Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Indagini in Austria: quali sono le prospettive per il consigliere Kurtz?

MNel bel mezzo della crisi Corona, il cancelliere austriaco Sebastian Kurz (ÖVP), che guida una coalizione di governo tra conservatori e Verdi dall’inizio del 2020, si trova in una situazione difficile: The Office of the Prosecutor for Economics and Corruption ( WKSTA) lo sta indagando come sospetto su una presunta falsa testimonianza. Curtis respinge fermamente le accuse. Il conflitto ha in parte assunto le caratteristiche di un cabaret, ma soprattutto c’è una domanda seria: crollerà presto la prima alleanza nero-verde in Europa? WELT risponde alle domande più importanti.

Qual è il consigliere che accusa Curtis?

La domanda principale è fino a che punto Curtis sia stato coinvolto nella nomina del suo ex amico intimo, Thomas Schmid, a capo della filiale statale di Obag. È anche comune in Germania che il capo del governo abbia voce in capitolo nell’occupare un ufficio pubblico così importante.

Leggi anche

Ma in sostanza non si tratta del fatto che Kurtz avrebbe potuto avere un effetto. Invece, le accuse sono nella stanza annunciata dal primo ministro in una commissione parlamentare d’inchiesta sul cosiddetto caso Ibiza – sollevato dall’allora vice consigliere dell’FPÖ Heinz Christian Strache e che alla fine portò a nuove elezioni. Per il 2019 – per quanto riguarda la nomina di Schmid come solo informato dell’Amministratore Unico, ma non direttamente coinvolto.

La Procura della Repubblica sta indagando dopo che i verbali della chat che la Cancelleria ha dovuto mettere a disposizione della commissione investigativa di Ibiza sono stati resi disponibili a causa di false dichiarazioni. Le accuse sono riassunte in una lettera d’intesa di 58 pagine.

READ  Famiglia reale: il principe ereditario olandese Amalia deve sposare una donna

Kurtz verrà spedito presto?

Questo è quello che mi aspettavo. Lo presume anche il cancelliere. Ma ha già annunciato che non si dimetterà su questo tema: l’opposizione è furiosa. Tuttavia, potrebbero essere necessari alcuni mesi prima che l’accusa venga presentata perché Kurtz e altri testimoni saranno probabilmente ascoltati in anticipo.

Cosa succede dopo?

Il cosiddetto giudice unico, cioè non un organo giudiziario, deve decidere presso il tribunale regionale di Vienna se il capo del governo austriaco debba essere ritenuto colpevole di falsa testimonianza. La scelta del giudice è molto semplice: deciderà il giudice incaricato delle cause penali che iniziano con la lettera “K” (in breve).

A Vienna si dice che se condannato, Curtis si dimetterà e poi si potranno tenere nuove elezioni. Curtis gareggerà sicuramente di nuovo. Il consigliere non si aspetta una condanna. Secondo Curtis, ha testimoniato “il meglio delle mie conoscenze e convinzioni”.

Leggi anche

Il cancelliere austriaco Sebastian Curtis -

Il fattore decisivo sarà se l’ufficio del procuratore generale di Kurtz potrà provare non solo una dichiarazione falsa, ma anche un’affermazione intenzionale. Questo dovrebbe essere molto difficile, ma non impossibile, secondo i giuristi costituzionali. Ha succintamente sostenuto che il comitato investigativo di Ibiza “ha cercato deliberatamente di porre domande indicative, con accuse”, a volte “creando uno stato d’animo estremamente caldo” e “girando la parola in bocca” e “in qualche modo spingendo le persone a una dichiarazione falsa”.

Cosa c’è nelle mani dei querelanti?

Registri chat dettagliati. Stanno quindi cercando di dimostrare che Curtis “ha affermato erroneamente” di “essere stato solo informato, ma non ha partecipato alla decisione di nominare Schmid come membro del consiglio di amministrazione”. Inoltre, Curtis ha negato “in quanto contraddittorio” di aver fatto “osservazioni sulla formazione del Consiglio di vigilanza dell’OAG”.

Il procuratore generale ha tenuto colloqui in cui Schmid scrive poco prima del turno di candidatura a Obag che tutto è “sulla strada giusta” e “in coordinamento con Sebastian”. Nel marzo 2019, prima della nomina di Schmid a presidente di AUBG, Kurtz ha chiesto di “non renderlo membro del consiglio di amministrazione senza mandato”. “Puoi ottenere comunque quello che vuoi”, ha scritto il cancelliere, e Schmid era soddisfatto, “sono molto felice e amo il mio consigliere”.

Una cosa è certa: a prescindere dal ruolo svolto da Curtis, Schmid, all’epoca alto funzionario del ministero delle Finanze, è stato in grado di svolgere un ruolo chiave nel plasmare il testo della dichiarazione per la carica di presidente dell’Öbag e allo stesso tempo anche avere voce in capitolo in diversi consigli di sorveglianza – che saranno poi eletti

Come interagiscono ÖVP e Verdi?

ÖVP è unita dietro Curtis. I Verdi soffrono, ma finora hanno sostenuto Curtis. Il leader dei Verdi Werner Kugler ha finora solo criticato a bassa voce: “Ci sono limiti alla capacità ufficiale”, ha detto in direzione di Curtis. I Verdi dovrebbero continuare a sostenere Curtis anche se verrà emessa un’accusa. Parti di Green Base stanno ribollendo, non solo a causa di Kurtz, ma anche a causa della politica di immigrazione del governo. Ma i Verdi sono condannati a questa alleanza: in caso di nuove elezioni, il loro risultato nelle elezioni dell’Assemblea nazionale nel 2019 probabilmente crollerà (13,9%).

Qual è il più grande fardello per l’alleanza nera e verde?

Ministro delle finanze Gernot Blumel. Le sue leggendarie lacune di memoria e il comportamento corrotto e arrogante di fronte alla commissione d’inchiesta di Ibiza lo hanno reso il più grande catalizzatore per l’opposizione, ma anche per il partner della Green Alliance. È anche indagato come sospetto per presunte offerte di donazioni di parte all’ÖVP nella cosiddetta operazione di casinò.

La sua casa è stata perquisita a febbraio. Inoltre, Blumel ha rifiutato di consegnare dati e corrispondenza dal suo ministero per più di due mesi, nonostante una richiesta della Corte costituzionale.

Curtis avrà un sostituto per Blumil?

Sì, il rispettato economista globale Gabriel Felbermayr. L’austriaco è attualmente ancora a capo dell’Istituto per l’economia mondiale di Kiel, ma in autunno si trasferirà a Vienna come capo dell’Istituto austriaco di ricerca economica. Il suo capo, Harald Maher, è un confidente di Curtis e approverebbe Felbermayr in qualsiasi momento.