Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

In Cisgiordania: Israele va avanti con la costruzione di insediamenti

Stato: 24/10/2021 19:44

Il nuovo premier israeliano Bennett prosegue la politica del predecessore Netanyahu: il ministero competente ha approvato la costruzione di 1.355 nuovi appartamenti in Cisgiordania. Questa mossa può portare con sé nuovi conflitti.

Il nuovo governo israeliano continua inoltre a sviluppare insediamenti nella Cisgiordania occupata. Un portavoce del ministro dell’edilizia abitativa Seo Elkin ha affermato che sono state pubblicate gare d’appalto per commercializzare 1.355 appartamenti. Sarà costruito in sette insediamenti esistenti.

Questo include 729 appartamenti nell’insediamento di Ariel e 346 appartamenti nell’insediamento di Beit El. “Stiamo facendo ciò che abbiamo promesso”, ha detto Elkin, secondo le informazioni. Dopo un lungo periodo di stagnazione, avrebbe “continuato e rafforzato l’insediamento ebraico in Giudea e Samaria”.

stabilità in gioco

Pochi giorni fa, è stato riferito che sarebbero stati approvati piani di costruzione per oltre 3.000 appartamenti negli insediamenti israeliani e 1.300 appartamenti nei villaggi palestinesi in Cisgiordania. Le autorità avevano già approvato l’approvazione di 2.000 unità abitative negli insediamenti in Cisgiordania ad agosto.

La nuova attività di insediamento potrebbe minacciare la stabilità del governo israeliano altamente diversificato e fragile sotto Bennett. È primo ministro da giugno e guida un’ampia coalizione. Si compone di partiti di destra e di sinistra e un partito arabo. Il 49enne è uno strenuo oppositore di una soluzione a due stati per il conflitto in Medio Oriente. Il suo partito Jamina ha molti sostenitori tra i coloni israeliani in Cisgiordania.

Nessun cambio di governo

Nonostante le posizioni personali di Bennett, il suo governo, a differenza del suo predecessore Benjamin Netanyahu, sta cercando di avvicinarsi alla leadership palestinese nel conflitto. Solo di recente, e per la prima volta dal 2009, le autorità israeliane hanno rilasciato permessi di registrazione ai palestinesi privi di documenti in Cisgiordania.

READ  Barricate e sparatorie: tensioni nel nord del Kosovo

E l’organizzazione israeliana “Peace Now” ha parlato di “prove che questo non è un governo del cambiamento”, secondo il “Jerusalem Post”. Piuttosto, continua la politica di “annessione di fatto” del suo predecessore, Netanyahu. Un parlamentare del partito liberale di sinistra Meretz ha detto al giornale che il governo di Jamena era di 10 gradi più lontano dal governo precedente.

Appello Onu a Israele

Durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967, Israele occupò la Cisgiordania e Gerusalemme Est, tra le altre aree. Ci sono spesso conflitti tra i coloni e la popolazione palestinese. In Cisgiordania vivono circa 2,8 milioni di palestinesi e 475.000 israeliani.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha descritto gli insediamenti nel 2016 come una violazione del diritto internazionale e ha invitato Israele a cessare tutte le attività di insediamento. I palestinesi vogliono stabilire il loro stato in Cisgiordania, nella Striscia di Gaza ea Gerusalemme est.