Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

In che modo le cellule immunitarie trovano i patogeni e le cellule tumorali? Pratica di guarigione

Sistema di navigazione per cellule immunitarie

In che modo le cellule di difesa del sistema immunitario rintracciano o raggiungono gli agenti patogeni o le cellule tumorali il più rapidamente possibile? Come fanno le cellule immunitarie a sapere se sono presenti agenti patogeni? Un team di ricerca tedesco ha studiato queste domande e ha dimostrato che le cellule immunitarie costruiscono una sorta di sistema di navigazione nel corpo con l’aiuto di tag chimici.

I ricercatori dell’Università del Saarland hanno utilizzato un metodo statistico per mostrare come le cellule immunitarie utilizzano marcatori specifici per tracciare agenti patogeni e cellule cancerose o per pubblicizzare un’area come già ricercata. I risultati sono stati recentemente pubblicati sulla rivista specializzata.messaggi di revisione fisica” venire.

Quale strategia usano le cellule immunitarie per perquisire il corpo?

Alcune cellule immunitarie si diffondono nel corpo in cerca di cellule invasori o cellule cancerose. Se ogni cellula immunitaria scansiona casualmente il corpo alla ricerca di agenti patogeni, è alta la probabilità che alcune aree vengano perquisite più di una volta mentre altre non lo siano affatto. È già noto che le cellule immunitarie utilizzano marcatori chimici come tipo di segnale per trasmettere determinate informazioni, ma l’esatta strategia per l’attenuazione rimane poco chiara.

Con un metal detector attraverso il deserto

“Immagina di cercare una pepita d’oro con un metal detector nel deserto”, afferma il professor Heiko Rieger, confrontando il problema affrontato dalle cellule immunitarie del corpo quando cercano intrusi nel corpo. Secondo lo scienziato, non avrebbe senso seguire percorsi predeterminati o camminare ovunque a caso.

corsa contro il tempo

Tuttavia, un’azione efficace è di fondamentale importanza per il sistema immunitario in modo che gli agenti patogeni non si moltiplichino improvvisamente o le cellule tumorali si moltiplichino in modo incontrollabile. Così i ricercatori hanno cercato di capire quando una cellula immunitaria è particolarmente efficace nel cercare intrusi e cellule cancerose dannose.

READ  Lavarsi i denti protegge da diabete, infarti e complicazioni durante la gravidanza

La ‘memoria’ delle cellule immunitarie

Il gruppo di lavoro ha prestato particolare attenzione alla “memoria” delle cellule. Questo si riferisce agli speciali segni biochimici che le cellule immunitarie mettono per localizzare i luoghi nel corpo. Questi tag possono avere funzioni diverse. O attrae ulteriori cellule immunitarie per sostenerlo al fine di eliminare eventuali intrusi o cellule tumorali presenti, oppure il marker indica un’area che è già stata perquisita.

Secondo il gruppo di ricerca, una conoscenza approfondita di questo sistema può rivelare informazioni di vasta portata sui processi nel corpo attraverso i quali è possibile ottenere trattamenti migliori contro il cancro e le malattie infettive.

Tipica procedura calcolata per le cellule immunitarie

Il dottor spiega. Hugo Mayer. A tal fine, i due esperti hanno sviluppato un modello al computer che simula l’azione delle cellule al fine di determinare l’approccio più efficiente. Il dottor conferma. Mayer.

semplici comandi…

Le simulazioni dei fisici sono state in grado di prevedere il percorso più veloce che una cellula avrebbe seguito per trovare il suo nemico. “La ricerca risulta essere più efficace quando una cella, o nella nostra simulazione un cosiddetto agente di ricerca, ha istruzioni semplici sul suo cammino come ‘due passi a sinistra, poi tre passi a destra’ secondo ben definito le probabilità sono seguite”, spiega Meyer.

… combinato con spontaneità

Secondo i ricercatori, la cellula deve anche “ignorare un suggerimento di tanto in tanto per essere il più efficiente possibile”. Se paragonato a un cercatore, questo significa che sta andando in un’area dove ha sentito che c’è dell’oro lì, ma poi devia dal percorso nella posizione in modo da non guardare dove stanno guardando gli altri. Il fisico riassume: “Con questa strategia e già con un promemoria degli ultimi due passaggi, il tempo medio per trovare il bersaglio diminuisce di oltre il 50 per cento rispetto a una ricerca alla cieca casuale”.

READ  Pandemia da Corona Virus: ++ L'infezione sale per sette giorni a 40,8++

Strategie di mixaggio portano all’equilibrio

I due scienziati riassumono: “Se una cellula ignora le prove chimiche, cercherà alla cieca e in modo inefficace”. Se dipendono troppo da un segnale, tendono ad andare in linea retta e sono meno efficienti. Mescolando queste due strategie si trova il giusto equilibrio. (FP)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti medici.

autore:

Diplomi Editor (FH) Volker Plasic

rigonfiamento:

  • Saarland University: i ricercatori hanno trovato un modo ideale per cercare agenti patogeni e cellule cancerose nelle cellule del corpo (data di pubblicazione: 13.08.2021), uni-saarland.de
  • Meyer, H., Rieger, H: Strategie di ricerca non markoviane ottimali con memoria a n passaggi; Fis. Rev. 2021, Journal.aps.org

nota importante:
Questo articolo è solo a scopo di orientamento generale e non è destinato all’uso per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.