Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il morbo di Alzheimer è un sintomo del normale invecchiamento? Sette idee sbagliate sull’Alzheimer

Düsseldorf (OTS) – C’è ancora molta incertezza sul morbo di Alzheimer. Questo è il motivo per cui l’Alzheimer’s Research Initiative (AFI) senza scopo di lucro corregge sette idee sbagliate sull’Alzheimer.

Il nostro opuscolo “Cos’è il morbo di Alzheimer?” Fornisce una breve panoramica della malattia di Alzheimer. “Cos’è il morbo di Alzheimer?” Può essere ordinato gratuitamente presso l’Alzheimer Research Initiative eV, Kreuzstr. 34, 40210 Dusseldorf; numero di telefono 0211-86 20 66 0; Sito web: www.alzheimer-forschung.de/alz.

Idea sbagliata 1: il morbo di Alzheimer è contagioso.

Non ci sono prove scientifiche che il morbo di Alzheimer sia contagioso negli esseri umani. Negli esperimenti sugli animali, è possibile che il morbo di Alzheimer venga trasmesso in condizioni di laboratorio. Tuttavia, questi risultati non possono essere trasferiti a condizioni reali nell’uomo. A parte la protezione attualmente necessaria contro l’infezione da corona, non è richiesta alcuna protezione speciale quando si ha a che fare con i pazienti su base giornaliera.

Idea sbagliata due: il morbo di Alzheimer e la demenza sono la stessa cosa.

Il termine “demenza” deriva dal latino e significa “senza mente”. Di seguito sono riassunti più di 50 diversi disturbi del funzionamento mentale. Demenza è un termine generico e non dovrebbe essere equiparato al morbo di Alzheimer. Il morbo di Alzheimer è la forma più comune di demenza, rappresentando circa i due terzi di tutti i casi. Altre forme di demenza sono, ad esempio, la demenza vascolare, la demenza da corpi di Lewy, la demenza frontotemporale o la demenza nel morbo di Parkinson.

Terzo equivoco: l’alluminio causa il morbo di Alzheimer.

Nell’autopsia del cervello di malati di Alzheimer deceduti, è stata trovata una maggiore concentrazione di alluminio. Tuttavia, i ricercatori presumono che sia un effetto collaterale piuttosto che la causa della malattia. Una relazione causale tra l’aumento dell’assunzione di alluminio e l’incidenza del morbo di Alzheimer non è stata scientificamente provata. Gli studi sullo sviluppo e la diffusione del morbo di Alzheimer non mostrano prove di una relazione tra alluminio e morbo di Alzheimer.

READ  Alluvione di Ahrweiler: vaccinazioni Corona per tutti nel bus delle vaccinazioni

Idea sbagliata n. 4: i malati di Alzheimer muoiono perché si dimenticano di respirare.

Le persone con malattia di Alzheimer non dimenticano di respirare. Inoltre, non muoiono direttamente per il morbo di Alzheimer, ma per comorbidità. Nella fase finale della malattia, i pazienti perdono sempre di più fisicamente e alla fine necessitano di cure 24 ore su 24. A causa dell’indebolimento del sistema immunitario di conseguenza, aumenta la suscettibilità alle malattie infettive. Molte persone con Alzheimer muoiono per infezioni respiratorie.

Idea sbagliata 5: il morbo di Alzheimer non è una malattia ma un normale sintomo dell’invecchiamento.

Questa affermazione è ripetuta più e più volte nelle discussioni scientifiche popolari. Tuttavia, è ora possibile visualizzare i depositi proteici dell’amiloide-beta e della tau, che sono caratteristici del morbo di Alzheimer, utilizzando tecniche di imaging. Un cervello organicamente sano può essere molto efficiente nell’invecchiamento, anche se generalmente rallenta. D’altra parte, il morbo di Alzheimer è una malattia che deve essere diagnosticata, curata e ulteriormente studiata.

Idea sbagliata sei: l’Alzheimer non è ancora curabile, quindi non si può fare nulla.

È vero che il morbo di Alzheimer è ancora incurabile. Tuttavia, il morbo di Alzheimer può essere curato. Con i farmaci per l’Alzheimer, il decorso della malattia può essere rallentato e anche gli effetti collaterali come la depressione o l’aggressività possono essere trattati con i farmaci. Le terapie non farmacologiche, come la mobilitazione mentale, fisica ed emotiva, possono mantenere l’indipendenza del paziente per un periodo più lungo e migliorare il benessere.

Mito 7: mia madre o mio padre ha l’Alzheimer, quindi anch’io avrò l’Alzheimer.

La malattia di uno dei genitori non significa necessariamente che la malattia si trasmetta ai figli. Apparentemente solo l’1% circa di tutte le malattie di Alzheimer sono genetiche. Le persone affette di solito si ammalano molto presto, tra i 30 e i 65 anni. L’età è il più grande fattore di rischio nel 99% di tutte le malattie di Alzheimer. I sintomi di solito iniziano solo a partire dai 65 anni. Anche qui esistono varianti genetiche che possono aumentare il rischio di sviluppare la malattia. Tuttavia, non portano a focolai di malattie.

READ  Il Viagra previene la demenza da morbo di Alzheimer? Il principio attivo sildenafil ha ridotto il rischio di malattia di Alzheimer del 69 percento in un ampio studio

materiale fotografico gratuito

www.alzheimer-forschung.de/presse/fotos-videos/

Maggiori informazioni sulla malattia di Alzheimer

www.alzheimer-forschung.de/alzheimer

Informazioni sull’Alzheimer’s Research Initiative eV

L’Alzheimer’s Disease Research Initiative (AFI) è un’organizzazione senza scopo di lucro che detiene un certificato di donazione dal Consiglio tedesco per le donazioni. L’AFI ha finanziato progetti di ricerca di ricercatori impegnati nel morbo di Alzheimer attraverso donazioni dal 1995 e fornisce materiale informativo gratuito al pubblico. Ad oggi, AFI ha sostenuto 327 attività di ricerca per un valore di 13,3 milioni di euro e distribuito oltre 900.000 guide e opuscoli. Le parti interessate e colpite possono trovare informazioni dettagliate sulla malattia di Alzheimer su www.alzheimer-forschung.de e ordinare materiale didattico. Le informazioni sul lavoro dell’associazione e tutte le opzioni di donazione possono essere trovate sul sito web. L’ambasciatore dell’AFI è il giornalista sportivo e presentatore Okka Gundel.

Contatto con i media:

Alzheimer’s Research Initiative eV (AFI) Astrid Marksin Kreuzester. 34 40210 Dusseldorf 0211-86 20 66 28 [email protected] www.alzheimer-forschung.de/presse

Contenuti originali di: Alzheimer Research Initiative e. In quinto luogo, trasmessa da aktuell .news

Sala Stampa: aktuell GmbH notizie