Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il ministro degli Esteri israeliano mette in guardia dagli islamisti: “Se l'Europa non apre gli occhi…” |  Politica

Il ministro degli Esteri israeliano mette in guardia dagli islamisti: “Se l'Europa non apre gli occhi…” | Politica

“Siamo in una terza guerra mondiale contro l’Islam radicale”, ha detto in ottobre al quotidiano Bild Israel Katz, 68 anni, allora ministro dell’Energia israeliano.

E ora Katz, l’attuale ministro degli Esteri israeliano, avverte sul quotidiano BILD che anche l’Europa è colpita da questa “Terza Guerra Mondiale”.

Katz ha ricordato i massacri islamici del 7 ottobre 2023: “Hanno ucciso giovani e anziani, violentato donne, decapitato persone e bruciate vive, compresi i bambini. “Queste stesse cose ci ricordano la Seconda Guerra Mondiale e ciò che accadde al popolo ebraico”.

Ma Katz ha detto: “La guerra che stiamo conducendo oggi non è solo una guerra contro lo Stato di Israele, ma una guerra contro l’intero mondo occidentale”.

Ciò che è accaduto a Israele con Gaza potrebbe accadere anche in Europa

Il deputato del quotidiano Bild Paul Ronzheimer ha incontrato a Gerusalemme il nuovo ministro degli Esteri israeliano Yisrael Katz (68 anni)

Fotografia: Rami Segawi

Ha aggiunto che le concessioni agli islamisti non avrebbero portato a nulla: “Abbiamo visto che, sebbene Israele abbia acconsentito a molte cose a Gaza, compreso l'arrivo di 20.000 lavoratori in Israele, e le forniture di elettricità e acqua, per loro non era importante. Ci abbiamo sempre creduto” A loro importa e lo apprezzano. Tuttavia, non gli è mai importato perché la loro ideologia è quella di uccidere gli ebrei e garantire il governo e l'ideologia dell'Islam.”

Il problema non si limita solo a Israele: “Purtroppo vedo sviluppi simili in alcune parti d’Europa di persone che inizialmente sono arrivate nei loro paesi come rifugiati e, invece di avere un impatto positivo sul paese, stanno gradualmente costruendo un gruppo estremista. ideologia.” “.

READ  Eruzione del vulcano: allerta tsunami nella regione del Pacifico - notizie dal mondo oggi

“Se l’Europa non apre gli occhi e non sa affrontare le conseguenze, quello che è successo a Israele con Gaza finirà per accadere anche in altri paesi europei”, avverte Katz.

La guerra non avrà fine, anche se tutti gli ostaggi verranno rilasciati

Katz ha inoltre affermato che la guerra a Gaza non finirebbe nemmeno se il gruppo terroristico islamico liberasse tutti gli ostaggi israeliani.

Il quotidiano Bild ha chiesto: “La fine dei combattimenti senza la completa distruzione di Hamas è negoziabile per il vostro governo, se alla fine tutti gli ostaggi verranno rilasciati?”

Katz sostiene che solo la pressione militare spingerà Hamas a rilasciare gli ostaggi, motivo per cui Israele non può accettare un cessate il fuoco permanente

Katz sostiene che solo la pressione militare spingerà Hamas a rilasciare gli ostaggi, motivo per cui Israele non può accettare un cessate il fuoco permanente

Fotografia: Rami Segawi

Katz: “La risposta è no. Vogliamo che gli ostaggi vengano rilasciati, e questo avverrà solo sotto pressione militare a Gaza, a Khan Yunis e in tutti gli altri luoghi dove Hamas è presente”.

Inoltre: “Altri paesi come l'Egitto devono mantenere la pressione su Hamas. Ma non siamo d’accordo sul fatto che porremo fine alla guerra senza sconfiggere Hamas militarmente e politicamente”.

Nessun cessate il fuoco permanente

Attualmente a Parigi si stanno svolgendo i negoziati per la liberazione degli ostaggi con i rappresentanti di Stati Uniti, Israele, Qatar ed Egitto. In cambio della liberazione degli ostaggi viene offerta una tregua di 60 giorni, ma non una tregua permanente, sottolinea Katz.

“Il governo ha deciso che abbiamo due obiettivi in ​​questa guerra: 1. Eliminare militarmente Hamas e 2. Riportare a casa tutti gli ostaggi”.

Israel Katz, capo della diplomazia del suo Paese dal 1° gennaio, ha ricevuto il quotidiano Bild al Ministero degli Esteri a Gerusalemme.

Israel Katz, capo della diplomazia del suo Paese dal 1° gennaio, ha ricevuto il quotidiano Bild al Ministero degli Esteri a Gerusalemme.

Fotografia: Rami Segawi

Spiega: “La pressione militare che abbiamo esercitato ha portato al primo accordo sugli ostaggi, al rilascio di oltre 100 ostaggi e al raggiungimento di un cessate il fuoco a breve termine. “Attualmente siamo pronti a tenere colloqui per un'altra breve pausa per condurre ulteriori trattative sugli ostaggi”.

READ  Siberia: “Cadere in una trappola” – L’Ucraina rivendica gli attacchi ai treni

Ma il ministro degli Esteri ha detto: “Quello che è certo è che la condizione è che non poniamo fine alla guerra perché vogliamo raggiungere entrambi gli obiettivi”. Restituire gli ostaggi e garantire che Hamas non governi più Gaza. Attualmente siamo impegnati in difficili trattative per raggiungere questo obiettivo”.

Quanto è probabile una guerra tra Israele e Iran?

Anche il quotidiano Bild si è chiesto se potrebbe scoppiare una guerra tra Israele e Iran.

La risposta di Katz: “Prima di tutto, esiste già una sorta di guerra in cui è coinvolto l'Iran, che danneggia Israele. È più facile per l’Iran agire attraverso i suoi delegati, che si tratti della Jihad islamica nel sud o di Hezbollah nel nord. Anche gli Houthi, che attaccano Israele dallo Yemen, e le milizie sciite in Iraq, hanno già attaccato Israele.

La “testa del serpente” di tutti questi gruppi terroristici è l'Iran. Ciò significa: “Se ci sarà una guerra, sarà una guerra con l’Iran, per così dire”, dice Katz.