Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il governo italiano è rimasto sorpreso dalla nuova misura

Il governo italiano è rimasto sorpreso dalla nuova misura

  1. Pagina iniziale
  2. Panorama

L’Italia attira ogni anno migliaia di vacanzieri con le sue bellissime spiagge. Il governo riferisce che ci sono più coste di quanto si pensasse in precedenza.

Roma – a causa di uno A causa di un contenzioso legale con l’UE, il governo italiano sta rimisurando le sue coste – con un risultato inaspettato. Secondo i nuovi calcoli, le coste dovrebbero essere più di 11.000, invece dei circa 8.000 ipotizzati in precedenza. Aiutato dalle misurazioni, il governo italiano sotto la guida del primo ministro di destra Giorgia Meloni vuole agire contro una legge dell’UE che tratta le spiagge come un “bene scarso” e chiede conseguenze per le spiagge turistiche a pagamento.

Il governo ha nominato un “comitato tecnico” per il suo progetto, che copre l’intera lunghezza del fiume Alcune delle spiagge e delle spiagge più belle d’Italia Non solo stimare, ma misurare accuratamente la prima volta. Secondo il documento, la task force ha successivamente calcolato una lunghezza esatta di 11.172 chilometri e 794 metri. esprime riportato. Nei calcoli sono state incluse anche isole come la Sardegna e l’Elba. Il risultato è sorprendente: 3.000 chilometri di costa in più corrispondono alla distanza di volo da Berlino attraverso il Mediterraneo fino al Cairo in Egitto.

Bilancia governativa italiana

Lo sfondo del sondaggio era il conflitto con l’Unione Europea In totale in Italia sono 30mila le spiagge a pagamento, detti anche “stabilimenti balneri”. Dal punto di vista dell’Unione Europea, le spiagge italiane a pagamento si trovano su suolo pubblico e sono quindi illegali in vista della cosiddetta Direttiva Bolstein varata nel 2006. La direttiva prevede infatti che le concessioni statali debbano essere regolarmente rinnovate per incoraggiare la concorrenza. Una concessione è una partnership tra un governo e una società privata.

READ  Numeri / attuali del virus corona (14 maggio 2021): contagiati e deceduti in Germania, Austria, Italia, Spagna e Francia
Ogni anno milioni di turisti si recano in Italia per le vacanze. Ma la maggior parte delle spiagge è a pagamento. © Matthias Schrader/dpa

Ma l’Italia si rifiuta di indire una nuova gara. Il governo sostiene che le spiagge a pagamento rappresentano un patrimonio storico e culturale che dovrebbe essere sostenuto dalla popolazione locale. Le spiagge creeranno migliaia di posti di lavoro. Il primo ministro Maloney vuole impedire alle aziende internazionali di presentare offerte più alte alle gare d’appalto. Prima della sua elezione aveva dichiarato che “i lidi si venderanno solo sul mio cadavere”.

La costa italiana è migliaia di chilometri più lunga del previsto, un risultato che potrebbe contribuire ad alimentare una controversia legale con l’UE

L’Unione Europea ha avviato una procedura d’infrazione contro l’Italia per la mancata attuazione della direttiva Polkstein. Il governo ora prevede di utilizzare l’accurata ricognizione costiera come argomento nella battaglia legale. Se si può dimostrare che le spiagge non sono un “bene minore”, significa che non sono più soggette alla direttiva Polkstein.

Le spiagge a pagamento in Italia si estendono per oltre 2.143 chilometri su un totale di 11.172 chilometri di litorale. Sebbene costituiscano solo un quinto dell’intera lunghezza della spiaggia e sembrino quasi insignificanti, l’apparenza inganna. Come stabile Citando l’organizzazione per la protezione ambientale Legambiente, 2.143 chilometri di spiagge a pagamento sono per lo più spiagge sabbiose. Il numero totale di spiagge sabbiose del paese è di soli 3.418 chilometri. Ciò significa che 2.143 chilometri rappresentano più del 60%. Secondo la legge italiana è consentito un massimo del 40%.

“L’autore ha scritto questo articolo e poi ha utilizzato un modello linguistico dell’intelligenza artificiale per migliorarlo a sua discrezione. Tutte le informazioni sono state attentamente controllate. Scopri di più sulle nostre politiche sull’intelligenza artificiale qui