Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il presidente federale Steinmeier: “Le Nazioni Unite non sono un ring per superpoteri”

Stato: 24/09/2021 18:12

Steinmeier è stato il primo presidente federale a parlare alle Nazioni Unite in quasi 40 anni. Ha ricordato agli Stati Uniti, alla Cina e alla Russia la loro responsabilità nei confronti del resto del mondo. Ha anche chiesto una politica estera più intelligente.

Nel suo discorso al Consiglio delle Nazioni Unite a New York, il presidente federale Frank-Walter Steinmeier ha sottolineato la responsabilità delle grandi potenze nei confronti del resto del mondo. La Germania è anche nota per i suoi impegni. Il presidente federale ha rivolto parole di cautela a Stati Uniti, Cina e Russia, che attualmente si stanno frenando a vicenda nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. “Le Nazioni Unite non sono un ring di pugilato neutrale per le potenze mondiali”, ha detto Steinmeier secondo il manoscritto della lettera, alludendo così alle differenze tra le grandi potenze.

‘Pace per il bene di tutti’

Steinmeier ha continuato dicendo che le prerogative delle grandi potenze nel sistema delle Nazioni Unite sono giustificate “solo finché rafforzano e mantengono il sistema di pace internazionale a beneficio di tutti – e non lo ignorano o lo minano in alcun interesse personale. ” Come molti altri paesi in tutto il mondo, la Germania ha a lungo sostenuto la riforma del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, con solo cinque paesi che detengono un seggio permanente e un potere di veto (USA, Russia, Cina, Francia e Gran Bretagna).

Nel 2027 e nel 2028, Steinmeier annunciò che la Germania avrebbe fatto nuovamente domanda per l’adesione temporanea al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. A lungo termine, la Germania cerca un seggio permanente nel più importante organo delle Nazioni Unite. Ma finora, tutti gli sforzi per espandere il consiglio non hanno prodotto nulla.

READ  Terrore e zone problematiche: la lotta della Francia per l'immigrazione

“La Germania conosce le sue responsabilità”

Date le elezioni del Bundestag di domenica e il grande interesse globale per la futura traiettoria della più forte potenza economica dell’UE, Steinmeier in precedenza ha sottolineato: la Germania continuerà a partecipare con forza alla politica europea ed estera dopo le elezioni del Bundestag. “In questo momento di transizione politica nel mio Paese, vorrei assicurarvi che anche dopo queste elezioni, la Germania rimarrà un Paese che riconosce e accetta la propria responsabilità internazionale”.

Europa forte

Allo stesso tempo, il presidente federale ha chiesto una maggiore partecipazione tedesca ed europea. La Germania è convinta che alle grandi e aperte questioni sull’umanità si possa rispondere solo con “una cooperazione molto più grande”. Per l’Europa, ha sottolineato, “abbiamo bisogno di una forte politica estera e di sicurezza comune”. Partecipa alla posizione francese. “Solo un’Europa forte può chiedere agli altri di fare la loro parte nel sistema di pace internazionale”.

Solo un’Europa forte può cercare la cooperazione con la Cina, chiedendo al contempo che la Cina rispetti i diritti umani e il diritto internazionale, nonché i legittimi interessi dei suoi vicini.

La caduta di Kabul è un punto di svolta.

Per quanto riguarda l’Afghanistan, Steinmeier ha riconosciuto che la caduta della capitale, Kabul, ad opera del movimento radicale talebano islamista è stata una svolta. Non era possibile stabilire un sistema politico autosufficiente in Afghanistan 20 anni fa. Il presidente federale ha sottolineato che “anche il mio Paese condivide la responsabilità”. Tuttavia, le dimissioni sono la risposta sbagliata. Nel momento della “delusione geopolitica”, la politica estera deve diventare “più onesta, intelligente e più forte”. “Dobbiamo espandere il nostro kit di strumenti: diplomatico, militare, civile e umanitario”. Europei e tedeschi devono anche fare di più per la propria sicurezza, nonché per la pace e la stabilità nel nostro vicinato e nel mondo.

READ  Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si tira indietro: "Facebook non uccide le persone"

Steinmeier ha sostenuto l’aumento della spesa per la difesa tedesca negli ultimi anni, ma ha anche affermato: “Le generazioni future non ci giudicheranno oggi in base alla potenza militare, ma in base alla nostra capacità di risolvere problemi e conflitti”. Ciò include la diplomazia. E così Steinmeier ha proseguito il discorso del presidente Usa Joe Biden, che martedì, all’inizio del dibattito generale Onu, ha annunciato una nuova era della diplomazia dopo 20 anni di servizio militare in Afghanistan.

Il partenariato transatlantico è importante

Steinmeier ha menzionato esplicitamente la Libia, l’Ucraina orientale e il Medio Oriente. Ha invitato l’Iran a riprendere quanto prima i negoziati sull’accordo nucleare internazionale. Il presidente federale ha riconosciuto l’esistenza di un forte partenariato transatlantico, avvertendo allo stesso tempo di non seguire le reazioni al ritiro degli Stati Uniti.

Ha anche indirettamente accennato alla disputa franco-americana sulle spedizioni di sottomarini in Australia. “Nessun vantaggio a breve termine vale le spaccature nella nostra unità transatlantica”.

Cambiamento climatico: un monito contro “l’egoismo nazionale”

Nel contesto del cambiamento climatico, Steinmeier ha messo in guardia contro “l’egoismo nazionale” e ha chiesto decisioni forti alla prossima conferenza sul clima a Glasgow. “Il divario tra i nostri obiettivi ambiziosi e le nostre politiche concrete è ancora troppo grande. Siamo noi che dobbiamo colmare questo divario. E dobbiamo farlo ora”.

Il primo e finora unico discorso di un presidente federale all’Assemblea generale delle Nazioni Unite è stato pronunciato da Karl Karstens nel 1983. Di solito è responsabilità del governo federale presentare le posizioni tedesche ai rappresentanti dei 193 Stati membri delle Nazioni Unite. La cancelliera Angela Merkel (CDU) ha rinunciato al grande palcoscenico mondiale nella settimana che precede le elezioni federali a favore del capo di Stato.