Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Immigrazione in Germania: le domande di asilo sono in forte aumento – alto da più di quattro anni

Germania immigrazione in germania

Le domande di asilo sono in forte aumento, il livello più alto in più di quattro anni

Traffic Lights Alliance si basa su un nuovo inizio nella politica sull’immigrazione

La coalizione di Ampel vuole rendere la Germania più attraente per gli immigrati, come dimostra l’accordo di coalizione congiunta. Ad esempio, la naturalizzazione dovrebbe essere accelerata. La critica arriva dal sindacato.

A novembre, 16.500 persone hanno presentato le prime domande di asilo in Germania. L’ultima volta che c’è stato un mese con un accesso maggiore è stato più di quattro anni fa. Ciò è dovuto anche alla rotta bielorussa.

DrLe domande di asilo in Germania sono nuovamente aumentate notevolmente. A novembre sono state presentate 16.520 domande iniziali, più di quattro anni fa. Secondo le statistiche dell’Ufficio federale della migrazione e dei rifugiati (BAMF), questo valore è stato superato l’ultima volta nell’agosto 2017 (16633). In precedenza, questo era il caso solo nel marzo 2017 e tra ottobre 2014 e dicembre 2016 durante la crisi migratoria.

Anche dopo gli anni dal 2014 al 2017, l’immigrazione per asilo in Germania è rimasta alta nel confronto storico ed europeo. Ogni anno, nel complesso, è stata superata la soglia dei 100.000 nelle domande iniziali, anche in Corona 2020. In estate, alle ben note rotte di immigrazione illegale attraverso Spagna, Grecia e Italia è stata aggiunta una nuova rotta attraverso la Bielorussia e la Polonia. Questo è uno dei motivi per cui il numero delle domande di asilo è di nuovo in aumento.

Leggi anche

La cancelliera Angela Merkel se ne va.  Il suo successore, Olaf Schultz, deve affrontare tre grandi problemi nell'Unione europea

Leggi anche

12/02/2020, Remscheid, Renania settentrionale-Vestfalia, Germania - Stagisti nel settore metallurgico, qui in un centro di formazione professionale nell'industria dei metalli e dell'elettricità a Remscheid.  ||  L'approvazione del modulo è disponibile

Da agosto, la polizia federale ha registrato più di 10.500 “entrate non autorizzate legate alla Bielorussia, attualmente in calo”, ha dichiarato l’autorità. Da agosto (474) fino a settembre (1903) e ottobre (5285) il sentiero si sviluppò rapidamente. A novembre, l’ingresso attraverso la Bielorussia è rimasto, secondo la polizia federale, “un totale di 2.849 risultati ad alto livello”. Oltre a questo “campo luminoso” per chi è catturato, è anche possibile che alcuni immigrati inizialmente siano entrati nel Paese inosservati, come in altre parti del confine.

Migranti aspettano al checkpoint di Koznica al confine tra Polonia e Bielorussia a metà novembre

Migranti aspettano al checkpoint di Koznica al confine tra Polonia e Bielorussia a metà novembre

Fonte: Agence France-Presse

Secondo la valutazione delle autorità di sicurezza, le persone che entrano attraverso la Bielorussia di solito chiedono asilo in questo paese e alcune si trasferiscono, ad esempio, nei Paesi Bassi o in Francia. Secondo l’attuale legge sull’asilo dell’UE, ma a malapena rispettata, dovranno presentare le loro domande in Polonia e saranno ridistribuiti in Germania solo se hanno già parenti qui o se sono soggetti ad altre regole eccezionali.

Si dice che la Bielorussia abbia costretto centinaia di persone ad attraversare la recinzione

I campi al confine polacco-bielorusso furono svuotati. Molti dei rifugiati sono ora ospitati in un centro logistico a Proszy, in Bielorussia. Tuttavia, si dice che alcuni di loro abbiano attraversato illegalmente il confine con l’Unione europea.

Fonte: Mondo / Daniel Franz

Il previsto ritorno di Dublino in Polonia non sta avvenendo in gran numero e agli immigrati non viene impedito di continuare a viaggiare non autorizzati. “Il confine tedesco-polacco è un confine interno Schengen che può essere attraversato in qualsiasi momento e in qualsiasi momento”, ha affermato la polizia federale. I rifiuti sono “legalmente consentiti solo se la Commissione Ue è stata informata del ripristino temporaneo dei controlli alle frontiere. Questo non è il caso al confine tedesco-polacco”.

Mentre, grazie all’intensificarsi della protezione del confine polacco e alle pressioni positive della Commissione dell’Unione europea sulle compagnie aeree che trasportavano migranti dal Medio Oriente alla Bielorussia, è iniziato l’allentamento sulla rotta orientale, i principali fattori di forte migrazione di asilo verso la Germania rimangono: il ritorno fuga di profughi è arrivata in Italia e Spagna e Grecia. Il governo federale uscente ha sempre più affrontato questa situazione permanente. I rifiuti alla frontiera non erano consentiti e i trasferimenti verso i paesi responsabili non potevano essere aumentati in modo significativo.

Dall’estate del 2020, i rifugiati già riconosciuti in Grecia hanno sempre più chiesto asilo in Germania. Alla fine dell’anno, alla fine di ottobre erano già 13.700, ha annunciato BAMF WELT. Ma neanche loro verranno restituiti. Il ministro dell’Interno federale uscente Horst Seehofer (CSU) ha dichiarato alla fine di ottobre che a causa della scarsa sistemazione nel paese mediterraneo, solo un migrante è stato rimpatriato nel 2021. Aveva offerto senza successo alla Grecia di finanziare l’alloggio dei rifugiati fino a 50 milioni di euro.

READ  Zelenskyj dubita: "Penso sia un missile russo"