rafah con l’Egitto resterà aperto per diverse ore per gli aiuti umanitari e gli stranieri. Guarda questa e altre notizie su WELT in TV.

Secondo ambienti governativi americani, Biden starebbe valutando anche la possibilità di visitare Israele nei prossimi giorni. Un membro anziano del governo ha detto domenica all’agenzia di stampa Associated Press (ora locale) che una decisione non è stata ancora presa.

D’altra parte, il cancelliere Olaf Scholz crea i fatti: dieci giorni dopo il devastante attacco terroristico compiuto dal movimento islamista Hamas, sarà lui il primo primo ministro a recarsi domani, martedì, in Israele, per, si dice, inviare una delegazione. Un segno di solidarietà. Proseguiremo poi verso l’Egitto, l’unico paese confinante con Israele, che confina anche con la Striscia di Gaza. Schultz dovrebbe incontrare il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi.

Il governo federale non ha avuto contatti con gli ostaggi tedeschi

Secondo il ministro federale della Difesa Boris Pistorius, l’aeronautica militare è pronta per ulteriori voli di evacuazione. “Siamo, per così dire, una compagnia di taxi”, dice il politico socialdemocratico. “Siamo sempre in grado di far uscire più persone.”

Ma forse al momento non ce n’è bisogno. Ma questo potrebbe cambiare dopo un attacco di terra israeliano. Pistorius chiarisce inoltre che al momento non ci sono ulteriori richieste ufficiali da parte di Israele di assistenza militare.

Leggi anche

Anna Will

Domenica sera la ministra degli affari esteri Annalena Baerbock si è espressa sulla situazione dell’ARD. Secondo la politica dei Verdi, il suo ministero non ha alcun contatto con gli ostaggi tedeschi detenuti da Hamas nella Striscia di Gaza. Baerbock ha dichiarato nel programma “An Well” sul canale ARD che la questione è stata al centro delle sue visite in Israele ed Egitto, nonché della recente visita dell’emiro del Qatar a Berlino.

Per quanto riguarda il potenziale ruolo di mediazione di Egitto e Turchia nel rilascio degli ostaggi, il ministro ha affermato che il Qatar e la Turchia in particolare hanno “canali per parlare con Hamas”. Pertanto, il governo federale “ha lanciato un forte appello” a questi stati affinché “attivino questi canali adesso”.

Durante i colloqui il governo ha chiarito ancora una volta che si trattava di “ostaggi tedeschi” e ha fornito fotografie adeguate. “Stiamo cercando di farlo su tutti i canali”, ha detto Baerbock. Una squadra speciale del Ministero degli Affari Esteri si dedica a questo problema “24 ore su 24”.

Guterres vede il Medio Oriente “sull’orlo del baratro”

Lunedì sera il Consiglio di Sicurezza dell’ONU voterà un progetto di risoluzione brasiliano per limitare l’escalation di violenza in Medio Oriente. Secondo i collegi elettorali del consiglio, il voto sull’organo più potente delle Nazioni Unite è previsto a New York a mezzanotte CEST (18:00 ora locale). Probabilmente verrà messo ai voti anche il testo russo concorrente.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres aveva precedentemente chiesto ad Hamas di rilasciare tutti gli ostaggi e a Israele di consentire la consegna di aiuti alla Striscia di Gaza. Domenica Guterres ha avvertito che il Medio Oriente è “sull’orlo del baratro”. Guterres ha affermato che la Striscia di Gaza “sta rimanendo senza acqua, elettricità e altri beni di prima necessità”.

Leggi anche

Matthias Döpfner è amministratore delegato di Axel Springer

La Terza Guerra Mondiale è possibile

Le Nazioni Unite hanno scorte di cibo, acqua, forniture mediche e carburante in Egitto, Giordania, Cisgiordania e Israele che possono essere spedite “entro poche ore”.

Tuttavia, il personale delle Nazioni Unite deve essere “in grado” di portare queste forniture in modo sicuro e senza interruzioni nella Striscia di Gaza e di distribuirle in tutti i territori palestinesi. Il movimento estremista islamico Hamas ha chiesto a Guterres di rilasciare tutti gli ostaggi “immediatamente” e “incondizionatamente”.

Nel frattempo, l’ambasciatore israeliano in Gran Bretagna si è difeso in un’intervista alla BBC dalle accuse secondo cui il suo Paese sta violando il diritto internazionale tagliando le forniture d’acqua a Gaza.

Israele si è ritirato dalla Striscia di Gaza nel 2005. “Secondo il diritto internazionale, devi avere il controllo attivo su un’area per essere responsabile di questi servizi”, ha detto lunedì Tzipi Hotovely all’Early Morning Show di BBC 4. Hamas ha il controllo attivo su Gaza. Pertanto è responsabile anche dell’approvvigionamento idrico.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.